14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Ecco a voi i “Veneti in controluce” di Ausilio Bertoli

Ecco a voi i “Veneti in controluce” di Ausilio BertoliAusilio Bertoli è uno scrittore e sociologo della comunicazione che in tutte le sue opere, da Amore altro a Rosso Africa, ha costantemente descritto quelle che sono le peculiarità dei suoi personaggi e della sua terra. Vicenza e tutto il Nordest ricco e opulento sono la “location” ideale dei suoi romanzi e dei suoi racconti. Anche nel suo ultimo lavoro, Veneti in controluce, un’antologia con diciotto racconti edita da Fernandel, sono fotografati personaggi ordinari, che si incontrano nelle strade ogni giorno, rappresentati con i loro pregi ed i loro difetti, con profondo spirito di osservazione tipico di Bertoli, ma anche di Goffredo Parise e di Giovanni Comisso. “Un mosaico sulla vita dei veneti”: i giovani che hanno imparato a rimuovere il passato e gli anziani, profondamente attaccati ad un mondo che sta scomparendo ed a cui sono legati con profonda nostalgia.

L’intento del libro lo scopriamo in una delle poesie introduttive, quella di F. Bandini, La mia vita ha sapori lontani ma tutto cambia in fretta, e la città che sguscia dalla stretta delle tenebre é insieme  più gremita di note cose e insieme più straniera.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

I personaggi dei racconti sono veneti laboriosi, determinati, sicuri di sé, ma anche giovani superficiali, trasgressivi, bifolchi ignoranti e cafoni. Come i giovani che ignorano chi sia Parise, nel racconto La quercia di Parise, nel quale assistiamo alla salita sul colle, dove si trova la famosa quercia, di un sociologo sessantenne desideroso di conoscere i luoghi dove Parise scriveva Il prete bello e I Sillabari. È rappresentata la pianura vicentina, una cascina, quattro casette sbiadite, siepi di alloro, ligustri e fiori, una trattoria, un campanile e infine la quercia quasi invisibile perché attorniata da innumerevoli macchine “gelide e stonate”. Mentre il sociologo ricorda Parise e le sue opere, ecco arrivare altre macchine con nugoli di giovani che si fiondano non verso la quercia ma verso il ristorante! L’immagine di Parise che scrive sotto la quercia è sostituita dalla profonda delusione, «Goffredo, ti hanno già dimenticato. Ma da questa gioventù del fondoschiena cosa ci si può aspettare?»

Ecco a voi i “Veneti in controluce” di Ausilio Bertoli

Che vadano ad un matrimonio settembrino con la pelliccia? Come accade in un altro racconto, Sposalizio settembrino. Ma i giovani possono essere anche timidi e sensibili, come il protagonista del racconto La lettera di Alex, che scrive la sua lettera d’amore, ispirandosi a Giovanni Comisso, «ti desidero Samantha, voglio passare un giorno con te, cerco l’amore e lo voglio da te». Ma il destino decide diversamente...

Una particolare attenzione Bertoli dedica agli anziani, di cui descrive la solitudine, l’impotenza e talvolta la rabbia. Una solitudine nei rapporti anche familiari, quando sono presenti, dovuta alla differenza di età, di esperienze, di modi di concepire la vita. Il suo stile asciutto e diretto nella descrizione dei vecchi e della loro malinconica esistenza ci richiama alla mente i film di grandi registi italiani, come Germi e Scola, ma soprattutto De Sica col suo indimenticabile Umberto D.

Ecco a voi i “Veneti in controluce” di Ausilio Bertoli

Il vecchio impiegato in pensione del film di De Sica ha i tratti di dignità e di amara solitudine che caratterizzano anche il racconto di Bertoli Il Sior Giulio, l’ottantenne che ricorda con nostalgia i tempi in cui, con l’amico Cleto, andava a caccia, ora è «diventato un rottame» incapace di muoversi da solo, che pesa sul figlio e i nipoti. Allora in uno scatto di speranza e di orgoglio si reca a pregare davanti alla Madonna per poter camminare come venti anni prima, ma cade e con lui precipita la sua preghiera e la sua speranza.

Anche in Anziani a passeggio incontriamo due amici che vanno in giro di notte col cane («agli esseri umani sono preferibili gli animali»), che si scambiano chiacchiere sui potenti, sui politici e sui cani, che si prendono in giro sulle donne («che ci faresti Nanni a quella biondona? Non ci farei niente, ma neanche tu ci faresti qualcosa»).

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Tutti personaggi che agiscono e parlano senza filtri, mostrando la loro vera natura in piena luce, come il protagonista del racconto Ostinazione che vuole apparire giovane, senza più esserlo, corre, salta i covoni, canta, ma bastano tre ragazze in vespa che gli gridano «forza nonno» per riportarlo all’ineludibile realtà.

Ma l’autore sembra volerci dire che l’importante è non arrendersi, perché «solo la mancanza dei desideri è il segno della fine della gioventù ed il primo avvertimento della vera fine della vita».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.