In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Elsina e il grande segreto”, la fanciullezza di Elsa Morante nella fiaba di Sandra Petrignani

“Elsina e il grande segreto”, la fanciullezza di Elsa Morante nella fiaba di Sandra PetrignaniIn Elsina e il grande segreto (Rrose Sélavy, 2015) Sandra Petrignani fa quello che le riesce meglio: narrare le vite di grandi scrittici con garbo ed esperienza. Questa volta, però, sceglie di rivolgersi “ufficialmente” a lettori giovanissimi, ai quali regala una fiaba-ritratto di una piccola scrittrice spavalda e determinata: Elsa Morante. Nelle pagine di Elsina e il grande segreto, illustrate da Gianni De Conno, la fanciullezza di Elsa Morante diventa l’occasione per riflettere su modelli anticonformisti di famiglia.

Come negli altri suoi ritratti personali e letterari di alcune delle più affascinanti scrittrici del secolo scorso, anche il breve excursus fatto nell’infanzia della scrittrice romana si distingue per la sua grazia. Nelle pagine delle opere di Petrignani la componente biografica assume spesso sfumature palpabili e ricercate. È così ne La scrittrice abita qui (Neri Pozza, 2003), finalista al Premio Strega 2003, ad esempio, in cui la Petrignani compie un viaggio fra case, stanze, oggetti, abitudini e relazioni quotidiane di alcune icone letterarie del Novecento: dal giardino di Grazia Deledda, all’ombra del Monte Ortobene, all’isola di Mount Desert, dove invecchiò Marguerite Yourcenar; da Charleston Farm, dimora dell’intrigante sorella di Virginia Woolf, alla piantagione di caffè acquistata da Karen Blixen nei dintorni di Mombasa. E poi ancora Colette, Marguerite Duras e Natalia Ginzburg, fino a Elsa Morante, del cui matrimonio con Alberto Moravia aveva già raccontato in Addio a Roma (Neri Pozza, 2012).

“Elsina e il grande segreto”, la fanciullezza di Elsa Morante nella fiaba di Sandra Petrignani

In Elsina e il grande segreto Sandra Petrignani guarda il mondo degli adulti attraverso gli occhi della piccola ma agguerrita Elsa Morante, lasciandosi ispirare dallo spirito indagatore di Elsina davanti a piccoli e grandi segreti della vita,quelli che fecero realmente parte del peculiare ménage famigliare della scrittrice romana, cresciuta nel quartiere Testaccio durante gli anni Venti. Attraverso le poesie originali di Elsa (solo un componimento la Petrignani inventa di suo pugno per esigenze narrative) si testimonia anche la precoce vena letteraria di un’autrice che arrivò a firmare capolavori quali La storia e L’isola di Arturo.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

C’è molto di Arturo anche nei ragionamenti della piccola Elsa, detta affettuosamente Elsina. A differenza del giovane selvaggio che cresce solo, a stretto contatto con la natura sulla brulla isola di Procida, Elsina è il cuore pulsante di una famiglia di tre figli (poi quattro), di cui Elsa è la maggiore. Si riconosce però, nella Morante bambina, l’impeto rivoluzionario di Arturo, la fretta di crescere, quel modo così impulsivo di interrogarsi sulle questioni della vita, a partire proprio dai legami famigliari, per entrambi fuori dai canoni tradizionali.

“Elsina e il grande segreto”, la fanciullezza di Elsa Morante nella fiaba di Sandra Petrignani

Così il mondo degli adulti diventa una grande avventura, ricca di imprese leggendarie, e la figura del padre si avvolge di magia. Se Arturo fantastica sui viaggi fuori dall’isola di suo padre, immaginandosi un eroe circondato da affascinanti personaggi come Pugnale volante, Elsina lascia libera la fantasia a proposito della figura dello “zio” Cicco, il quale, a insaputa dei bambini, è in realtà il loro padre biologico. La percezione di questo insolito assetto familiare diventa per i bambini Morante (a cui Augusto Morante, marito della madre, ha dato la paternità legale), capeggiati da Elsa, un “grande segreto”, meravigliosamente incomprensibile ed eccitante: «Siamo speciali perché siamo figli di due padri: uno ci ha dato il nome e un altro la nascita, cioè la vita». E ancora: «Noi Morante siamo bambini speciali, anzi specialissimi. Ci chiamano Morante, ma siamo figli di Ciccio Lo Monaco». Il particolare intreccio famigliare non è invece un segreto nella realtà e lo stesso fratello Marcello, anche lui scrittore, ne scriverà nelle sue memorie autobiografiche.

Elsina e il grande segreto si inserisce all’interno del catalogo di un’apprezzata casa editrice per ragazzi, Rrose Sélavy, per cui altre penne note si sono misurate con la scrittura per l’infanzia.

“Elsina e il grande segreto”, la fanciullezza di Elsa Morante nella fiaba di Sandra Petrignani

È il caso delle “fiabe d’autore” di Carlo Lucarelli, Antonio Moresco, Loredana Lipperini e Paolo Di Paolo il quale, nel suo Giacomo il signor bambino, sceglie, anche lui, di seguire le orme di una giovane gloria letteraria, Giacomo Leopardi.

Proprio grazie alla narrazione esperta di Sandra Petrignani, questo viaggio nell’infanzia di Elsa Morante sarà piacevole per chiunque apprezzi le opere della Morante e si diverta a riconoscere nelle provocazioni di Elsina lo spirito combattivo della scrittrice. Testimonia, inoltre, la vena fantastica che caratterizzò il primo approccio alla scrittura della Morante. Naturalmente, Elsina e il grande segreto resta soprattutto una breve lettura per ragazzi (dai nove anni in su) le cui vite, in modi diretti o indiretti, sono sempre toccate da grandi segreti e da strategie per elaborarli. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.