Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Ebook, niente IVA agevolata per la Corte di giustizia europea

Ebook, niente IVA agevolata per la Corte di giustizia europeaLe parole dell’avvocato generale della Corte di giustizia europea Juliane Kokott, appena rese note, sono destinate a far discutere: niente IVA ridotta su ebook. E non solo: a essere coinvolti nell’opinione della Kokott, che conferma la validità della direttiva relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto, sono anche riviste e giornali. Insomma, tutta l’editoria digitale potrà subire un innalzamento dei tassi dell’IVA rispetto a quella tradizionale.

Su richiesta del Difensore civico polacco, secondo il quale l’attuale direttiva giungerebbe all’instaurazione di un regime di disparità di trattamento tra l’editoria digitale e quella tradizionale, la Corte di giustizia europea ha, dunque, deciso di riesaminare la questione.

La direttiva in questione (la n. 47 del 2009) prevede, infatti, due applicazioni IVA differenti:

  • Ridotta per le pubblicazioni cartacee e i libri digitali forniti tramite supporto fisico (come un cd-rom);
  • Normale per tutte le altre pubblicazioni in formato digitale.

 

LEGGI ANCHE – Il mercato degli eBook: crescita o calo?

 

L’avvocato generale Kokott ha motivato la sua opinione facendo leva su alcuni aspetti determinanti:

  • «non esiste necessariamente un rapporto di concorrenza effettiva» tra editoria digitale ed editoria tradizionale;
  • «i costi di distribuzione notevolmente diversi», fattore che contribuisce a creare «una differenza sostanziale tra le pubblicazioni in forma cartacea e quelle in formato digitale per quanto concerne i bisogni di promozione».

 

LEGGI ANCHE – Chi sono i lettori forti di ebook? Ecco l’identikit

 

Alla luce di questi fattori, dunque, «ad oggi, la differenza di trattamento è giustificata».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Analoga posizione è stata espressa anche a proposito dei diversi regimi IVA tra ebook e i libri digitali forniti tramite un supporto fisico. Difatti, secondo l’avvocato, questa disparità «non configura una violazione del principio di parità di trattamento» perché, nonostante tra le due tipologie di libri esista un rapporto di concorrenza, «la differenza di trattamento è giustificata, tenuto conto in particolare delle specifiche esigenze della tassazione dei servizi elettronici, che ai sensi della direttiva Iva sono esclusi in maniera globale dal regime dell’aliquota ridotta».

 

LEGGI ANCHE – I nuovi ereader da acquistare e vi spieghiamo perché

 

Pur non essendo vincolante per la Corte di giustizia europea, il parere dell’avvocato generale è una chiara affermazione degli orientamenti della Corte.

Del resto, quest’ultima aveva già accettato il ricorso della Commissione europea contro Francia e Lussemburgo che dal 2012 hanno previsto un’aliquota agevolata sugli ebook, rispettivamente del 5,5% e del 3%. La situazione, però, rimane controversa. L’Italia, ad esempio, a dicembre 2014 ha abbassato l’Iva sugli ebook al 4% e, insieme a Francia, Germania e Polonia, ha richiesto l’intervento della Commissione europea che pare essere orientata verso il suo accoglimento, annunciando una riforma complessiva del sistema IVA, con l’inclusione della questione relativa alla riduzione per gli ebook.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.