In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Dignità umana e responsabilità individuale nelle Trachinie di Sofocle

Dignità umana e responsabilità individuale nelle Trachinie di SofocleDeianira, come altre eroine del teatro sofocleo, condensa nella sua esperienza di vita tutto il dramma dell’umana esistenza.

Ella si trova con i suoi figli a Trachis, ospite del re Ceice. È in ansia per il marito lontano che da quindici mesi non dà notizie di sé. Decide così di mandare il figlio Illo in cerca del padre, mentre intanto Lica, l’araldo di Eracle, giunge accompagnato da un corteo di schiave, bottino della recente vittoria dell’eroe.

La regina promette di trattare tutte benevolmente e intanto chiede notizie di una schiava che l’ha particolarmente colpita per il portamento nobile e triste: é Iole, figlia dello sconfitto re Eurito. Saputo dell’amore di Eracle per la giovane, Deianira è sconvolta e, per riconquistare l’amore dello sposo, decide di ricorrere ad un filtro magico, il sangue del centauro Nesso offertole da costui prima di morire colpito a morte da una freccia scoccata da Eracle per aver tentato di usare violenza alla stessa Deianira.

Pertanto invia all’eroe una tunica impregnata di tale sangue che invece si rivelerà un potente veleno. Ritorna Illo: maledicendo la madre le conferma il tremendo effetto del dono funesto che divora inesorabilmente le carni del padre.

Deianira esce dalla scena , atterrita e muta di dolore. Poco dopo si apprenderà dalla nutrice che ella si è uccisa sul letto nuziale.

Il Coro si domanda con angoscia e senza risposta se sia da considerarsi più infelice la sorte di Deianira che giace cadavere nella reggia o quella di Eracle che sta per giungere moribondo alla sua casa.

A rendere la vicenda più colma di pathos vi è la solitudine che fa da sfondo spesso alla sofferenza umana. Priva di qualunque presenza amica intorno a sé, Deianira cerca, come spesso accade anche oggi, conforto negli oggetti che le sono familiari, rivolgendosi ad essi e al letto nuziale, come se soltanto in essi potesse trovare quell’ affetto che nessuno è riuscito a darle, per indifferenza, o per troppo affrettato giudizio negativo. É significativo il fatto che la morte di Deianira, come in genere quelle delle eroine sofoclee, avvenga nel silenzio, nella parte più interna della dimora, nel talamo, che era anche il simbolo della vita della donna che si realizza soltanto nelle istituzioni che la legano ad un uomo: il matrimonio e la maternità.

Eppure in Deianira vi è qualcosa di più profondo accanto alle qualità più tradizionali del suo carattere: il tentativo di giungere, attraverso l'indagine di sé, ad una più completa autocoscienza.

Complessità e drammaticità, dunque, ma anche pretesto, per considerare alla luce di nuovi valori di civiltà i confini della dignità umana, della responsabilità individuale e delle conseguenze che l'agire umano può, a torto o a ragione, determinare sul prossimo.

La messa in scena della tragedia sofoclea si prefigge, con il metodo della ricerca, ancora una volta di ampliare attraverso la scenicità la sfera di interessi suscitati dalla lettura meditata del testo poetico e dallo studio del teatro greco.

Con la rappresentazione scenica si mira non solo allo sviluppo del senso artistico, ma anche all’espressione dei sentimenti attraverso la gestualità e soprattutto attraverso la parola recitata che offre, nella varietà tonale, le sfumature dei pensieri e la resa del carattere dei personaggi.

La validità del testo è dovuta anche al particolare svolgersi dell’azione in cui lo snodarsi degli eventi attrae per il contrasto di moto e quiete, di allegria e angoscia; nonché per l’atmosfera di sofferenza e di solitudine che coinvolge lo spettatore nelle sequenze che scandiscono la vita dei personaggi.

Si presenta così sempre attuale il valore del ruolo della famiglia, del rapporto figli-genitori (vedi Illo, Eracle e Deianira). E un filo conduttore alla comprensione della tragedia sono le parole del Coro nei due interventi in cui si esalta la potenza di Cipride, dea dell’amore, che si è rivelata autrice di questi eventi: ancora una volta nella vita, Amore e Morte legati insieme (Eracle-Iole-Deianira). Forse è anche nostra la meditazione del Coro sulle due sorti, quella di Deianira e quella di Eracle moribondo: “Delle due non sai quale sia più infelice”.

Un dramma sottolineato dal canto e dalla musica che ci porta dai lontani secoli il travaglio dell’esistenza.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Un articolo profondo che riesce a fare emergere l'attualità di Sofocle.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.