In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Estetica dell’architettura” di Pierluigi Panza

Pierluigi Panza, Estetica dell'architettura«Col formarsi dell’estetica o filosofia dell’arte l’attività dell’artista non viene più considerata come un mezzo di conoscenza del reale, di trascendenza religiosa o di esortazione morale. Con il pensiero classico di un’arte come mimesi […] entra in crisi l’idea dell’arte come dualismo di teoria e prassi, intellettualismo e tecnicismo: l’attività artistica diventa un’esperienza primaria e non più dedotta, che non ha fini al di là del proprio farsi. Alla struttura binaria della mimesis succede la struttura monistica della poiesis […]».Questo è quanto scrive Giulio Carlo Argan nel capitolo dedicato al classico e romantico del suo mitico manuale di Storia dell’Arte (ultimo tomo, L’arte moderna).

Il volume di Pierluigi Panza, Estetica dell’architettura (Guerini e Associati), giunto quest’anno alla seconda edizione, parte da questo presupposto per ricostruire il dialogo tra filosofia ed estetica negli ultimi tre secoli(non a caso, lo stesso Argan faceva risalire la rottura della tradizione all’illuminismo) nelle riflessioni di quei pensatori che hanno assunto i due termini come interlocutori di una più ampia considerazione del sistema delle arti. Ideale centro nevralgico dell’impianto discorsivo è il rapporto tra architettura e arte inteso come civiltà, funzionalità, linguaggio, stile, imitazione, trasformazione tecnologica oltre che la valutazione del ruolo dell’artista sia nel senso di creatore-progettista sia in quello di imitatore della realtà; l’arte come bildung e non solo come bellezza e l’architettura come poiesis e non solo come capacità tecnica.

Pensiamo all’idealismo tedesco, secondo cui tutte le arti (inclusa l’architettura, pienamente ricompresa nel novero delle cinque belle arti, assieme a pittura, scultura, musica e poesia) non sono l’espressione di un pur sempre faticoso lavoro artigianale ma «lavoro estetico realizzato da individui dotati di particolare perizia o genio», o a Schelling che considera l’architettura, tra le arti plastiche, quella che più si avvicina alla musica (da Hegel considerata volontà pura e posta quindi sul gradino più alto) poiché dotata, come ogni arte, di utilità (condizione e non principio), rispondendo pienamente alla «caratteristica di ogni arte di rappresentare, nel reale, l’oggettivo e il soggettivo contemporaneamente attraverso l’intuizione».

Si tratta dunque di un’opera che si è guadagnata pieno diritto di lettura per la capacità di tracciare percorsi diversi nel processo conoscitivo, generando informazioni e interpretazioni alternative o integrative rispetto alle tradizionali metodologie speculative a carattere puramente logocentrico,raccontando le trasformazioni attraverso il peculiare linguaggio dell’architettura (campo specifico della rappresentazione urbana) non come mero surrogato di quello dei filosofi ma elevato a proiezione attenta della realtà. Non semplicemente un’antropologia non scritta, piuttosto uno squarcio su ciò che non può essere detto, scritto o finanche narrato, ma progettato e edificato per mezzo di architravi, colonne e capitelli.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Pierluigi PanzaIl testo si risolve strutturalmente in forma di antologia che raccoglie i contributi di quei filosofi che si sono provati in questo complesso dibattito, tematizzati secondo il carattere precipuo del loro pensiero. Si va così da Valery e Heidegger (Costruire e Pensare) a Adorno e Benjamin (Il problema della tecnica), Focillon e Eco (Le forme e il loro codice), Gadamer e Derrida (Ermeneutica e decostruzione), passando per Rousseau, Kant e Santayana (Bellezza e Ornamento), Goethe, Hegel, Spengler (Epoche e stili), Ruskin e Simmel (Materia e Memoria).

Chiaramente Estetica dell’architettura non è libro per una lettura di svago (oppure sì, tutto è relativo). La prima impressione è di trovarsi dinanzi a uno scritto di scolastica memoria, un manuale, un compendio, uno di quei “mattoni” che ci obbligavano a ingoiare per un tedioso esame e che per lo più finiva per essere mandato giù a forza, o a memoria, senza mai essere realmente digerito e metabolizzato. Di certo richiede impegno e una certa familiarità (e simpatia) verso le discipline oggetto d’indagine, ma se pure un lettore incuriosito si lasciasse sedurre dall’idea di una lettura fuori dai soliti recinti argomentativi, potrebbe scoprire – com’è capitato alla sottoscritta – un certo piacere nel riuscire a seguire il filo del discorso senza perdersi, se non qualche volta, utilizzando come coordinate quelle stesse nozioni uggiose dei tempi della scuola, evidentemente non del tutto espulse dalla memoria ma sedimentatesi da qualche parte e pronte a riemergere con un senso di sgomento trionfo. A detrimento del sentimento, sempre più diffuso, che studiare è inutile e la cultura sia aria fritta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.