I 5 comportamenti che ci rendono infelici

Come descrivere le emozioni nel tuo romanzo – 7 suggerimenti

Come leggere più saggi – 3 consigli

Le abitudini di scrittura di Susan Sontag

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogliQuando amavamo Hemingway (Bookme, 2016 – traduzione di Isabella Vaj) di Naomi Wood arriva in Italia dopo aver riscosso un notevole successo in Gran Bretagna, dove l'autrice, americana, insegna scrittura creativa. Si tratta di un originale esempio di biografia romanzata, dove la vita di Ernest Hemingway ci viene raccontata attraverso il punto di vista delle sue quattro mogli, ognuna delle quali ha condiviso con lui una particolare fase della sua turbolenta esistenza. Si comincia con Hadley, compagna degli anni felici della Parigi del primo dopoguerra, della rivalità con Scott Fitzgerald e delle prime affermazioni come scrittore. Poi c'è Pauline detta Pfife, ricca e viziata che lo sottrae ad Hadley e lo riporta negli Stati Uniti, nella bella casa di Key West in cui si ritrova presto abbandonata quando Ernest parte per la Spagna come corrispondente durante la Guerra Civile. Qui incontra Martha, anche lei giornalista, compagna e un po' rivale fino alla liberazione di Parigi nel 1944, quando compare Mary, a cui tocca assisterlo nella parabola discendente che si conclude nel 1961 con il suicidio. In un gioco continuo di rimandi tra passato e presente, ogni donna ci racconta la sua visione della vita, l'amore e il disamore per Ernest, i problemi della convivenza.

Naomi Wood è arrivata nei giorni scorsi in Italia per presentarsi ai lettori italiani, e l'abbiamo incontrata nella sede milanese della De Agostini-Bookme.

 

Cos'ha fatto scattare il desiderio di fare ricerca su un personaggio come Hemingway e sulle donne della sua vita?

Sono sempre stata una fan della sua produzione letteraria, ed ero particolarmente attratta dal suo stile scarno, semplice ed economico, ma il clic è scattato leggendo le lettere d'amore che ha scritto alle sue donne nel corso della vita, in cui il tono della scrittura e il modo di narrare cambiano completamente rispetto ai romanzi. Troviamo una prosa sensuale e sentimentale, con tantissimi nomignoli, e ho pensato che questo fosse un ottimo punto di partenza per costruire un ritratto inedito del personaggio Hemingway.

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Come definirebbe Hemingway come marito?

Come marito dev'essere stato senz'altro orribile, ma questa è una delle domande che mi sono posta di più durante la scrittura: perché se lui fosse stato sempre così mostruoso non ci sarebbe stata una ragione perché queste quattro donne, che comunque erano tutte assolutamente valide, restassero con lui tanto a lungo. Quindi mi sono proprio chiesta: perché sono rimaste lì nonostante i maltrattamenti e i tradimenti?

 

LEGGI ANCHE – Ernest Hemingway – Consigli di lettura

 

In questo senso, ho cercato di mostrare pure il suo lato generoso e più amabile, oltre al fatto che lui, comunque, oltre a spingere e sostenere sé stesso e la sua produzione ha sempre cercato di fare lo stesso anche nei confronti delle mogli. Ho tentato di rispondere a questa potenziale domanda dei lettori nel momento in cui scrivevo il libro, anche quando sostenere un uomo come lui sembrava andare oltre i miei limiti.

 

In un'intervista, ha dichiarato che il trenta per cento della storia è inventato. Non aveva paura di inventare? Dove ha lavorato di più di fantasia?

Sono partita senz'altro dai dati disponibili e ho cercato di essere il più aderente possibile ai fatti storici, cercando al contempo di rendere giustizia alle persone coinvolte nella vicenda, però ci sono anche degli elementi di fiction. Ad esempio, ho letto una frase pronunciata veramente da Mary (la quarta moglie) che aveva incontrato Martha (la terza moglie) a una festa. Martha era arrivata in compagnia di due piloti polacchi e portava un collo di volpe molto vistoso, perciò mi sono chiesta subito cosa potessero dirsi questi due polacchi. Su questo tipo di scelta, quanto inventare e quanto no, ho passato delle notti insonni, ma poi sono arrivata a una tregua con me stessa: settanta per cento di fatti reali e trenta per cento di elementi inventati per me poteva essere un buon compromesso, e alla fine sono stata soddisfatta del risultato.

