Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

“Dopo” di Koethi Zan

Koethi Zan, DopoÈ arrivato anche in Italia il libro-evento che ha scosso l’America: Dopo, della statunitense Koethi Zan, pubblicato dalla casa editrice Longanesi nella versione tradotta dalla lingua inglese da Annamaria Biavasco e Valentina Guani. Dopo mostra al lettore una problematica sociale purtroppo sempre attuale, da un’angolazione del tutto particolare.

L’io narrante è Sarah, una ragazza che abita in una casa normale, conduce una vita normale, appartiene a una famiglia normale, eppure trascorre il suo tempo in compagnia della sua migliore amica, Jennifer, a stilare la lista dei mai, da cui il titolo originale del libro (The Never List), ovvero l’elenco delle cose da non fare assolutamente per non mettersi in pericolo. Le due ragazze passano gran parte della loro adolescenza a studiare le statistiche su incidenti, malattie, calamità in modo da essere preparate al meglio per affrontare quella che credono sarà l’esperienza più pericolosa della loro vita: il trasferimento al campus universitario, dove ben presto scopriranno i limiti della loro lista: «Per noi il male era una cieca eventualità statistica, non un nemico che potesse deliberatamente perseguitarci».

Come si riesce a superare un trauma che ti accompagna e ti perseguita esattamente come il male che ti è entrato nel cervello per anni? «Il primo giorno nello scantinato fu senza dubbio il più duro, anche se Jack non scese nemmeno una volta. Dovevo cercare di orientarmi in una vita senza più punti di riferimento». Sindrome di Stoccolma, attacchi di panico, claustrofobia, agorafobia, comportamenti ossessivo-compulsivi… Sarah, Tracy e Christine cercano disperatamente di andare avanti sapendo di poter contare solo su stesse. «Curiosità professionale travestita da coinvolgimento emotivo», definisce Sarah il morboso bisogno di ficcanasare, da parte, praticamente, di tutti (psichiatri, psicologi, cronisti, curiosi), nei meandri e negli abissi più profondi del loro dolore, per conoscere ogni minimo dettaglio della loro tragedia; per capire, giudicare e sentenziare il loro responso.

«Dunque era di questo che si occupavano i grandi studiosi. Se ne stavano lì seduti a cercare di capire se in un modo o nell’altro te l’eri andata a cercare. Non avevano nessuna intenzione di colpevolizzarti, per carità: volevano semplicemente capire quali imprudenze avevi commesso, che passi falsi avevi fatto perché il mondo ti crollasse addosso. […] Non si rendeva conto a quali estremi eravamo arrivate io e Jennifer per cercare di difenderci dai pericoli. Eppure, era successo proprio a noi».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Koethi ZanCome si fa a superare un’esperienza talmente traumatica che non solo ti è entrata dentro ma sembra addirittura aver modificato il tuo DNA? Sarah, Tracy e Christine sono arrivate a odiarsi, prima di realizzare di provare questi sentimenti perché in fondo ancora vittime del loro carnefice, anche a distanza di dieci anni, perché lui, Jack, non le ha semplicemente violentate; non le ha solo torturate, ma le ha fatte regredire a uno stato che Sarah definisce “bestiale”. «La mia incapacità di superare il passato mi limitava nel rapporto con gli altri. Era come se il mio mondo si fosse ristretto, lasciando spazio soltanto a me».

Solo arrivate all’epilogo della vicenda le tre ragazze scopriranno i motivi e il legame che unisce Jack a Noah e allora capiranno il perché di tanti risvolti bui del passato, ma anche del presente. Alle torture sommeranno le perversioni, agli studi di psichiatria le letture erotiche, al dolore l’incredulità: «Dieci anni prima, quando finalmente ero riuscita a scappare, avevo pensato che non sarei mai più stata infelice. Non poteva esserci spazio per l’infelicità, una volta tornata libera. Perché, allora, non riuscivo a trovare la pace? Cosa mi mancava?»

Sarah aveva sempre pensato che per lei era stato tutto molto più difficile che per le altre perché su di lei gravava la responsabilità di quanto accaduto a Jennifer. Solo alla fine realizza quanto, in realtà, sia stata dura anche per Tracy e Christine, oltre che per Adele, Helen, Jenny, per le altre 54 ragazze rapite da Jack, per le tante ragazze rapite da Noah e per… Jennifer e Sylvia. Non riusciva a capacitarsi, Sarah, di come fosse stato possibile che quest’ultima avesse acconsentito volontariamente a unirsi in matrimonio con Jack Derber, in carcere a scontare una condanna terribile e lei, fedele alla sua religione e al suo credo, si fosse invaghita di lui al punto da voler diventare sua moglie.

Attanagliata dal suo immenso dolore Sarah non riusciva a immaginarsi un inferno peggiore di quello vissuto in prima persona, non riusciva a farlo perché non aveva indagato sulla storia di Sylvia, ancora non aveva seguito la pista indicata da Adele, e non aveva incontrato Noah. E ritrovato il corpo di Jennifer. Quanto può entrare nel tuo essere il male e cambiarlo, quanto può agire in profondità la tortura sul tuo corpo e quanto sulla tua anima? Rivedendo Jennifer, Sarah se ne farà una triste idea.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.