In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Emily Dickinson e il suo profondo affetto per il fratello Austin

Emily Dickinson e il suo profondo affetto per il fratello AustinA legare Emily Dickinson al fratello maggiore Austin fu un profondo affetto, al punto che ancora ragazza (all’epoca aveva appena vent’anni) Emily gli scrisse due lettere da cui emerge una grande tenerezza nei suoi confronti.

 

Nella prima lettera, datata 27 ottobre 1850, Emily usa un tono scherzoso per rimproverare «il più ingrato dei fratelli», richiamando molto probabilmente anche alcuni giochi che i due erano soliti fare da bambini:

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

L’affetto di una diciannovenne per il più ingrato dei fratelli ogni tanto mi dà di gomito, e richiede carta e penna.

Permettimi di allacciarti le scarpe, di correrti dietro come un cane. Posso abbaiare, guarda qui! Bau bau! Se poi non è fine non lo so!

Permettimi di essere una bacchetta, per far vedere che non ti batterò, una pietra, perché non la lancerò, una zanzara, perché non pungerò. Permettimi di essere un pollo, che Bettie condirà per cena, un galletto, una squisita, grassa gallina. Canterò nella tomba, il Gallo se ne sta zitto, anche dormendo.

 

LEGGI ANCHE – Emily Dickinson e la sua passione per i fiori

 

In questo mi «degno di acconsentire ad abbassarmi», che collina alta fra me, e te, una collina, parola mia, che è una montagna, sulla quale non oso arrampicarmi. Fammela chiamare «Alpi», o Ande, oppure il «Monte dell’Ascensione».

Ci sono! – tu sarai «Giove» assiso sul grande «Olimpo», a fare la punta ai fulmini, e a scagliarli sui tuoi parenti. Oh, «Jupiter»! disonore! vergogna!

 

LEGGI ANCHE – Emily Dickinson e le sue lettere d’amore e d’amicizia

 

È nella seconda lettera, tratta come la precedente dalla raccolta Lettere d’amore pubblicata da ilSaggiatore con curatela e traduzione di Giuseppe Ierolli, che Emily dimostra apertamente e senza freni l’amore per il fratello che invita a raggiungerla con un candido «vieni nel mio giardino»:

Emily Dickinson e il suo profondo affetto per il fratello Austin

17 ottobre 1851

Diresti che è un mattino deprimente se tu fossi qui – il gelo è stato duro e le poche foglie rimaste sembrano ansiose di andarsene e s’infagottano più strettamente nei loro sbiaditi mantelli come per ripararsi dal gelido vento di nordest. La terra sembra come una povera vecchia signora che fino ad ora è sempre rifiorita dai colpi della sorte, ma in un momento di distrazione alcune ciocche di capelli argentei le escono furtivamente dal cappello, e lei le ricaccia indietro velocemente e pensa che nessuno abbia visto. Le mucche stanno andando al pascolo e ragazzini con le mani in tasca fischiettano per tenersi caldi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non credere che il cielo sarà così corrucciato il giorno in cui verrai a casa! Sorriderà e apparirà felice, e sarà pieno di sole allora – e se pure dovesse corrucciarsi quando il suo figliolo tornerà, c’è un altro cielo, sempre sereno e bello, e c’è un’altra luce del sole, sebbene sia buio là – non badare alle foreste disseccate, Austin, non badare ai campi silenziosi – qui è la piccola foresta la cui foglia è sempre verde – qui è un giardino più luminoso – dove il gelo non è mai stato, tra i suoi fiori mai appassiti odo la luminosa ape ronzare, ti prego, Fratello mio, vieni nel mio giardino!


Per la prima foto (ritratto di Sophie Herxheimer), la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.