Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Docufilm – "Io sto con la sposa" di Antonio Agugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry

Io sto con la sposaUn documentario ma, prima ancora, un atto di disobbedienza civile. Questo è Io sto con la sposa, il film approdato alla 71aMostra del Cinema di Venezia, fuori concorso nella sezione Orizzonti, eprodotto grazie a un crowdfunding di entità unica in Italia.

A realizzarlo è stato un trio motivatissimo: Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry. Filmmaker il primo; giornalista free lance il secondo; poeta, grafico e critico letterario di origine siriano-palestinese il terzo, residente a Milano dal 2009.

Permettetemi qualche parola in più sul giovanissimo Gabriele Del Grande, che nel 2006 ha fondato l'osservatorio Fortress Europe, a cui è seguita la creazione dell'omonimo interessantissimo blog che dà notizia in tempo reale, giorno per giorno, dei decessi di coloro che hanno tentato di entrare nella "Fortezza Europa" e nel Maghreb dal 1998. Vi troverete anche informazioni sulle molteplici attività di un giornalista indipendente che ha vissuto i conflitti in Libia e Siriache ha scritto libri frutto delle sue ricerche e dei suoi incontri; che ha, alla fine, deciso di prendere una posizione in merito alla condizione degli uomini, delle donne e dei bambini in fuga da Paesi in guerra e in cerca di asilo politico. In Italia, se ci arrivano, vengono radunati in centri nemmeno più chiamati "di accoglienza". La validità del loro passaporto non è riconosciuta dalle ambasciate europee. Per proseguire il loro viaggio, si trovano costretti a ricadere nelle mani dei contrabbandieri libici ed egiziani già generosamente pagati perché li trasbordassero sulle coste settentrionali del “mare solo nostrum”. Lo impongono le leggi. «A meno che a quelle leggi qualcuno non decida di disobbedire. Noi l'abbiamo fatto», dichiarano i tre autori di Io sto con la sposa.

A Milano avviene il loro incontro con cinque siriani e palestinesi arrivati a Lampedusa, per i quali, come per molti altri, l'Italia è solo un Paese di transito: l'obiettivo è la Svezia. Augugliaro, Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry decidono di trasformarsi in onesti fuorilegge, ossia di aiutarli non abbandonandoli nelle mani dei mercanti di uomini.

Si pensa: chi fermerebbe un corteo nuziale alla frontiera? Viene così inscenato un finto matrimonio grazie all'aiuto di un'amica palestinese che, in abito bianco, valicherà i confini di cinque continenti insieme al finto marito, ad altrettanto finti invitati alle nozze e ai tre autori.

Io sto con la sposa racconta il loro viaggio durato quattro giorni, dal 14 al 18 novembre 2013, attraverso 3000 km di un'Europa non più fortezza, bensì costellata di persone e luoghi solidali. Il documentario intenderebbe inaugurare una «nuova estetica della frontiera». Non so se questa ambizione sia stata realizzata. Ma quella che viene mostrata e vissuta è una nuova dimensione politica, etica e morale, della frontiera come "valico" per uomini che cercano, oltre alla salvezza, il riconoscimento del loro diritto alla richiesta di asilo.

Nel corso del viaggio assistiamo al recupero di una dimensione umana. I viaggiatori si raccontano. Si parla di Lampedusa, dove nessuno (Croce Rossa e O.N.U. incluse) li ha aiutati, e si ascoltano le canzoni rap intonate da un bambino sopravvissuto a un naufragio. Si condividono storie ed emozioni con la rabbia contenuta, la dignità e la compostezza di chi ha visto e vissuto tragedie che un europeo viziato dalla protezione della sua ipocrita fortezza non immaginerebbe. O potremmo davvero comprendere cosa significhi ritrovarsi tra i 26 superstiti di 250 imbarcati, aver assistito all'annegamento di intere famiglie, essere ritenuto morto e rischiare di esser soffocato sotto i cadaveri tra cui si è stati ammassati? Questo, per esempio, è accaduto allo sposo.

Allora, Io sto con la sposa è un documentario importante perché ci fa incontrare uomini che certa informazione, certa legislazione e certa politica disumanizzano. Vecchio trucco per evitare sussulti di coscienza individuali e collettivi, nonché sensi di colpa e prese di posizioni forti. Ma è importante anche dal punto di vista culturale e per molte ragioni.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

La strutturazione del film è per “tappe” o “scene”. L'obiettivo era cogliere l'umanità autentica e spontanea che si sarebbe dispiegata nei dialoghi, nei gesti, nelle modalità di relazione della piccola comunità in viaggio. Realtà e finzione si fondono in modo originale; quasi si capovolgono.

È interessante che Augugliaro, Del Grande e Al Assiry abbiano corso il rischio di essere fermati per favoreggiamento all'immigrazione clandestina. La condanna poteva costare fino ai 15 anni di carcere. I tre rimangono, tra l'altro, passibili di denuncia.

Ipotizziamo pure che il rischio fosse, alla fine dei conti, minimo. Ma c'era. In ogni caso, se era minimo, lo era grazie alla rete. Molto prima della realizzazione del film, è stato un fitto proliferare di servizi su siti web, quotidiani, telegiornali e radio intorno all'iniziativa il cui esito finale è stata la produzione del documentario. Il lancio della pagina Facebookdi Io sto con la sposa, che a oggi conta più di 15 000 iscritti, ha ottenuto un ampissimo riscontro nella comunità virtuale che solo virtuale non è (quando se ne convinceranno tutti?). Il film è stato realizzato, infatti, grazie a Gina Films e DocLab, ma anche grazie a 2617 produttori dal basso (forse tra loro c'è qualcuno di voi lettori) di 38 diversi Paesi del mondo che hanno donato anche più di quanto necessario attraverso la piattaforma Indiegogo.

Ecco perché Io sto con la sposa, anche se non è un capolavoro di documentario, è importantissimo. È un'«azione politica» condivisa che ha preso forma cinematografica. È il primo film realizzato con un crowdfunding ad avere avuto accesso a Venezia. È un segno tangibile di come si possa fare qualcosa oggi, contro ogni tendenza ostinata alla rassegnazione e al disincanto inerme. Il film è, infatti, «dedicato ai nostri figli perché nella vita arriva il momento di scegliere da che parte stare». E, aggiungo io, perché è un suggerimento su come mettere in atto la scelta in modo creativo e collettivo.

Su Youtube trovate il trailer e numerosi video in un canale dedicato. Grazie a Cineama, il 9 ottobre il film uscirà nelle sale. Non fosse che per vedere come si può stare coraggiosamente da una parte o per decidere da che parte stare, credo che Io sto con la sposa andrebbe visto. Meglio se pensando alla nostra Lampedusa e al mare che la circonda.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.