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Nella ricerca fatta per scrivere il libro c'è qualche particolare che ha scoperto e che ha preferito omettere?

Non c'era nulla che avrei scelto di non inserire: più che altro è stata una questione di spazio, per cui ho dovuto operare delle scelte. Riguardo al sesso, però, devo dire che non me la sono sentita d'inserire delle descrizioni troppo intime ed esplicite, non perché scrivere scene di sesso mi crei problemi, ma per il tipo di personaggio, questo maschio alfa estremamente virile, che forse oggi rischiava di apparire bizzarro, o buffo.

 

Quanto ha letto di meramente storico e documentario e quanto di altri libri sotto forma di romanzo scritti su Hemingway e le sue  mogli, come per esempio La moglie di Parigi, di Paula Mc Lain (Neri Pozza, 2011) che era concentrato su Hadley, la prima moglie?

Probabilmente ho letto troppo, fino a essere quasi ossessionata. In un certo senso, mi sentivo la quinta moglie e ho letto tutte le opere di Hemingway e di Martha Geldhorn, e in questo modo ho tentato di potermi muovere all'interno della mia capacità inventiva basandomi su tutti i fatti di cui ero certa. Invece la parte più letteraria e di fiction l'ho affrontata molto più tardi nel processo di scrittura, perché non volevo esserne influenzata.

 

Nel libro si racconta la vita delle quattro mogli, due delle quali hanno dato a Hemingway complessivamente tre figli, ma di questi figli non si parla quasi mai, come se le donne fossero molto concentrate sul marito, che assorbiva così tanto le loro energie da non lasciare molto spazio per i figli. È così?

Sì, ne parlo poco per due ragioni. La prima è che questo è un dato di realtà, perché soprattutto Pauline, la seconda moglie, era tanto ossessionata dalla felicità di Ernest che non si è mai curata particolamente dei loro due figli. Il fatto poi che lo scrittore volesse avere un ritmo di vita sostenuto e avventuroso, a cui era impossibile far partecipare anche dei bambini, e che non amasse per nulla la routine domestica, ha imposto alla donna una scelta, che ha finito per favorire il marito a discapito dei figli.

 

LEGGI ANCHE – I 29 classici preferiti da Ernest Hemingway

 

La seconda ragione è che tutti i personaggi di cui si parla nel romanzo sono morti, ad eccezione di Patrick, il maggiore dei due figli avuti da Pauline, per cui, nel timore di suscitare reazioni di tipo legale, ho preferito parlare il meno possibile di lui e dei suoi fratelli. Patrick Hemingway è un uomo misterioso e molto ricco, che vive in qualche luogo misterioso del Minnesota e non volevo rischiare di essere magari citata in tribunale per aver scritto cose che gli risultassero sgradite.

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Qual è la moglie che ha amato di più e che in qualche modo riflette qualcosa di suo? E che tipo di commenti le sono arrivati da lettori di sesso maschile?

Sicuramente ho sentito la maggiore vicinanza con Pauline Pfeiffer, la seconda moglie, che all'inizio viene dipinta, e spero di essere riuscita a rappresentare bene questo, come il nemico numero uno, ma già nel secondo capitolo entro in maggiore empatia con lei per varie ragioni.

In Festa mobile Hemingway parla di lei marcandola negativamente in modo molto esplicito, come una specie di diavolo in gonnella, ma lei è l'unica delle mogli che non ha avuto la possibilità di raccontarsi perché è morta prematuramente.

Per quanto riguarda i pareri maschili, molti lettori uomini mi hanno accusato di aver tolto Hemingway dalla gogna troppo presto, di essere stata troppo empatica con lui, e che avrei dovuto lasciarlo più a lungo sulla graticola.

 

Quale delle quattro mogli invece è più antipatica?

Le ho amate tutte allo stesso modo, però quella di cui è stato più difficile scrivere è sicuramente Martha, perché su di lei esiste una ricchissima documentazione, per cui mi sono rimasti pochi spazi creativi, così che per me è stato più complesso parlarne.

 

In un'intervista ha detto che in questa storia non erano tanto le mogli le vittime quanto lo stesso Hemingway, perciò volevo sapere il perché.

