Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

E se si potesse vivere per sempre? “Suicide Club”, la distopia di Rachel Heng

E se si potesse vivere per sempre? “Suicide Club”, la distopia di Rachel HengE se in futuro si potesse vivere per sempre? Rachel Heng nel romanzo distopico Suicide Club, pubblicato dalla casa editrice Nord, con la traduzione di Francesco Graziosi, risponde all’interrogativo narrando le implicazioni pratiche e morali di questa ipotetica nuova realtà.

New York, in un non precisato futuro, è una metropoli come tante altre dove svettano grattacieli altissimi di quattrocento piani e oltre; la fisionomia dei distretti come la conosciamo oggi sembra non esserci più, soppiantata dai più generici «Distretti Centrali», «Interni», «Esterni» e via dicendo... La popolazione è tutta ammassata in città dove si concentrano le cliniche in cui Aspiranti centenari e pluricentenari si sottopongono a trattamenti di ogni tipo dalla «PelleDiDiamante™» al «NuovoSangue™», godono di ricambi altamente tecnologici e vivono una vita privilegiata. D’altro canto, i cosiddetti Sub-100, coloro a cui fin dalla nascita non è concesso accedere ai trattamenti, non giovano di alcun privilegio, ridotti a mera forza lavoro di un progresso che li vede solo spettatori inermi, destinati a una naturale vita mortale. Un nuovo ordine sembra aver soppiantato le forme di governo democratico e un indistinto e a tratti inquietante Ministero decide le sorti dell’intero Paese.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Il romanzo si apre nel pieno della Seconda Ondata, a un passo dalla Terza nella quale, grazie alle tecnologie di avanguardia, i prescelti potranno accedere all’immortalità. In un mondo in cui il tasso di natalità è al minimo storico e le «Leggi sulla Sacralità della Vita» sono sempre più rigide, una schiera di centenari o aspiranti tali si aggira in città nel corpo di aitanti quarantenni ma il lettore addentrandosi nella storia comprenderà ben presto che il prezzo da pagare per l’immortalità è la vita stessa.

E se si potesse vivere per sempre? “Suicide Club”, la distopia di Rachel Heng

Lea e Anja sono le protagoniste di Suicide Club. Le due Aspiranti centenarie provengono da esperienze totalmente distanti: Lea ha proiettato tutta la sua esistenza in funzione della Terza Ondata, ha un lavoro di prestigio, un fisico impeccabile, uno stile di vita sano ed equilibrato eppure il suo passato e quello della sua famiglia sono costellati di luci e ombre che emergeranno nel corso della narrazione. Anja non si cura, ha una vita modesta, una situazione difficile che l’affligge, un vissuto quanto più lontano dalla vita perfetta di Lea, eppure il susseguirsi degli eventi e la presa di coscienza del mondo che le circonda avvicinerà inesorabilmente le due donne.

L’esistenza di Lea viene sconvolta da un evento inaspettato. Il padre Kaito ricompare dopo ottantotto anni di latitanza procurandole una fatale distrazione: attraversando imprudentemente la strada rischia di essere investita. Nella realtà distopica creata da Rachel Heng qualsiasi evento sospetto che possa insinuare nelle autorità il dubbio di un tentato suicidio genera l’immediata collocazione del sospettato nella lista nera e la svista di Lea diventa una condanna. La protagonista non potendo rivelare il reale motivo della distrazione per non esporre il padre fuggiasco si ritrova in una vorticosa serie di eventi tra Osservatori, gruppi di sostegno e un’eterogenea compagine di uomini e donne denominata Suicide club che mira a restituire il libero arbitrio a un’umanità costretta in un’imposta immortalità.

Ma in fondo chi vorrebbe vivere per sempre con il freno tirato? Con le finestre delle case sigillate, senza la brezza fresca sulle guance al mattino? Senza poter indossare un paio di cuffie e correre verso l’orizzonte? Senza sentirsi vivo? Senza emozionarsi più per le piccole cose? Senza vivere davvero? E già, perché le linee guida del Ministero, nella realtà delineata dell’autrice, non permettono attività che siano anche solo a basso rischio fisico e psichico come ad esempio il consumo della carne o l’ascolto di un concerto dal vivo.

Questa distopia risulta subito una prigione dell’anima: «più invecchiava, più veloce era il passare degli anni e minore l’impressione che le cose le facevano. I fatti erano espressi in verità generali piuttosto che in dettagli». E allora in un mondo in cui i ricordi si perdono nei meandri del tempo è con il dolore che si tenta di mantenerli vivi: «il dolore era bello, come il freddo sulle guance, il dolore nella parte bassa della schiena, le storie che formicolavano nella sua testa».

E se si potesse vivere per sempre? “Suicide Club”, la distopia di Rachel Heng

L’autrice dipinge un futuro nel quale tante tematiche che infiammano e spesso dividono l’opinione pubblica nell’età contemporanea vengono portate all’eccesso e alle estreme conseguenze innescando nel lettore molti spunti su cui riflettere. Il Suicide club che dà il titolo al romanzo rimarca la necessità di compiere scelte in totale libertà per ciò che concerne il Fine vita. L’eutanasia, demonizzata nonché bandita dalla New York del futuro, è praticata da questo gruppo sovversivo con lo scopo di rivendicare i propri diritti, in primis quello a una morte dignitosa:

«Smetterà tutto di funzionare, ma il mio corpo resterà in vita. Il cuore continuerà a pompare, il corpo sopravviverà. Sarò una larva. Magari sopraggiungerà la morte celebrale, magari no. Forse resterò intrappolato [...]. Con ogni probabilità mi spediranno in una fabbrica di organi. Mi prosciugheranno gli umori vitali un po’ alla volta, mi ricicleranno per creare parti sintetiche. E la mia mente...chissà? Dicono che in quello stato non sei cosciente. E se si sbagliassero? Se rimanessi intrappolato così, cieco, sordo e incapace di parlare, per altri cent’anni?».

 

In un mondo in cui il diritto all’eutanasia viene calpestato, anche il diritto alla vita acquista un significato diverso, si trasforma in un dovere scandito da ferree regole che travalicano la sfera del fanatismo. Il veganesimo, la cura del corpo, lo stile di vita sanissimo diventano un’ossessione. Ma la sacralità della vita è ridotta a un semplice numero che determina l’intera esistenza dell’individuo, da qui le disuguaglianze sociali e il paradosso per cui “alcune vite sono più importanti di altre” come d’altronde la Storia ci ha insegnato e come sembra ripetersi in ogni sua nuova fase.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Rachel Heng con il suo primo romanzo Suicide Club dunque sembra aver colto nel segno, dipingendo un futuro distopico che, al pari del capolavoro di George Orwell, 1984, o all’agghiacciante Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood, pone il lettore davanti ai pericoli del presente guardando con apprensione al futuro.


Per la prima foto, copyright: Joshua Newton su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.