Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Dino Buzzati ed Ernest Hemingway – BINARI (12)

Ernest HemingwayL’essere e l’apparire nel “Deserto dei Tartari” e nel “Vecchio e il mare”

 

Narratore italiano spesso trascurato nelle antologie, Dino Buzzati (1906-1972) è autore di uno dei non tantissimi capolavori letterari del nostro ‘900, Il deserto dei Tartari (1940). Estremamente lineare la trama: Giovanni Drogo consuma l’esistenza nella fantomatica Fortezza Bastiani, ai margini del deserto e di un imprecisato impero, nell’attesa di uno scontro decisivo contro i Tartari; il nemico però giungerà solo quando il tenente Drogo sarà ormai troppo anziano per combattere. Un fallito, secondo i moderni parametri di valutazione, ma già il suo desiderio di un evento decisivo, che dia senso all’esistenza, e la sua capacità di attenderlo, collocano il protagonista al di fuori della realtà contingente.

 

Del resto è frequente nei personaggi di Buzzati l’attesa di un episodio risolutivo che o non accade o comunque si presenta diversamente dal previsto; è così ad esempio anche in Barnabo delle montagne: quando il guardaboschi avrà sottotiro i briganti, comprenderà che ha già perso in passato la sua occasione e non ha più senso premere adesso il grilletto. Giovanni Drogo negli ultimi istanti della sua esistenza intuisce che il tempo è inesorabilmente trascorso portandolo al cospetto non dei Tartari, ma del nemico più temuto da ogni uomo: la morte. Questa la battaglia decisiva, da affrontare con dignità e con eroismo, e se nessuno coronerà di alloro il suo capo, né riferirà le sue gesta, poco importa, perché ormai il tenente sa che il vero riscatto è quello che ci nobilita ai nostri stessi occhi, che si compie nel silenzio del proprio cuore.

 

“Giovanni Drogo sentì allora nascere in sé una estrema speranza. Lui solo al mondo e malato, respinto dalla Fortezza come peso inopportuno, lui che era rimasto indietro a tutti, lui timido e debole, osava immaginare che tutto non fosse finito; perché forse era davvero giunta la sua grande occasione, la definitiva battaglia che poteva pagare l’intera vita. […] Coraggio, Drogo, questa è l’ultima carta, va incontro alla morte da soldato e che la tua esistenza sbagliata almeno finisca bene. Vendicati finalmente della sorte, nessuno canterà le tue lodi, nessuno ti chiamerà eroe o alcunché di simile, ma proprio per questo vale la pena.” (Dino Buzzati, Il deserto dei Tartari, Mondadori)

 

Anche quello di Santiago, l’anziano pescatore del Vecchio e il mare, è un eroismo del quotidiano e la sua impresa si realizza in solitudine, con l’estenuante cattura di un enorme pescespada dopo ottantaquattro giorni di pesca infruttuosa. Il breve romanzo è del 1952, precede dunque di due anni il conferimento del premio Nobel ad Ernest Hemingway (1899-1961) e ne sintetizza i miti ricorrenti: la ricerca del senso della propria esistenza, l’impegno nel realizzare la propria vocazione, il profondo rispetto per la natura. Santiago ama il mare, rivolgendosi a lui come a un’amante riottosa, e ne rispetta le creature, ma è anche consapevole della debolezza umana:

 

“Non hai ucciso il pesce soltanto per vivere e per venderlo come cibo, pensò. L’hai ucciso per orgoglio e perché sei un pescatore. Gli volevi bene quand’era vivo e gli hai voluto bene dopo. Se gli si vuol bene non è un peccato ucciderlo. O lo è ancora di più?”  (Ernest Hemingway,Il vecchio e il mare, Mondadori)

 

Ma l’orgoglio del pescatore è quello di essere stato in grado di tener testa alla sua preda, di aver dimostrato a se stesso le proprie capacità, solo così dopo un’inutile e affannosa lotta può accettare con rassegnazione che gli squali divorino il suo trofeo sulla strada del ritorno; lui “ormai era al di là da tutto”.

 

Da notare, infine, come sia Buzzati sia Hemingway, seppur stilisticamente molto diversi, prediligessero un’espressività piana, scarna, che cogliesse con precisione gli stati d’animo dei loro personaggi; una scrittura, la loro, che proprio nell’essenzialità rimarca quanto di epico vi sia in ogni vita (anche in questo dunque un ribaltamento dei valori moderni, per cui la letterarietà diventa ricercatezza ed effervescenza linguistica, commistione di generi e di stili, talvolta persino sproloquio…).

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.