Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Elton John, da ragazzo “imbranato” a mito del rock

Elton John, da ragazzo “imbranato” a mito del rockElton John di Tom Doyle, edito da Sperling & Kupfer (traduzione di Sabrina Placidi, Lorenzo Ruggiero e Marilisa Santarone), vuole essere un ritratto appassionato, dietro le quinte, di un mito del rock, che da ragazzo “imbranato”, ma con uno straordinario senso della musica, ha saputo trasformarsi in una popstar di fama mondiale; insomma la moderna versione della favola del brutto anatroccolo.

La vicenda si snoda nei favolosi e contrastati anni Settanta riportati in auge dalla sagace penna di Tom Doyle, giornalista inglese specializzato nelle biografie dei big della musica, e parte dalle numerose interviste inedite al cantante e a persone a lui vicine.

Il volume ha senz’altro il merito di rievocare le fasi cruciali della scalata alla walk of fame di Reginald Dwight, questo il vero nome della popstar britannica, nata a Pinner, vicino a Londra.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Stando al racconto di Doyle, l’artista di Rocket man aveva tutto, tranne il temperamento da divo. Eppure Reginald era dotato di un talento così prorompente da riuscire a trasformarsi nel divo della musica pop che tutti noi oggi conosciamo. Ma in che modo è avvenuto ciò?

Costruendosi una nuova identità fatta di abbigliamenti strani e appariscenti, capelli stravaganti, stivali con il tacco.

E piano piano, come in una favola che si rispetti, cominciano ad arrivare gli album, le hit e quei concerti che lo andranno a consacrare nel gotha del rock, già a partire dalla prima e spettacolare esibizione avvenuta al Troubadour di Los Angeles il 25 agosto 1970, per proseguire con i tour degli anni Settanta-Ottanta.

Il successo però non è solo adrenalina e gratificazione allo stato puro, il più delle volte porta con sé un lato oscuro ed Elton non fa eccezione.

Sono gli anni famigerati degli eccessi, della droga, della presa di coscienza della propria omosessualità, ora dichiarata con orgoglio, ma prima timidamente sussurrata. E non dimentichiamoci neppure che, in questo difficile momento di vita del cantante, fa anche la comparsa il male del secolo, ossia quella terribile e subdola depressione che viene occultata dal suo stesso staff.

Elton John, da ragazzo “imbranato” a mito del rock

Davvero interessante è vedere come Tom Doyle, sullo sfondo di questo meraviglioso e intenso ritratto, trovi una sorta di astuzia per far emergere figure significative legate in diversi modi al protagonista della sua narrazione. Si va da artisti del calibro di John Lennon fino ad arrivare a mostri sacri come Steve Wonder e Bob Dylan.

Ma non bisogna neppure dimenticare che un personaggio come Elton John ha saputo pure guadagnarsi una certa fama e un certo rispetto presso alcuni esponenti di spicco della Casa Reale britannica: dalla principessa Margaret alla Regina Elisabetta II, la quale lo ha insignito del grande onore del titolo di Baronetto.

Anche se il rapporto più stretto, più sincero ed esclusivo il cantante lo aveva con la compianta Lady Diana Spencer, sua grande amica e confidente. Memorabili e struggenti le accorate note di Candle in the Wind intonate con grande emozione e dolore il giorno dei solenni funerali della “Principessa del Popolo”.

Elton John, da ragazzo “imbranato” a mito del rock

Elton John è dunque vocalist, compositore e pianista di comprovato talento, non a caso a tutt’oggi viene considerato il più grande cantante inglese dai tempi di Paul McCartney.

Perché leggere questa biografia? Perché non è mai banale o scontata, non si limita a una fredda e cerimoniosa descrizione del divo, anzi è proprio tutto il contrario. Chi legge questo racconto di vita vissuta ne rimane totalmente affascinato e colpito in senso positivo, in quanto le vicende narrate emozionano, toccano l’animo e appassionano.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Questo è senza ombra di dubbio un testo per cultori o per fan devoti; ma mi auguro che anche i giovani di questa generazione trovino la voglia e lo stimolo per incontrare, conoscere e apprezzare un artista che ha fatto della musica la sua ragione di vita e il suo manifesto più intimo di essere umano.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.