Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Editing ‒ La tensione narrativa con il cliffhanger

Editing ‒ La tensione narrativa con il cliffhangerRiprendo la breve parte di testo della puntata di giovedì scorso, quando, a proposito dell’editing, ponevo quattro domande. 

«Maurizio decise all’improvviso, preso da una strana sensazione, che sua sorella Flavia dovesse smetterla di frequentare Toni, era sicuro che prima o poi sarebbe successo qualcosa di grave, ne era talmente convinto che quella stessa sera la chiamò e le chiese di incontrarsi il giorno successivo al bar sotto casa della loro madre, era il luogo dove anche da adolescenti andavano per parlare con calma di cose importanti, Flavia accettò subito senza chiedere nulla».

 

Le domande erano: hai pensato al ritmo? Hai pensato alla tensione narrativa? Hai pensato alla musicalità? Hai pensato al respiro del lettore?

Avevo provato a rispondere alla prima con semplici modifiche (rimanendo su azioni circoscritte ed esclusivamente di punteggiatura; riparlerò di ritmo nelle prossime puntate). Per la seconda, è necessario confinare un concetto: riflettere sulla tensione narrativa di un romanzo senza avere letto l’intera storia è del tutto inutile. Un distinguo: chi scrive può costruire la tensione narrativa pagina dopo pagina per evitare i cali di tensione ma un editor dovrà dosare anche i cali di tensione, che, ricordiamolo per chiarezza, sono necessari per far funzionare l’aumento di tensione. La revisione di un romanzo dovrebbe avere una visione d’insieme se si intende ragionare sulla tensione narrativa. Appare insensato cambiare una scena o una parte di testo se non si pensa al climax principale della storia. Il climax rappresenta il punto emotivo più importante e a ciò si deve guardare per distillare coinvolgimento emotivo nel lettore.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Perciò, consiglio: se siete un editor, non fissatevi troppo sull’aumento o sul calo di tensione narrativa perché potrete parlarne con accortezza soltanto nel momento in cui avrete letto l’intera storia almeno una volta. Dovreste affiancare a una visione da topolino col terreno sul muso una rondine che dall’alto possa osservare oltre il piccolo corrugamento del terreno.

Altra questione legata alla tensione narrativa. Non è raro incontrare scritti che si perdano in tante riflessioni psicologiche senza considerare che i lettori, per la gran parte, attendono che succeda qualcosa. Lo ripeto: attendono che succeda qualcosa. Una storia è sviluppo e movimento, nello spazio fisico, non solo nella testa. Che poi lo sviluppo e il movimento siano dentro 50 metri non importa, ma chi legge avrà bisogno di percepire lo sviluppo e il movimento.

A parte il climax principale, provate a immaginare tanti piccoli climax disposti lungo la trama e a ognuno corrisponderà un aumento di tensione e un calo di tensione. Diventa evidente come sia necessario osservare in prospettiva il coinvolgimento dei lettori: da un lato, servirà un occhio microscopico, dall’altro, uno macroscopico. L’editor ha l’onere di trovare l’equilibrio fra i due, perché lo scrittore spesso ha una visione prevalentemente microscopica, il topolino di cui sopra.  

La tensione narrativa può aumentare, per esempio, grazie a un cliffhanger, lasciando in sospeso qualcosa che stava succedendo.

Torniamo alla breve parte di testo all’inizio ed ecco come sfruttare un cliffhanger.

«Maurizio decise all’improvviso, preso da una strana sensazione, che sua sorella Flavia dovesse smetterla di frequentare Toni, era sicuro che prima o poi sarebbe successo qualcosa di grave, ne era talmente convinto che quella stessa sera la chiamò e le chiese di incontrarsi il giorno successivo al bar sotto casa della loro madre, era il luogo dove anche da adolescenti andavano per parlare con calma di cose importanti, ma la risposta di Flavia lo lasciò senza parole».

 

Il lettore non sa cosa ha detto Flavia a Maurizio, sa soltanto che lui è rimasto senza parole. Una semplice modalità per lasciare in sospeso il lettore. La scena successiva dovrebbe trascinarlo dentro altri accadimenti facendo così scendere la tensione e costringendolo a leggere altre pagine per scoprire più avanti la risposta.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ecco come un editor topolino agirebbe, cambiando una sola frase, ma, ripeto, non dimenticate la visione della rondine.

A giovedì prossimo, quando vi parlerò di altre tecniche che riguardano la tensione narrativa.

 

LEGGI TUTTE LE PUNTATE DI CONOSCERE L'EDITING

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.