Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Docufilm – "La pazza della porta accanto. Conversazione con Alda Merini" di Antonietta De Lillo

La pazza della porta accanto. Conversazione con Alda Merini, di Antonietta De LilloAlda Merini si è definita La pazza della porta accanto nel volume in prosa pubblicato per la prima volta da Bompiani nel 1995. Antonietta De Lillo ha scelto lo stesso titolo per la sua conversazione con la poetessa dei Navigli, che nel documentario del 2013, prodotto da Marechiarofilm in collaborazione con Rai Cinema, racconta di sé, del suo mondo poetico e dell'arte.

Il videoritratto, realizzato grazie all'elettronica digitale con la tecnica del found footage, è un misurato e intenso sguardo, intimo e rispettoso insieme, sull'autrice nota tanto per testi quali Vuoto d'amore quanto per la sua personalità libera ed eccentrica e per la sua ricca e sofferta biografia.

Ma è il mondo artistico di Alda Merini, seppure intrecciato in modo inestricabile alle sue vicende private, al centro del film della regista napoletana. È Alda Merini a parlare. È solo la sua voce che ascoltiamo, in un dialogo trasformato in un monologo concentrato, il cui montaggio è una delle testimonianze più evidenti della maturità di Antonietta De Lillo. Il risultato? Un film che calamita e catalizza intelligenza ed emozioni, ammirazione ed empatia.

In realtà, si dovrebbe parlare di rimontaggio. Il materiale di La pazza della porta accanto. Conversazione con Alda Merini era, infatti, già stato utilizzato per la prova più sperimentale e avanguardistica del 1995, Ogni sedia ha il suo rumore. Proprio quell'anno la regista aveva trascorso due giorni con la poetessa, nella sua disordinata casa milanese, dalle 9 alle 18, in compagnia di una vecchia videocamera fissa alla stessa inquadratura (oltre a una seconda, per garantire quei dettagli e variazioni di prospettiva necessari in fase di montaggio).

In quel suo primo lavoro, Antonietta De Lillo accampava la sua personalità di regista e interprete creativa. Le parole della Merini erano intervallate dalle performance dell'attrice Licia Maglietta, che proprio allora portava sulle scene Delirio amoroso. Nella Pazza della porta accanto,niente più presenze altre o trasposizioni teatrali e barocche delle lacerazioni brucianti di un dolore buio e disperato, da urlare e di cui rappresentare la violenza tragica. Le invadenze ermeneutiche sono minime e discrete. Nel film del 2013 vi è equilibrio. Colei che guarda e ascolta, non ha più la necessità di esprimere sé (e la sua esuberante bravura e la sua bramosia di sperimentazione) o di esaltare la drammaticità di un'esistenza ferita con fuochi d'artificio visivi. La regista si fa sguardo discreto e intelligente. Si fonde col montato e col montaggio. Ed è il documentario finito a diventare una conversazione. Ne risulta un'incantevole giusta misura tra contatto e distanza, avvicinamento curioso e inconoscibilità ammirata, coinvolgimento intellettuale/emotivo e lontananza (inevitabile) rispetto all'artista le cui parole restano altro da qualsivoglia tentativo di trasporle visivamente.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+e Pinterest]

La pazza della porta accanto è una conversazione con un'Alda Merini che è il focus e che focalizza. Fuma senza tregua, mentre dice che «il corpo è pensiero»; non a caso, tutti gli artisti hanno una predisposizione per il sesso, anche se non la sviluppano; che il peccato è «sempre nuovo» e «si paga, perché è eccedenza». E si paga anche la «debolezza» dell'amore: i 27 ricoveri in manicomio corrispondono a 26 amori finiti. Per la poetessa che non scriveva quando amava, «tante le cadute, tante le poesie». Cadute come la perdita delle figlie. Precipizi come l'incubo del manicomio, dove «l'hanno fatta morire»: lì regna il «dolore esterrefatto, che non piange». Scorre, in frantumi pieni di senso, la conversazione di quell'affabulatrice profonda e ironica, seria e disincantata, dissacrante e onesta che è Alda Merini, che sempre affascina e tocca nervi scoperti o delicati anche in chi non legga poesia.

Insomma, qui si sta parlando di una poetessa e di una regista che meritano entrambe attenzione. Ascoltare Alda Merini nutre e apre orizzonti. Guardare i lavori della regista napoletana significa (ri-)scoprire. Consiglio, anzi, di cercare entrambi i suoi lavori. È illuminante, sotto moltissimi aspetti, il confronto tra le due prove. A questo link, intanto, potete avere un rapido assaggio della Pazza della porta accanto. Conversazione con Alda Merini di Antonietta De Lillo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.