Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Dopo i Cazalet e gli Aubrey, una nuova appassionante saga famigliare, “Jalna” di Mazo de la Roche

Dopo i Cazalet e gli Aubrey, una nuova appassionante saga famigliare, “Jalna” di Mazo de la RocheL’editore Fazi ha abituato da tempo il pubblico delle librerie al potere seduttivo emanato dai romanzi seriali di respiro vittoriano. E un posto speciale se lo sono guadagnato le saghe familiari ambientate tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, ritagliandosi uno spazio autonomo e toccando le corde dei lettori. Attraverso le esistenze dei numerosi interpreti che affollano questa tipologia di narrativa – basti dire Cazalet e La famiglia Aubrey per illuminare molte menti e molti occhi – ci si immedesima, si gioisce, si soffre, si ama e si odia. Del resto ognuno di noi ha un’origine, un territorio di appartenenza, una famiglia che sia grande oppure no, ciascuna con le proprie regole e valori, se non persino disvalori. La normalità è un concetto ampio e variegato quando si parla di famiglia. Comunque sia, comunque vadano le cose, con essa iniziamo un percorso di vita.

Così accade per la storia di cui andiamo a parlarvi, tanto affascinante quanto avvolgente, come i climi e i paesaggi in cui è ambientato: Jalna il titolo, il Canada la Nazione, Mazo de la Roche la sua autrice,  che la casa editrice citata porta per la prima volta in Italia, da oggi, nella traduzione di Sabina Terziani e per la stessa collana (Le strade) delle due saghe che ci sono servite da esempio per la loro ancora fresca e attuale celebrità.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Jalna è il focolare domestico protagonista delle vicende, le quali sono narrate da una voce esterna, non coinvolta nei fatti, ma col potere analitico di chi già li conosce. I punti di vista invece sono tanti quanti i personaggi, a cui si aggiungono animali e animaletti significativi come gli esseri umani.

Dopo i Cazalet e gli Aubrey, una nuova appassionante saga famigliare, “Jalna” di Mazo de la Roche

A dirla tutta, il nome in questione è quello di una località dell’India dov’era di stanza il capitano Philip, ufficiale britannico ai tempi del colonialismo, che innamoratosi di una bella irlandese formerà con lei la dinastia dei Whiteoak-Court, dopo aver lasciato il Paese asiatico per sempre non potendone più di stare in una guarnigione. Passando prima per Londra e il Quebec finalmente trovano il luogo adatto, «un migliaio di acri di terra fertile attraversata da un torrente pullulante di trote maculate che scorreva in fondo a un dirupo» sulle rive meridionali dell’Ontario, acquistandolo dal governo, e questa è la plastica descrizione che ne viene fatta:

«La manodopera era a buon mercato. Un piccolo esercito di uomini conferì alla foresta la parvenza di un parco all’inglese e costruì una casa che avrebbe eclissato ogni altra dimora della contea. E infatti, terminati i lavori, quando le stanze furono imbiancate e arredate, si rivelò in tutta la sua meraviglia. Era un edificio a pianta quadrata di mattoni rosso scuro, con un ampio portico di pietra e un piano interrato che ospitava i quartieri della servitù e le cucine. A piano terra c’era un soggiorno immenso, una biblioteca (più che altro un salotto, visti i pochi libri che conteneva), una sala da pranzo e una camera da letto; al piano superiore c’erano sei camere belle grandi, mentre il sottotetto ne aveva due. I rivestimenti delle pareti e le porte erano di noce. Cinque pittoreschi camini disperdevano pennacchi di fumo sopra le cime degli alberi che circondavano la casa. In un accesso di romanticismo, Philip e Adeline battezzarono Jalna, in ricordo della postazione militare dove si erano conosciuti. Tutti lo trovarono un nome grazioso, e Jalna si rivelò pervasa da un’atmosfera di allegria e di inespugnabile benessere».

 

Al tempo della narrazione sono tre le generazioni conviventi: la nonna Adeline, matriarca assoluta e riverita, dispotica e irritante, alla vigilia dei suoi cento anni nulla la scalfisce, i due discendenti maschi (l’unica femmina vive in Inghilterra e un altro è deceduto) e i nipoti; questi ultimi non tutti figli della stessa madre: c’è il poeta-scrittore non compreso dai congiunti nel portare avanti il suo sogno considerato tempo sprecato (e in un’abitazione con pochi libri non poteva essere altrimenti) il cui nome, Eden, esprime con una certa dose di probabilità la visione della letteratura per de la Roche; c’è chi ancora è giovane, studia e deve capire le reali attitudini e aspirazioni professionali.

Il più piccolo tra essi invece è Wakefield, primo nome di persona e prima parola che compare nel libro, le cui marachelle ricordano Tom Sawyer.

Dopo i Cazalet e gli Aubrey, una nuova appassionante saga famigliare, “Jalna” di Mazo de la Roche

I più grandi tra i fratellastri invece devono districarsi con problemi giocoforza più rilevanti: quello che deve fare da padre si ritrova diviso fra doveri e responsabilità e nuove e più fulgide emozioni, e c’è la sorella che non riesce a superare una vecchia e cocente delusione amorosa e da allora si rifiuta di mangiare in pubblico. Insomma, dietro il paravento di un’apparente normalità, borghese e intransigente, scandita da riti a cui è impossibile rinunciare, c’è la propria interiorità, e vi sono i propri demoni con cui fare i conti.  Quando poi il corso dei destini viene stravolto dall’ingresso nel piccolo-grande mondo di Jalna di due donne esterne ai legami di sangue – come mogli che si devono adattare alla nuova vita e al nuovo ambiente e che sono diverse per livello e provenienza – gli equilibri si frantumano, dimostrando la fragilità dei suddetti legami.

La lettura scorre via con agio nonostante l’atmosfera da feuilleton con personaggi fortemente caratterizzati. Gli avvenimenti si svolgono con naturalezza, come se la mano non avesse voluto calcare troppo sugli intrighi. Ogni capitolo sembra un piccolo e appassionato, e appassionante, romanzo a sé.

Inoltre, il fatto che determinate armonie si rompano con l’ingresso di componenti entrambi femminili non può essere solo una scelta narrativa dettata dal caso. Desiderio e senso di colpa, peccato ed espiazione non avevano la medesima valenza nei generi umani (e qualche dettame non solo religioso ma anche socio-culturale è rimasto invariato). Mazo de la Roche (1879-1961) lo sapeva bene. Originaria dei luoghi attraversati dalla sua opera difese con l’arma della privacy una vita privata insolita per il tempo in cui visse.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Prima di una lunga serie di volumi – trenta furono gli anni per portarla a termine e non è stata l’unica produzione, anzi, proprio il contrario (ventitré romanzi, cinquanta novelle, tredici testi teatrali, oltre a poesie e racconti) – ebbe un grande successo in Nord America negli anni Venti del secolo scorso e permisero alla scrittrice di vincere, prima donna a riceverlo, il prestigioso premio dell'Atlantic Monthly Press. Tradotta in molte lingue, è stata adattata per il cinema e la televisione.

Ciò nondimeno Jalna è un qualcosa di più. Non “solo”rifugio e calore domestico, dove il tempo sembra essersi fermato nonostante gli abitanti abbiano un cuore che batte, è bensì contenitore di principi e stili vittoriani, di certo privilegiato e operoso, ma emblema di contraddizioni e sentimenti ambivalenti.


Per la prima foto, copyright: Louis Renaudineau su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.