Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Ecco cosa c’è dietro allo straordinario successo del blog Brain Pickings

Brain pickings, Maria PopovaCinquecentomila visitatori al mese, centocinquantamila iscritti alla newsletter e oltre trecentocinquantacinquemila follower su Twitter. Sono i numeri del successo di Brain Pickings, un blog che quotidianamente offre stimoli e curiosità sul mondo della letteratura, dell’arte e del design, talmente seguito da aver attirato su di sé l’attenzione dei media d’oltreoceano.

La sua ideatrice è Maria Popova, 28enne di origini bulgare, ma trapiantata da tempo negli Usa, dove collabora con riviste come Wired Uk e The Atlantic, oltre ad essere membro del MIT, il Massachussetts Institute of Technology. Il suo sito, per scelta, non contiene pubblicità, ma riceve donazioni spontanee e una percentuale versata da Amazon sulla vendita di libri recensiti su Brain Pickings. Cifre che consentono a Maria Popova, come lei stessa ha dichiarato al New York Times, di vivere dedicandosi quotidianamente, e a tempo pieno, alla gestione del blog, tra letture, scritture e interazioni sui social network.

Ma cosa è che piace di Brain Pickings? Forse, quello stile semplice, la sintesi e le immagini colorate che accompagnano i testi. Probabilmente, la varietà e la multiculturalità dei contributi, che spaziano dalla letteratura all’antropologia, dall’arte alla storia e al design. Una formula che piace molto e che consente di leggere contributi originali sui diari di Anaïs Nin o estratti dalle appassionate lettere di Frida Kahlo, registrazioni audio di George Orwell che insegna come si prepara il tè, o brani di Hemingway che ringrazia per l’assegnazione del Nobel.

Il tutto assemblato secondo un progetto trans-disciplinare e trans-culturale che punta a far compenetrare tra loro linguaggi e piani di realtà profondamente differenti. Soprattutto un esempio valido, seppur rapportato ad un contesto decisamente differente da quello nostrano, di come può essere sfruttata oggi la rete internet per fare e divulgare cultura al di là delle etichette di effimero e inconsistente che il web trascina spesso con sé.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

 

 

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.