Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

E se Frankenstein avesse salvato la sua creatura?

E se Frankenstein avesse salvato la sua creatura?È una delle domande più longeve della letteratura del XIX secolo: Frankenstein avrebbe dovuto dare la libertà al suo mostro?

In una famosa scena del romanzo di Mary Shelley, il mostro promette a Frankenstein che sarebbe scomparso in Sud America se il suo creatore gli avesse costruito una compagnia femminile. Lo scienziato predice il tremendo disastro: la coppia avrebbe potuto dare via a una razza capace di distruggere l’umanità e decide quindi di non creare una compagna alla sua creatura e lo relega al Polo Nord, dove fu visto per l’ultima volta alla deriva su una zattera di ghiaccio.

Ora in un raro esempio di come la scienza possa entrare in un dibattito letterario e risolverlo, alcuni ricercatori hanno concluso che l’eroe di Mary Shelley sia stato completamente nel giusto quando ha negato alla mostruosa creatura la realizzazione del suo sogno di stabilirsi in Sud America, perché questo sarebbe stato, come aveva previsto la stessa Shelley, un disastro per l’umanità.

Gli antropologi sostengono di aver provato che gli umani sarebbero stati spazzati via in 4.000 anni se un animale come quello descritto nel romanzo del 1818 avesse potuto vagare e riprodursi in natura.

 

LEGGI ANCHE – Il mito di Frankenstein torna al cinema

 

Come riportato dalla rivista «BioScience», i ricercatori del Dartmouth College hanno messo alla prova la teoria di Shelley grazie a un modello matematico basato sulle densità della popolazione umana nel 1816 e sulla conoscenza di come il vantaggio competitivo degli esseri viventi varia in diversi ambienti. Lo scenario peggiore per gli umani, secondo loro, sarebbe stato quello di una crescente popolazione di mostri in Sud America, essendo questa la regione meno popolata e con minor concorrenza per le risorse.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

«Abbiamo usato strumenti di calcolo sviluppati dagli ecologisti per esplorare se, e quanto velocemente, una popolazione in crescita di quelle creature avrebbe condotto gli umani all’estinzione e abbiamo calcolato che una popolazione di due creature ci avrebbe portato all’estinzione in 4.000 anni» ha dichiarato Nathaniel Dominy, professore di antropologia e scienze biologiche.

 

LEGGI ANCHE – “Frankenstein” di Mary Shelley, ecco il primo film

 

Secondo Justin Yeakel, professore di scienze naturali all’Università di California, lo studio ha dimostrato come Shelley fosse un’autrice visionaria. «Ad oggi, molti studiosi si sono concentrati sulle conoscenze di Mary Shelley in materia di alchimia, fisiologia e resurrezione» ha dichiarato Yeakel, ma «il genio di Mary Shelley è da ricercarsi nel modo in cui ha combinato e riproposto i dibattiti scientifici di allora per inventare il genere della science fiction».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.