Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Docufilm – “Alphabet” di Erwin Wagenhofer

Alphabet di Erwin WagenhoferCome crescere i nostri figli? Quale scuola progettare per loro? Alphabet di Erwin Wagenhofer ci invita a riflettere bene prima di rispondere a queste domande. Si tratta dell'ultimo documentario di una trilogia iniziata con We feed the world del 2005 (dura critica nei confronti dell'industria alimentare) e proseguita con Let's make money del 2008 (sul mondo della finanza).

Intenzionato a girare un film sull'educazione, il regista ha incontrato il liutaio, compositore e giornalista André Stern, che di sé dice: «Sono un bambino di 43 anni». La sua esperienza è raccontata nel libro autobiografico Non sono mai andato a scuola (Nutrimenti, 2014). Consapevole di aver vissuto un'infanzia eccezionale, afferma che essa è stata, in realtà, «la più naturale del mondo». La sua educazione si è basata sui metodi del padre Arno Stern, educatore tedesco che ha aperto a Parigi nel 1949 il Coslieu, un atelier di pittura per bambini in cui svolgeva il ruolo non di insegnante, bensì di “assistente alla pittura” (professione inventata da lui). Studioso del fenomeno della “formulazione”, ha sviluppato metodi di “educazione creatrice” condivisi dalla moglie, che ha, infatti, deciso di abbandonare il suo lavoro di insegnante nelle scuole.

Ora André Stern è anche direttore dell'iniziativa Männer für morgen [Uomini per domani] per volontà del professor Gerald Hüther, ricercatore di neurobiologia avanzata. Il suo obiettivo non è criticare a priori l'istituzione "scuola", bensì divulgare la propria esperienza e contribuire a una riconsiderazione del concetto di "educazione" col supporto di argomentazioni scientifiche. Citando le sue parole, «il mio lavoro è recuperare la fiducia nel bambino», che non nasce stupido o intelligente né tale rimane tutta la vita.

Sapevate, per esempio, che da qualche anno si è scoperto che la parte del cervello che comanda i pollici è più sviluppata nei bambini di oggi che nei quarantenni loro contemporanei? Ovvio: il cervello è un organo che si sviluppa solo quando lo si utilizza con entusiasmo. Ora, i bambini provano un'ondata di entusiasmo ogni tre minuti per qualunque cosa; gli adulti due o tre volte l'anno. Dunque, dobbiamo avere fiducia nel bambino. «C'è un gene in tutti i bambini e in tutti noi che attende che ci entusiasmiamo», afferma l'autore di Non sono mai andato a scuola. In Alphabet Erwin Wagenhofer arricchisce il contributo del figlio di Arno Stern con le parole di manager, educatori, studenti e con dati statistici sulla scarsa efficacia e sugli effetti nocivi dei sistemi scolastici attuali.

Come educare e in quale scuola, ammesso che una scuola sia necessaria, è questione antica quasi quanto l'uomo. Come è certo che la scuola rifletta l'ideologia e le intenzioni delle classi dirigenti, il cui scopo è stato spesso, se non sempre, istruire sudditi obbedienti, formare cittadini mediamente consapevoli, fornire le conoscenze e le competenze lavorative necessarie a una società in forsennata crescita. A tali fattori (nominando solo i fondamentali), si aggiunge oggi l'ipertrofico valore attribuito alla competizione, causa la pressione economicistica e complici troppi genitori. Si chiama "trasferimento transgenerazionale" il processo attraverso cui il padre e la madre trasferiscono sui figli aspettative che furono loro proprie. Una conseguenza estrema ma significativa dell'istituzionalizzazione di una scuola che mira a creare un pensiero convergente e un'efficienza disciplinata, la offre un intervistato in Alphabet: «In Cina una ragazza può aver studiato due anni in meno, ma essere più vecchia di dieci anni. Ma ne vale la pena». Perché bisogna vincere, e da subito. La scuola, insomma, sa essere pericolosa. Di certo lo è oggi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Se anche esulassimo dai risvolti politici e socio-economici, i metodi educativi devono essere rivisti, anche alla luce delle più moderne scoperte scientifiche. Studi dimostrano che si impara solo se vi è entusiasmo. Gioco e apprendimento non esistono l'uno senza l'altro. Il bambino non dovrebbe, dunque, essere "scolarizzato", ma assecondato nella sua naturale e onnivora curiosità, capace di guidarlo a selezionare tra gli stimoli ricevuti quelli di maggior interesse e potenzialmente fecondi per lui. Invece, accade che dai 3 ai 5 anni il 98% dei bambini possieda pensiero divergente, che già si riduce al 32% tra gli 8 e i 10 anni, per scendere al 10% tra i 13 e i 15. Il bambino non mette, infatti, in discussione l'adulto: modifica sé stesso in base alle direttive e aspettative dei “grandi”. Si è scoperto che, quando ciò avviene, si attivano gli stessi circuiti nervosi  da cui ha origine il dolore fisico. È in questo modo che il bambino inizia a "imparare", non ad apprendere tramite il gioco, che lo metterebbe in contatto con sé stesso. Il bambino inizia a «respirare senz'aria», mentre il suo potere immaginativo e creativo perde vigore fino all'annientamento. Quali libere scelte ci aspettiamo che compia quel bambino diventato adulto? Quale pensiero autonomo ci attendiamo che abbia sviluppato?

Il bambino ben scolarizzato sarà un individuo efficiente, ma quanto felice? Del resto, quanto felici sono gli adulti che lo hanno irregimentato, privandolo del piacere della scoperta libera di sé e del mondo, della coltivazione di passioni nate accidentalmente, del perseguimento di interessi anche bizzarri – in apparenza – ma fautori di autentico sviluppo intellettuale-emotivo? Anche i “grandi”, del resto, potrebbero ancora crescere, «se tutte le parti del cervello collaborassero». In definitiva, «se abbiamo fiducia nel bambino, abbiamo fiducia anche nel bambino che è in noi».

Vi consiglio sinceramente di vedere il documentario di Erwin Wagenhofer. Potranno nascerne discussioni; qualcuno penserà che si tratti di aria fritta o di utopie; altri forse desidererebbero chiedere come poter importare almeno qualche elemento dell'educazione creatrice di Arno Stern in un sistema scolastico che troppo spesso si limita a introdurre finti cambiamenti, non scalfendo strutture, infrastrutture e sovrastrutture vecchie di decenni e già allora non educative. Difficile, in ogni caso, non sentire messi in discussione principi pedagogici dati per scontati dopo aver visto Alphabet.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.