14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Di tutti questi cuochi non ne possiamo più. Ridiamoci su con Antonio Albanese

Di tutti questi cuochi non ne possiamo più. Ridiamoci su con Antonio AlbaneseLenticchie alla julienne, libro scritto dal poliedrico attore, regista e cabarettista Antonio Albanese e pubblicato dalla casa editrice Feltrinelli, narra le vicissitudini di uno dei più grandi chef esistenti, Alain Tonné, che già dal cognome evoca quel rinomato piatto che si prepara durante un'occasione importante e che prende il nome di vitel tonné.

La missione che Tonné dovrà compiere sarà quella di ottenere la quarta stella che lo consacrerà il guru della cucina sperimentale. Poco si sa di lui e della sua sfera intima e familiare; tutto ciò che salta all'occhio di un lettore attento è quell'aurea che gli si crea intorno e che gli fa ottenere un consenso dietro l'altro, tanto da fare proseliti ovunque e creare schiere di seguaci agguerriti e appassionati che non si perdono nessun numero del grande chef.

Il personaggio descritto nel libro vi risulterà familiare, dato che i programmi tv sono invasi da chef che ci propongono ricette alternative con ingredienti improbabili da reperire.

Antonio Albanese ne fa un eccellente ritratto, annotando quelle che sono le caratteristiche bizzarre di quest'uomo e prendendo un po' in giro, con simpatica ironia, le manie di questi profondi conoscitori del cibo nostranoche, oramai, è contaminato da intrusioni esotiche e gourmand.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Non è un caso, dunque, se anche Albanese cita il pepe rosa dell'Himalaya, spezia rara proveniente da molto lontano che suscita un risolino divertito, per far capire quanto le ricette, presenti nei menù dei ristoranti stellati, abbiano subìto notevoli cambiamenti e siano caratterizzate da componenti esterofile che non sempre incontrano il favore del pubblico.

Per non parlare, poi, delle porzioni mignon e della cucina molecolare, la nuova frontiera del gusto, che il nostro Tonné sicuramente conoscerà o avrà sperimentato durante la sua lunga carriera.

Di tutti questi cuochi non ne possiamo più. Ridiamoci su con Antonio Albanese

Da qui, nasce l'idea di sbeffeggiare questi cuochi-pasticceri di palato sopraffino e di far notare al lettore che la cucina è ovviamente un'arte nobile, ma necessita di una dimensione più circoscritta, anche perché diciamola tutta di show cooking, piatti cucinati a qualunque ora del giorno e di stramberie culinarie non ne possiamo proprio più.

Alain Tonné, quindi, incarna tutti loro e la sua alterigia è tale da non dare confidenza a nessuno, se non a qualche eletto.

Ciò che colpisce di questo bizzarro protagonista è, infatti, quell'atteggiamento tipico dei grandi che, boriosi, osservano tutti dall'alto in basso e che si credono i migliori solo perché stellati e osannati da quei commensali che, smaniosi, non vedono l'ora di scoprire il segreto di una ricetta elaborata o di carpire quell'ingrediente che fa la differenza.

Nello specifico, Alain Tonné è avvolto da un'aurea di mistero, tanto che alcuni detrattori mettono in dubbio il suo genio e se abbia cucinato davvero in posti eccellenti e di prestigio.

Tante sono le ricette che vengono elencate e tutte surreali. L'estro creativo, non tanto dello chef, quanto quello di Antonio Albanese si percepisce in ogni battuta. L'attore, infatti, da sempre interpreta molteplici personaggi ai quali siamo affezionatissimi, e ognuno di essi è rimasto nel nostro immaginario per una caratteristica precisa.

Tutti ricorderete Pier Piero, il giardiniere di Arcore, Cetto La Qualunque, imprenditore e politico calabrese corrotto, Frengo il tifoso pugliese o Alex Drastico, il tifoso palermitano, quante risate ci hanno fatto fare.

Di tutti questi cuochi non ne possiamo più. Ridiamoci su con Antonio Albanese

Oggi, si aggiunge anche Alain Tonné, nato dalla penna fantasiosa di Albanese che, per rendere questo libro speciale, ha dovuto unire alla sua immensa cultura e a quel senso dell'ironia, che gli appartiene fin nel midollo, quell'elemento narrativo fantastico che gli ha permesso di creare personaggi esilaranti che rispecchiano in toto la realtà.

Questa è l'era dei grandi chef stellati e Alain Tonnè è uno di loro: onnipresente, talentuoso, dotato di un linguaggio forbito e di una manualità ineccepibile.

Tutti lo adorano, tutti sperano di incontrarlo.

È un personaggio divertente, sopra le righe, un conoscitore di luoghi inusuali e grande esperto di materie non propriamente alla nostra portata.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Ciò consacra Albanese come scrittore brillante che ama mischiare le carte, stupire il pubblico e suscitare una risata che, in questo periodo di magra, è diventata quasi una necessità.

E Lenticchie alla julienne, il suo primo libro, suscita senza ombra di dubbio il buonumore e se amate le sfide impossibili potrete provare a sperimentare le ricette dello chef, andando magari alla ricerca di un'alga speciale o di un cervo albino da cucinare durante le festività di Capodanno.


Per la prima foto, copyright: Katie Smith.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.