In realtà, lui è stato soprattutto vittima di sé stesso, e nessuna di loro è stata vittima nei suoi confronti. Lo svilupparsi di uno stato d'animo depressivo e paranoide e l'attenuarsi di tutti i piaceri della vita sono stati un suo problema molto personale. Le mogli vi hanno preso parte, ma è stato lui la vittima dei propri stati d'animo.

 

Hemingway aveva bisogno di circondarsi d'amore per la sua vita o per la scrittura?

Penso che siano vere entrambe le cose. Non usava le mogli, ma era molto felice del fatto che tutte loro adorassero la sua scrittura e lo sostenessero, anche nel caso in cui non stesse scrivendo il migliore dei suoi libri o i critici lo stroncassero. Sicuramente, come scrittore, ha avuto bisogno di questo fortissimo supporto emotivo da parte delle mogli. Da un lato aveva bisogno d'amore, come tutti noi, ma dall'altro si è anche appoggiato molto alle mogli come se loro fossero il suo editor.

 

Una persona così irrequieta e con poca stabilità come sopravvive? Secondo lei quale era il faro di Hemingway?

Credo che il suo faro siano state proprio le donne. Ha avuto tantissimi incidenti, vicissitudini che l'hanno portato spessissimo vicino alla morte, e probabilmente il femminile in generale tende ad avvicinarsi di meno al pericolo, forse con l'eccezione di Martha, la terza moglie, corrispondente di guerra come lui. Forse sono state proprio le mogli a mantenerlo vivo e a essere i suoi fari nella nebbia.

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Si potrebbe dire che un altro faro nella sua vita è stato l'alcool?

No, perché l'alcool non ha la connotazione positiva che dovrebbe avere un faro. La coazione a ripetere che aveva con le donne era la stessa che lo portava vicino all'alcool. Si sentiva giù, si sentiva male, quindi per darsi coraggio e infondersi la capacità di relazionarsi o di scrivere beveva, ma alla fine era talmente ubriaco da ricominciare il processo di tristezza e di fase bassa. L'alcool non era un faro, ma uno scoglio verso cui andava a sfracellarsi.

 

Perché, allora, neanche una delle mogli ha mai provato a curarlo dall'alcolismo?

Probabilmente si tratta di una questione legata all'epoca: il contesto era differente e sarebbe stato difficile per loro trovare un aiuto, loro stesse del resto erano bevitrici e non disdegnavano l'alcool, e infine Hemingway bevitore diventava un ordigno troppo difficile da disinnescare.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Una delle relazioni più importanti della vita di Hemingway, a parte le mogli, è stata quella con Fitzgerald. Ha indagato un po' anche in quella direzione? Non era un po' lui la quinta moglie, in un certo senso?

È stata una relazione difficile da definire, per certi versi ingannevole. Molte persone ritengono che ci fosse una sfumatura di tipo omosessuale, ma per me si trattava soprattutto dello scontro tra due personalità molto grandi e forti, che volevano sostanzialmente la stessa cosa, cioè essere il miglior scrittore del mondo. A un certo punto, Fitzgerald ha definito sé stesso melanconico e Hemingway megalomane, e per noi è molto più facile entrare in empatia con un melanconico che con un megalomane, però devo dire che resto scettica riguardo a una possibile relazione omosessuale tra i due.

 

La Parigi di Hemingway è più uno stato d'animo che una città reale. Oggi è possibile trovare un posto del genere?

Non lo so. Parliamo della Parigi degli anni Venti, in cui c'era un enorme fermento a livello di sperimentazione letteraria: era un coacervo di artisti, erano tutti lì insieme, vi confluivano per tante ragioni. C'era un cambio molto favorevole, cibo e vino erano buonissimi, potevano tutti loro avere facilmente un aiuto per i figli, con governanti a basso costo, così tutti questi elementi positivi rendevano favorevole vivere lì. Era un luogo-non-luogo che psicogeograficamente poteva avere un senso. Ora non so se ci possa essere qualcosa di analogo. Qualcuno ha suggerito Londra, ma io ci abito e posso dire di no... e non fatemi dire nulla sulla Brexit!

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Una parte della vita di Hemingway molto significativa per lui è stata il suo rapporto con la Spagna. La fascinazione che ha subito da parte della corrida veniva da una certa immedesimazione? Secondo lei lui si vedeva nel torero o nel toro?

