Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

E se Trump avesse già vinto?

E se Trump avesse già vinto?E se Trump, con il suo inequivocabile e dirompente modo di fare avesse già vinto? Non le elezioni, ma nella società, dando voce a chi, come Clint Eastwood, ha le scatole piene del buonismo della Clinton e delle retoriche trasversali di Obama? Certo, fa specie questa vittoria sociale e culturale a destra, ma tant’è.

Abbiamo assistito, in questi mesi, a una recrudescenza razzista nella polizia bianca statunitense e a una protesta crescente da parte dei neri. Proteste violente, indirizzate non verso un contenitore politico o una candidatura, ma a rivendicare qualcosa che si vuol conquistare anche fuori della democrazia: la dignità di vivere. Gli Usa stanno dando ancora una volta una lezione di politica al mondo. Ci stanno dicendo che si può decretare la fine del rito democratico con una candidatura antisistema e con una base popolare che se ne frega del sistema.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di lettura di Donald Trump

 

Questo binomio, variamente combinato, si sta spostando in Europa, dove in Inghilterra vincono i sostenitori della Brexit senza riuscire a governare la spinta separatista proveniente dalla società. In Germania il consenso euroscettico cresce nelle forme della xenofobia, come in Ungheria. Tutto questo produce un diffuso senso di distinzione dentro l’Ue e una depressione morale e culturale senza pari nella storia dell’Unione. A nulla valgono i proclami delle élite al governo, perché il popolo (questo gigante così variegato) si schiera fuori della ritualità democratica, praticando l’esclusione (come a Gorino) o la solidarietà (come nei luoghi del terremoto).

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

In pratica, la politica dei partiti pare non contare più nulla di fronte alla marea di proteste, di realistiche prese di posizione che cresce e che travolge il perbenismo alla Clinton o alla Hollande.

Il passaggio successivo sarà la messa in discussione dei grandi organismi sovranazionali (dall’Onu alla Nato) perché rappresentativi di una messinscena a cui nessuno vuole più assistere.

 

LEGGI ANCHE – I consigli di lettura di Hillary Clinton

 

Trump in fondo sta solo accelerando un processo in corso già dalla prima elezione di Obama: si può uscire dagli schemi e si può vincere nella società. Ma a differenza di Obama, che regalava sogni, Trump offre speranze reazionarie, il che è peggio, ovviamente. Un processo che si compie con l’avallo delle altre grandi potenze economiche mondiali, dalla Russia alla Cina alla Turchia all’Iran. Ciò significa che la debole Clinton, se vittoriosa, avrà di fronte un potentissimo plotone di esecuzione, e la debole Europa non riuscirà a tenere in vita la finta egemonia statunitense. Dunque, Trump – l’interprete del volemose male – ha già stravinto. 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.