Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“Elogio del bar” di Goliarda Sapienza: un invito all'espressione della propria natura più autentica

Goliarda Sapienza, Elogio del barLa copertina di Elogio del bar di Goliarda Sapienza (Elliot, 2014) è un invito a sedersi tra le pagine di questo libriccino: due sedie, un tavolino e due tazze su uno sfondo color caffè, o cioccolato. Viene voglia di ordinare a un ipotetico cameriere un po' di tempo per leggerlo, giusto un intervallo tra le incombenze quotidiane.

Mi sono imbattuta per caso in questo libro, raccolta postuma di due racconti intessuti di ricordi autobiografici, quasi a replicare gli incontri fortuiti che possono capitare in un locale pubblico. Come in ogni tentativo di conoscenza, però, le aspettative possono venir deluse e l'attesa di una rivelazione rimanere sospesa in un vuoto di senso. Credevo di poter leggere una sorta di celebrazione dei momenti di pausa-caffè, un flusso lieve di osservazioni su bevande, cibi, umanità varia che sfila e si sovrappone ai precedenti clienti senza soluzione di continuità. Invece alla prima lettura chiudo il volumetto perplessa. Se il primo racconto è un esempio di chiacchierata da bar con effetto sorpresa un po' disturbante, il secondo brano si frammenta in pensieri che sembrano sparsi al vento.

In realtà sono sassolini di provocazione lanciati contro i vetri di un'apparente disinvolta banalità del tema. Non soddisfatta dalla prima impressione, infatti, riprendo in mano la pubblicazione e alla seconda lettura emergono tre blocchi di ricerca, tre problematiche che si sviluppano in questo «spazio voluto dal misconosciuto dio del Caso», il bar. Come durante un viaggio in treno, analogia esplicitata dalla stessa Goliarda, scambiare alcune parole con persone sconosciute e mai più riviste è un'esercitazione verso la saggezza, una lotta contro la censura e l'autocensura, uno scontro permesso dalla sospensione del luogo: si può accordare la confidenza più profonda a rapporti che si concluderanno in un tempo limitato, brevissimo.

La finitezza e la precarietà del momento innescano presagi di morte: già evocata dall'assassino coprotagonista del primo racconto, nel secondo si palesa, anticipata dall'angoscia di aver saltato per un giorno il rito del bar. La mancanza della sosta quotidiana innesca la nevrosi e carica il caffè di poteri scaramantici, quando si apprende della concomitante scomparsa di Cesare Zavattini, il regista grande amico dell'attrice. L'ingenuità di una superstizione contrasta con le preoccupazioni sulla vecchiaia, risolte da una pacifica rassegnazione sull'ineluttabilità del destino umano. Sono inutili i sacrifici per preservare la salute, la «mutilazione del piacere di vivere»non azzera il conto da pagare all'esistenza.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Goliarda SapienzaE se è infruttuoso ogni tentativo di conservarsi, a cosa serve la scrittura? Goliarda Sapienza non scrive al bar, non è perlomeno un'abitudine consolidata, ma si lascia trascinare dalla comunicazione diretta, dal contatto umano. Non si ritira sulla sua penna ma partecipa alle conversazioni, stimolando con larghi sorrisi e domande pungenti il racconto delle vite degli altri.

Il dualismo tra voce e scrittura ricalca la carriera dell'autrice, nata all'Accademia d'Arte Drammatica di Roma e prestata al cinema prima dell'approdo alla letteratura. Sembra quasi di avvertire uno scarto di prospettiva, dall'azione individuale che staglia il protagonista sul palcoscenico alla riflessione dialogica che mescola due coscienze su un piano condiviso. Chissà come avrebbe reagito Goliarda alla comparsa dei social network, luoghi di ritrovo che per certi versi si sono sostituiti al bar. Come avrebbe interpretato la necessità schizofrenica di registrare in tempo reale la cronaca minuta della vita quotidiana, lei che giudicava l'uso in lingua italiana una traduzione, la «fatica inutile di un essere sradicato»?

Io non credo che avrebbe mai scritto un Elogio delle piazze virtuali. Come instaurare una vera corrispondenza di emozioni con la moltitudine che talvolta intasa gli spazi pubblici? L'Elogio del bar invece può essere declamato, e può essere letto come una curiosità, un equivalente dell'aneddoto in una biografia, ma forse è più aderente alle intenzioni dell'autrice considerarlo come un invito all'espressione spontanea della propria natura più autentica. Goliarda Sapienza, da buona siciliana, ha due punti fermi: il caffè e il mare. Uno per riversare le parole, l'altro per accogliere il silenzio. Elogio del bar non sarà un capolavoro imprescindibile, ma è una buona lente per cogliere alcuni dettagli del nostro mondo, e se inclinata bene, per farli incendiare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.