Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Ecco com’è nato Il Piccolo PrincipeChissà quante volte ci siamo chiesti com’è nato Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, cosa in particolare deve averlo ispirato. Il suo essere stato un aviatore. Sì, proprio la causa della sua morte, la sua esperienza umana e professionale come pilota di aerei ha influenzato la sua vita, rendendola così ricca di esperienze da cambiare il suo modo di pensare, modificare il suo spirito e il senso che egli stesso attribuiva alla vita, come ad esempio è accaduto durante la sua permanenza nel deserto del Sahara.

Proprio questo legame (o vera e propria sovrapposizione) tra il pilota amante delle avventure e il creatore di uno dei classici della letteratura mondiale è al centro di un libro illustrato di Peter Sís, Il Pilota e il Piccolo Principe. La vita di Antoine de Saint-Exupéry (edito, in Italia, da Adelphi, per la traduzione di M. Orti Manara).

Il libro, oltre a ripercorrere la vita di Saint-Exupéry, propone il racconto dei cambiamenti apportati dall’aviazione nella storia dell’umanità e continui riferimenti alla storia politica, come contesto entro il quale si svolgono i fatti narrati, il tutto con il linguaggio semplice e diretto adatto a chi scrive storie rivolte a un pubblico di lettori molto giovani.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Già l’anno di nascita di Antoine è esemplificativo: il 1900, l’inizio di un’epoca importantissima per la storia dell’aeroplano. Nel 1903, infatti, i fratelli Wright costruirono e riuscirono a far volare il primo aeroplano della storia, il Flyer, contribuendo ad alimentare lo spirito di innovazione dell’epoca.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

E questo spirito s’impossessò anche di Antoine che, all’età di 12 anni, ha costruito la sua prima macchina volante. Ovviamente non riuscì a farla volare, ma questo non lo scoraggiò di certo, anzi sembrava essere diventata una vera e propria ossessione, al punto che, durante la guerra, arruolato per combattere nell’esercito francese, chiese di poter prestare servizio nell’aviazione, ma fu assegnato al personale di terra.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Dovette attendere due anni per poter entrare in una nuova compagnia aerea che gestiva il servizio postale e che gli affidò l’incarico di consegnare la posta aerea dalla Francia alla Spagna, insieme a quello che poi diventerà uno dei suoi migliori amici, Henri Guillaumet.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

I suoi sogni si stavano finalmente realizzando, Antoine iniziava a volare sui cieli dell’Europa, ma non era destinato a fermarsi qui. Infatti, la compagnia aerea lo assegnò a un campo di volo in Marocco, dove vi rimase due anni. Qui Antoine imparò ad amare la solitudine e ad apprezzare il fatto di trovarsi sotto un cielo con milioni di stelle.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Riuscì a stabilire ottimi rapporti con gli abitanti del luogo che lo chiamavano Capitano degli Uccelli, perché era riuscito a offrire aiuto ai piloti che avevano dovuto atterrare nel campo e a costruire un periodo di pace con le popolazioni nomadi che avevano abbattuto gli aerei e rapito gli aviatori.

Fu proprio la permanenza nel deserto a offrirgli una fonte di ispirazione per Il Piccolo Principe, anche se i cieli rimarranno la sua passione principale.

Di ritorno in Francia, Saint-Exupéry si sposa e raggiunge una certa fama sia come pilota sia come scrittore. Ma il suo sogno di continuare a impegnarsi in nuove spedizioni aeree non sembra spegnersi. Si dedica infatti a nuove avventure che si rivelarono quasi letali, come quando l’aereo precipitò in Nord Africa mentre tentava di volare da Parigi a Saigon o quando precipitò in Guatemala durante la transvolata New York – Sud America.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

È la seconda guerra mondiale, però, che gli offrì la possibilità di ritornare a prestare servizio militare come pilota. Terminato il periodo di leva, fu costretto a trasferirsi via nave in Portogallo, dove si dedicò alla redazione di Lettera a un ostaggio, apparsa in Pilota di guerra – Lettera a un ostaggio – Taccuini (Bompiani), mentre attendeva di essere ammesso negli Stati Uniti, e di cui inviò una copia al presidente Roosevelt.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

Una volta a New York, Saint-Exupéry acquistò una serie di colori ad acqua e iniziò a lavorare alle illustrazioni per la storia che poi sarebbe diventata Il Piccolo Principe.

 

Sís riesce a cogliere il messaggio che soggiace al libro, impregnato delle passioni di Saint-Exupéry e dalla nostalgia per la sua patria:

«Ha descritto un pianeta più innocente del suo, con un ragazzo che si è avventurato lontano da casa, si è chiesto come funzionavano le cose e ha cercato delle risposte».

 

LEGGI ANCHE – Antoine de Saint-Exupéry e il deserto umano

 

Nonostante il successo, però, l’inquietudine di Saint-Exupéry non si placa e riprende a volare di nuovo, questa volta per recarsi dalla sua famiglia, che era rimasta in Francia, o per riunirsi alla sua vecchia squadra in Nord Africa.

Sís racconta in maniera tragica ma schietta il modo in cui si è conclusa la vita di Saint-Exupéry, contestualizzandola nella storia della sua passione per il volo, senza rinunciare a rendere tutta la sua brutalità.

Ecco com’è nato Il Piccolo Principe

«Il 31 luglio 1944, alle 8:45, è partito da Borgo, Corsica, per fotografare le posizioni nemiche a est di Lione. Era un giorno splendido. Il rientro era programmato per le 12:30.

Ma non è mai tornato. Qualcuno dice che abbia dimenticato la sua maschera per l’ossigeno e che sia svanito nel mare.

Forse Antoine ha trovato il suo scintillante pianeta vicino alle stelle».

 

Da una passione come quella di Saint-Exupéry per il volo, una passione che diventa quasi un’ossessione, è nato, secondo Sís, l’insieme di elementi che hanno ispirato Il Piccolo Principe.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.