Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Ecco cosa stiamo distruggendo in Siria. Il reportage di Gianluca Serra

Ecco cosa stiamo distruggendo in Siria. Il reportage di Gianluca SerraPubblicato nel 2016 da Èxòrma nella collana “Scritti Traversi”, il reportage di Gianluca Serra, Salam è tornata, è il racconto autentico dell’avventura di un giovane naturalista italiano catapultato nel deserto siriano.

Corre l’anno 2000 quando Gianluca Serra poggia per la prima volta piede sul suolo arido di Damasco con il mandato di catalogare la flora e la fauna del territorio circostante l’oasi di Palmira, uno dei siti archeologici più grandi del mondo. Un compito grandioso, se fin da bambino il tuo desiderio è sempre stato quello di vivere circondato dalla natura, per osservarla con l’occhio attento e paziente del cacciatore pacifista che al posto del fucile imbraccia un binocolo. Così, con l’entusiasmo proprio di chi si appresta a vivere un’avventura affascinante, il giovane naturalista si imbarca su un aereo diretto nella capitale, allora ancora sicura, della Siria. L’impatto con il suolo desertico rende concreto il sogno di una vita e contemporaneamente lo fa scontrare con la realtà di un Paese povero e trasandato nell’architettura che però, grazie a un isolamento durato trent’anni, ha conservato la purezza di una cultura fatta di sorrisi e gentilezze, nomadismo e semplicità.

 

LEGGI ANCHE – Ecco perché ho lasciato la Siria. Intervista ad Adonis

 

«Il mio sguardo fluttua sulla distesa di tetti sgangherati, palme che spuntano alla rinfusa, abbaini, gatti spelacchiati, finestre con i vetri rotti, antenne paraboliche arrugginite, cisterne dell’acqua, panni stesi, voli di colombi ammaestrati, minareti. Un caos primordiale, anche sonoro, cela quieti e ombrosi cortili dove si sente soltanto l’acqua delle fontane che gocciola ipnotica. Una visione antica, mistica, intima».

 

LEGGI ANCHE – Shady Hamadi ci racconta il suo esilio dalla Siria

Ecco cosa stiamo distruggendo in Siria. Il reportage di Gianluca Serra

E se Damasco è una citta fatta di tetti di lamiera animati dal vociare puntuale dei muezzin, Palmira è l’oasi che accoglie tra le sue braccia la bellezza delle rovine di una città antichissima e il tentativo rozzo e informe di riabitare quelle stesse strade:

«Dopo tante idealizzazioni sull’oasi decantata da libri e viaggiatori, le prime settimane subito dopo il mio arrivo in questo villaggio sonnacchioso e di frontiera furono caratterizzate dal disincanto. Eppure bastò poco per riconciliarmi con me stesso e con il groviglio di antenne arrugginite: fu sufficiente uscire dal perimetro del paese, addentrarsi nel deserto e scorgere un branco di lupi che correva in lontananza, sul filo dell’alba».

 

In questa cornice fatta di incoerenze visive, inizia per Gianluca Serra il percorso che lo porterà a innamorarsi sempre più intensamente della Siria e dei suoi abitanti, tanto da trascorrerci, a fasi alterne, dieci anni della sua vita. Gli incontri e gli scontri con la popolazione locale, nomade o sedentaria che fosse, si sono aggiunti alle contraddizioni materiali del paesaggio e hanno reso forse ancora più stimolante la sfida di costruire a Palmira una riserva naturale a protezione di uno degli uccelli più rari della Terra: l’ibis eremita.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Infatti quello che era iniziato come un lavoro di semplice catalogazione di specie più o meno preziose, più o meno comuni, volto a sostenere un progetto di riqualificazione del territorio e sensibilizzazione ecologica della popolazione, si è presto trasformato in una missione di salvataggio di una specie animale che per anni è stata considerata estinta.

 

LEGGI ANCHE – Siria: tra guerra e saccheggi

Ecco cosa stiamo distruggendo in Siria. Il reportage di Gianluca Serra

In queste pagine Gianluca Serra ci racconta la meraviglia di una scoperta che ha fatto sognare i naturalisti di tutto il mondo, l’incontro inaspettato con l’uccello sacro della mitologia egizia che la letteratura scientifica considerava estinto da almeno settant’anni:

«Guardavo quelle nicchie scavate nell’arenaria rosata, come cesellate, contenenti qualcosa all’interno, una specie di gemma nera. Le stesse nicchie vuote osservate all’inizio di marzo. La ricerca era partita a spirale, in allontanamento da quelle nicchie, per poi ritornarvi a ritroso un mese dopo. La gemma nera all’interno della nicchia non era altro che il leggendario ibis eremita (Geronticus eremita) in cova».

 

Salam è tornataè il resoconto puntuale di quegli anni, un reportage di grande interesse scientifico che descrive con minuzia tutti i passaggi che hanno portato alla scoperta del sito di nidificazione dell’ibis eremita e alla conseguente missione di monitoraggio e protezione della specie. Gianluca Serra ci restituisce la sua esperienza con la precisione propria delle professioni scientifiche ma non si limita a raccontarci solo il suo di viaggio, il lettore accompagna anche l’ibis eremita nel suo volo migratorio e così entra in contatto con le storie e le tradizioni locali di cui l’uccello è diventato protagonista.

 

LEGGI ANCHE – L’inferno adesso è Aleppo

Ecco cosa stiamo distruggendo in Siria. Il reportage di Gianluca Serra

La forza di questo libro risiede nella capacità dell’autore di intrecciare il racconto di un Paese, la Siria, con la descrizione della natura che appartiene a quelle stesse terre. Così, mentre capiamo le difficoltà di un giovane ricercatore alle prese con la burocrazia di una città corrotta retta da un sistema politico rigido e inespugnabile, scopriamo anche la bellezza del deserto e degli animali che ancora lo abitano. Così ancora facciamo la conoscenza del sistema culturale e di valori proprio delle popolazioni nomadi che ancora abitano il deserto siriano e, irrimediabilmente, entriamo in contatto anche con la guerra e le sue conseguenze. Salam è tornata non è certo un libro che ha la forza della grande letteratura e lo stile con cui è scritto tradisce fin troppo l’anima scientifica dell’autore, ma è sicuramente un documento di grande importanza per tutti coloro che sono interessati a capire meglio la distruzione ecologica che sta avvenendo anno dopo anno nel nostro pianeta.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.