In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

“Dinosauri” di Giorgio Specioso: la prima prova di uno scrittore di talento

Giorgio Specioso, DinosauriDinosauri di Giorgio Specioso (Baldini&Castoldi) è un racconto lungo che leggi tutto d’un fiato, giusto il tempo di affezionarti ai personaggi, e di compatirli (nel senso etimologico di “soffrire insieme”), per poi doverli abbandonare. La soglia del racconto è labile, non sai fino a che punto può dirsi finito, non ti accontenti di quella immagine conclusiva, anche se pacificante.

Ma la magia del racconto (che sia anche lungo, come in questo caso) è proprio in questa sua impalpabilità di confini. Al tempo stesso, però, Dinosauri ha la struttura complessa di un romanzo, perché costruisce un mondo – forse parallelo, forse allegoria di quello contemporaneo –, stabilisce un vivissimo punto di vista della narrazione, e crea un’impalcatura tripartita. Tra parte 1: Ufficio, parte 2: Nebbia, e parte 3: Bunker, la voce narrante, il quarantacinquenne Beniamino Bosco, conduce una vita ordinaria in una città ordinaria, consumando le giornate tra beghe particolarmente cruente e nervose con i colleghi a lavoro, tradimenti e liti furiose con la moglie, incomunicabilità con il figlio. Forse tutto continuerebbe a scorrere nella consueta meschinità, se non ci si mettesse di mezzo la Storia – anzi, la Preistoria. Un evento di portata eccezionale, infatti, il Secondo Evento Nebbioso, apre un varco temporale da cui si fanno strada i Dinosauri. Esseri bestiali, preistorici appunto, feroci come solo le creature comparse prima della Civiltà sanno essere.

Ma l’autore vuole suggerire: sono forse questi esseri “civili” meno bestiali di quelle creature preistoriche? Sul filo di questo interrogativo si muove gran parte delle descrizioni e dei momenti più simbolici del libro di Specioso.

.About, pic by Vincepal

Il lavoro è alienante, e ancora più vuote sono le feste per le promozioni, e ancora più aberranti le rivendicazioni dei colleghi per risalire la piramide gerarchica aziendale. Nella resa degli impiegati-automi, del cibo di plastica distribuito dalle macchinette, dell’organigramma stupidamente rigido dell’azienda, l’autore dipinge una realtà fittizia in cui la critica sociologica si fa sottile, e proprio per questo esasperata.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Giorgio SpeciosoPerò, proprio quando i personaggi sembrano toccare i punti più bassi della propria umanità, il protagonista, con moglie e figlio, corre al riparo: raccoglie «shampoo, bagnoschiuma, deodoranti, saponi, pettine, forbici per le unghie, asciugamani, asciugacapelli, trucchi e profumi», li infila in una valigia, e si trasferisce in un bunker, per sfuggire alla furia devastatrice dei Dinosauri. È qui che quei moti di umanità e tenerezza appena accennati nelle prime parti del libro trovano la loro ragione di esistere. Quando la fine si fa inevitabile, l’animale morente si attacca a tutto ciò che di umano può salvarlo dalla barbarie.

Questo senso di fine incombe dall’inizio, dalle prime pagine, diventando pressante a ogni nuovo snodo narrativo. Di sicuro, la sensazione apocalittica è l’elemento di tensione unificante del racconto, e contribuisce a renderlo del tutto reale. Fa esistere un discorso allucinato, e tutto sembra che possa accadere a noi, proprio a noi, quando meno ce lo aspettiamo. I dinosauri prendono vita e vogliono distruggere la nostra Civiltà non appena Specioso decide di raccontarlo. L’esergo di Sebald, del resto, lo anticipa: «che tutti i punti temporali potessero esistere simultaneamente gli uni accanto agli altri, cioè che nulla di quanto racconta la storia sia vero, che quanto è avvenuto non sia ancora avvenuto, ma stia appunto accadendo nell’istante in cui noi ci pensiamo».

Con questa metafora di sopravvivenza, con l’ironia leggera di Giorgio Specioso, con una veste grafica pop e delicata, Dinosauri rivela una profondità estrema, e conferma un’attenzione editoriale della Baldini&Castoldi, ripartita nel 2013, che non sembra smentirsi nemmeno nelle prossime uscite previste. Un intervento ben strutturato sul blog Grafemidi Paolo Zardi, un anno fa, a lettura del manoscritto di questo romanzo ancora in fasce, ne auspicava una pronta pubblicazione, complimentandosi con la casa editrice che se ne sarebbe fatta promotrice. E lo stesso successo se lo augurava Fabio Viola in un’intervista per il nostro blog Sul Romanzo. A pubblicazione avvenuta, quando il manoscritto abbozzato è diventato un oggetto libro, il risultato può dirsi raggiunto con successo, e ci fa sperare nella capacità di alcune case editrici di subodorare un libro bello, e di portarlo al pubblico. Specioso, (che con Dinosauri lo dimostra in modo strutturato, ma che conduce altri interessanti progetti), è un talento che non va sprecato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.