Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

È ancora lecito studiare la storia dell’arte?

È ancora lecito studiare la storia dell’arte?È notizia di qualche mese fa che l’università di Yale, uno tra gli otto atenei più blasonati di tutti gli Stati Uniti, ha deciso di sopprimere il corso forse più frequentato dagli studenti di Lettere e Arte: “Introduction to Art History: Renaissance to the Present”. Le motivazioni che hanno spinto la dirigenza a privilegiare i corsi di “Art and Politics”, “Global Craft”, “Silk Road” e “Sacred places” derivano dalla necessità di de-eurocentrizzare l’introduzione al corso, di cercare in ogni modo di togliere dal piedistallo l’arte europea rinascimentale come punto di inizio per gli studi.

La scelta, criticata dai più, sembra quindi nascere da una sorta di esigenza di globalizzare l’arte e di sviluppare un percorso dialettico tra il Rinascimento europeo e le altre correnti artistiche internazionali: l’arte giapponese, l’ukiyo-e, quella cinese o anche quelle sudamericane. Il rettore afferma che, muovendo da una più generalizzata conoscenza artistica a livello internazionale, gli studenti avranno la possibilità di apprezzare maggiormente l’arte europea rinascimentale il cui corso diverrà specializzante.

L’aspetto su cui è opportuno soffermarsi è, però, che, nei titoli dei vari corsi, è stato abbandonato il concetto di “storia”: è quindi corretto dimenticare le radici della nostra arte? Analizziamo che cosa direbbero Nietzsche e Feyerabend.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

È ancora lecito studiare la storia dell’arte?

Nella seconda Considerazione inattuale scritta nel 1872 intitolata Sull’utilità e il danno della storia per la vita, Friedrich W. Nietzsche critica in maniera mordace ogni forma di storicismo e storiografia e, per estensione, di memoria storica che lederebbero la possibilità dei singoli individui di esprimere liberamente la propria identità, dato che è come se avessero un macigno insostenibile che è, in questo caso, la tradizione precedente. Di conseguenza, egli sostiene la necessità dell’oblio quale forma precipua all’abbandono della coscienza epigona, all’emancipazione dai canoni precedenti che opprimono la mente e l’originalità dei singoli a favore di una totale liberazione, un “punto zero”, diremmo noi, da cui enucleare una nuova realtà, sprigionare la propria fantasia e le proprie idee per generare, piuttosto che imitare. Il filosofo di Röcken evidenzia l’importanza della dimenticanza – testimoniata, tra l’altro, dalla stessa fisiologia umana che sottolinea come l’uomo non possa ricordare tutto ciò che gli accade – in quanto, in caso contrario, gli individui nascerebbero già con i “capelli bianchi”: per evitare questa sgradevole situazione che rappresenta un’impossibilità di sciogliere i lacci che ci tengono vincolati al passato, si prospetta, secondo il filosofo tedesco, un'unica soluzione, quella di dimenticare, di guardare solo al futuro volgendo le spalle al passato. In conseguenza a quanto appena affermato è evidente come Nietzsche condividerebbe pienamente la scelta dell’università di Yale.

È ancora lecito studiare la storia dell’arte?

Al contrario, se analizzassimo il pensiero di Feyerabend circa il ruolo della memoria storica ci potremmo rendere conto che la speculazione del filosofo austriaco si posiziona agli antipodi rispetto a quella dell’autore di Ecce homo. Paul Feyerabend, infatti, nell’opera Contro il metodo, summa della sua critica epistemologica, sottolinea come l’evoluzione, soprattutto in campo artistico, sia possibile soltanto mediante unanarchismo (o dadaismo) metodologico”, ossia mediante una rottura epistemologica con il passato che deve avvenire secondo un anarchismo “extra legem”, cioè dopo aver compreso, studiato e approfondito la tradizione passata, dopo averne assorbito le qualità e averne compreso le criticità e i limiti: solo in tal modo, in presenza della memoria storica, vi è la possibilità di emanciparsi dal passato e volare verso il futuro. Al contrario, afferma Feyerabend, se ci si limita a un anarchismo “ante legem” che nasce quindi in una dimensione priva di memoria storica, di conoscenza e coscienza di ciò che è accaduto nel passato, si crea una sorta di rottura epistemologica infantile che vuole rompere con il precedente senza sapere nemmeno cosa sia il precedente. In conclusione, è evidente come per il filosofo austriaco sia di vitale importanza conoscere gli sviluppi della storia – sia essa artistica, filosofica, letteraria, sociale o politica – per poter progredire ed evitare di rimanere conchiusi in una dimensione di a-conoscenza e volontà effimera di emancipazione.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Dopo aver analizzato, seppur in maniera tangenziale, il pensiero di due grandi della filosofia circa il ruolo della memoria storica per un possibile rinnovamento della società, è possibile concludere che l’università di Yale, con questa sua scelta, da un lato, ha certamente cercato di intercettare la nuova dimensione globale e meta-nazionale che domina il XXI secolo ma, soprattutto, il ridimensionamento che il vecchio continente ha subito nel corso degli ultimi decenni (anche se noi vorremmo affermare di puro carattere economico e non culturale); dall’altro, si può sostenere come l’abbandono del termine “storia” dai titoli dei corsi rappresenti una possibile involuzione verso un insegnamento che non permetta agli studenti una piena comprensione dell’evoluzione dell’arte nel corso del tempo. Insomma, un colpo di spugna per colpa del quale i millenials che si iscriveranno a questi nuovi corsi introduttivi non avranno la fortuna di conoscere a fondo il Rinascimento europeo, uno dei periodi più floridi dal punto di vista letterario e artistico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.