Questa analogia è molto bella, e molto utile per comprendere la sua scrittura. Io parto dal presupposto che lui volesse essere il torero, e che questa oscurità elusiva che sfuggiva continuamente lui la vedesse come il toro da uccidere. Gregory, uno dei figli, era stato trovato dallo stesso Hemingway in bagno mentre tentava d'infilarsi le calze della madre: il padre, che aveva difficoltà a comprendere questo comportamento, scrisse a Pauline, la madre di Gregory, dicendo che il figlio soffriva della stessa oscurità che tutti loro condividevano. Senza dubbio il concetto di toro come oscurità che sfuggiva era molto presente in lui. In principio voleva essere il torero, ma di sicuro verso la fine si sentiva molto più simile al toro.

 

Nella costruzione del personaggio Hemingway c'entrava in qualche modo una dose di maschilismo? Torero, pugile, reporter di guerra, bevitore, personaggio insomma emblematico di una certa figura dominante di uomo, con le sue donne sempre un passo indietro: i rapporti di forza tra Hemingway come figura di macho e le donne che lo subivano erano un riflesso dei rapporti più in generale tra uomo e donna?

Sì credo proprio che sia esattamente successo questo. La storia che racconto inizia negli anni Venti, epoca nota per il suo liberalismo in tutti i sensi, per il fatto che la società era permissiva: si poteva vivere in tre e avere una relazione, ci si poteva amare tra donne, e quindi ci si chiede come mai lui si ponesse in un ruolo così conservatore e da macho. Successivamente lo vediamo negli anni Trenta a ritagliarsi addosso un personaggio su misura: scrive su «Esquire», rivista tipicamente maschile, come essere un uomo vero.

La sua potrebbe essere una tipica reazione di fronte alle conquiste ottenute in quegli anni dalle donne e dal femminismo, come il diritto di voto in molti stati. Il desiderio di un maschio alfa dominante poteva essere una specie di contromisura rispetto a questo.

 

LEGGI ANCHE – 8 consigli di scrittura di Ernest Hemingway

Ernest Hemingway raccontato dalle sue quattro mogli

Hilary Mantel afferma che molto spesso, quando siamo trasferiti in un'altra epoca, durante il processo di scrittura ci troviamo di fronte a fatti e affermazioni che suonano difficili da raccontare secondo la nostra sensibilità contemporanea. Però anche in questo caso, come ha fatto anche Hilary Mantel, ho scelto di essere estremamente leale e fedele ai personaggi originali, forzandomi a scrivere cose inammissibili per me come donna contemporanea, ma che per loro invece erano ammissibili.

 

Chi ama Hemingway deve sempre fare i conti con la sua personalità molto spesso respingente, da antieroe e da esempio negativo. Al termine di questo percorso biografico, la sua visione dello scrittore è cambiata? Le piace di più o di meno?

Sicuramente la mia prospettiva è cambiata nel corso dell'opera. All'inizio lo giudicavo un marito tremendo e mi chiedevo perché le donne gli restassero accanto, mentre alla fine mi sono resa conto di quanto è accaduto dopo a queste donne, che si sono comunque rifatte una vita, mentre lui è rimasto incagliato fino a decidere di uccidersi. È stato uno spreco enorme di talento.

 

Questo come autrice, ma come lettrice? Leggere ora le sue opere ha lo stesso valore di prima o assume altre sfumature?

La sua opera continua a piacermi, però è vero che aver conosciuto il suo lato biografico mi mette a conoscenza anche dei punti di debolezza della sua scrittura, perché posso vedere che ci sono libri e passaggi che funzionano meno bene, e andando a verificare scopro che magari corrispondono ai momenti della sua vita in cui era in crisi o attraversava un momento buio.

In Verdi colline d'Africa, ad esempio, scritto nel 1935, Hemingway si rappresenta al centro del libro come uomo molto macho, col grande fucile in mano mentre uccide animali, e questo è una posa molto evidente, perché parallelamente il suo secondo matrimonio stava già andando in fumo. Lui e il suo corpo sono comunque sempre al centro.

 

Ha subito il fascino di Hemingway?

No, alla mia età non vengo più sedotta da questo genere di uomini.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.