In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Docufilm – “Quaderni gitani. Trilogia sui Rom rumeni di Bari” di Giovanni Princigalli

Quaderni gitani di Giovanni PrincigalliQuaderni gitani è una trilogia di documentari diretti dal regista italo-canadese Giovanni Princigalli e dedicati ai Rom rumeni di Bari. Rumeni: perché i Rom possono provenire anche dall'ex-Yugoslavia, ad esempio. Di Bari, per le origini del regista e per le istituzioni coinvolte, in primis la locale Università degli Studi. E Bari anche perché il primo film, Iapigia Gagi, risale al 2003, ossia a due anni dallo sgombero forzato della comunità Rom di Iapigia, il quartiere del capoluogo in cui trovava l'unico campo abusivo.

Tuttavia, i tre lavori di Princigalli, ora disponibili in un cofanetto che include una raccolta di saggi di docenti universitari, critici cinematografici e rappresentanti dei Rom, sono metaforici di una realtà nazionale. Si parte da una Bari che, nel 2001, era uno dei pochi capoluoghi a non prevedere campi autorizzati per i Rom, in un'Italia che, in contrasto con le linee del Parlamento comunitario, non riconosceva il Romanes come lingua: una presa di posizione culturale specchio di un'intenzione politica. Ma quella Bari è l'Italia contemporanea, che – in certi suoi strati – nei confronti dei Rom rivela un'incomprensione, mista a paura e disprezzo, che non riserva a nessun'altra etnia di immigrati.

Il punto è che, di là dalla particolare situazione politico-culturale italiana, la cultura Rom rimane un mistero. Se ne ignora la storia. Non si comprendono le richieste di asilo politico o di case in cui non piova. Si è convinti che i Rom siano un popolo nomade che ha nel sangue il furto, il rapimento e l'elemosina. Non si sa che i Rom romeni di Iapigia hanno lasciato il loro Paese dopo il crollo del regime di Ceauşescu, la cui dittatura garantiva loro una discreta possibilità di sopravvivenza (cioè una casa e un lavoro). Quella casa che in Italia i Rom non hanno, e quel lavoro che in Italia è un  nero sottopagato che si lascia per appostarsi ai semafori, dove si guadagna di più. Questo, almeno, sostiene un rappresentante Rom intervistato in Iapigia Gagi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Vogliamo credergli o dubitiamo delle sue parole? Uno dei motivi dell'interesse del documentario di Princigalli consiste proprio in questo: il regista scompare per lasciare spazio ai Rom e alle loro canzoni, che fondono ritmi e melodie tradizionali con problematiche moderne. Non pone domande, ma ascolta. Non condanna né è interessato a ritrarre la sporcizia, il degrado e l'illegalità in cui i Rom vivrebbero. È interessato alle persone. Il suo è uno sguardo antropologico e umano. Non vi sono nemmeno mitizzazione né tentativi di giustificare o anche solo spiegare certe ambiguità e scivolosità della cultura Rom e dei Rom incontrati. In Iapigia Gagi è la comunità Rom a raccontarsi.

Allo spettatore il compito di osservare volti, gesti, abiti e usi; di ascoltare le parole; di percepire ciò a cui i lineamenti dei volti e le pieghe nascoste delle frasi sembrano rimandare: un'emozione trattenuta, un'inquietudine repressa, un senso di vergogna o di colpa al percepirsi diverso rispetto all'altro, che – seppure in ascolto – sta proprio di fronte.

Dunque, Iapigia Gagi esplora un mondo, obbliga lo spettatore a mettersi in gioco e a porsi domande. E pone problematiche ancora vive a 15 anni dall'ideazione del documentario. Per questo i saggi critici inclusi in Quaderni gitani non sono un corredo esornativo, ma costituiscono utili strumenti di approfondimento.

Nell'inedito Ligia (2014), lo sguardo di Princigalli si concentra su una sola donna, moglie del portavoce della comunità, che racconta di sua figlia in prigione e del suo desiderio di vivere in una casa dopo anni trascorsi in baracca.

Ma una vera perla è La mela rossa, sempre del 2014. Si tratta di una docufiction che ha partecipato a numerosi festival ed è stata premiata ai Rencontres Cinématographiques de Dignes-les-Bains. Due giovani Rom interpretano sé stessi il primo giorno di scuola. Si muovono nella loro realtà nota , reinventando le loro reazioni all'ingresso in una dimensione che farà loro scoprire il razzismo. È un viaggio emozionante nel cuore di due ragazzi e nella crudeltà del quotidiano. Davvero merita la visione.

Se volete ascoltare le parole di alcuni Rom, guardate i documentari di Princigalli. Quaderni gitani sono un ottimo inizio per cominciare a sciogliere quei nodi che impediscono anche solo di pensare a una possibile convivenza.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.