Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Di cos’è fatta la vita? “Tutti i nomi del mondo” di Eraldo Affinati

Di cos’è fatta la vita? “Tutti i nomi del mondo” di Eraldo AffinatiTutti i nomi del mondo (Mondadori, 2018) è il nuovo libro con cui Eraldo Affinati torna in libreria dopo il successo di L’uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani (Mondadori), finalista al Premio Strega 2016.

Si tratta di un romanzo a più voci, strutturato in ventisei capitoli. Ogni capitolo raduna, sotto una lettera dell’alfabeto, una serie di nomi che iniziano con quella stessa lettera: sono le persone che il narratore principale, lo stesso Affinati, si ritrova attorno in un simbolico raduno sul colle Oppio, a Roma, ciascuna pronta a raccontare la sua storia e le circostanze che l’hanno portata a entrare in contatto con lui. La maggior parte di loro sono gli studenti transitati nel corso degli anni dalla Penny Wirton, la scuola gratuita di italiano per immigrati che Affinati ha fondato a Roma con la moglie Anna Luce Lenzi, e che funziona grazie all’apporto di insegnanti volontari, disposti a offrire qualche ora settimanale del proprio tempo per aiutare giovani, e meno giovani, provenienti da mezzo mondo non solo a imparare la nostra lingua, ma anche a integrarsi nella società italiana. Il progetto è stato poi esportato con successo in diverse altre città italiane.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

A queste storie, intrise spesso di dolore e di sofferenza, ma anche di volontà di riscatto e di speranza in un futuro migliore, si mescolano quelle di altri personaggi che appartengono alla vita passata di Affinati: i nonni, lo zio partigiano, gli amici di gioventù, gli ex allievi scomparsi nel nulla o finiti dall’altra parte del mondo.

Con queste storie Affinati si racconta, e al tempo stesso racconta al lettore, tutto ciò di cui può essere fatta la vita di una persona, perché noi siamo quello che siamo non solo per nascita o per carattere, ma anche e soprattutto per i rapporti umani che intratteniamo nel corso della nostra esistenza: «se non ci foste stati voi non sarei me stesso», dichiara il professore ai suoi ex studenti.

Di cos’è fatta la vita? “Tutti i nomi del mondo” di Eraldo Affinati

Siamo però anche il risultato di quanto ci è stato trasmesso dalle generazioni precedenti, e al tempo stesso responsabili di quanto trasmetteremo a quelle successive, perché «ognuno ha un pezzetto di responsabilità. Se la disattende, qualcun altro, dopo di lui, alla distanza di una o due generazioni, dovrà metterci una pezza. Porre rimedio. Colmare questa lacuna».

Di cos’è fatta la vita? “Tutti i nomi del mondo” di Eraldo Affinati

Il vissuto descritto dai vari personaggi è, prevedibilmente, molto spesso drammatico fino alla tragedia, ma a stemperare il tutto arriva una fortunata invenzione letteraria di Affinati: la voce di Ottavio, ragazzo di borgata pluriripetente e dalla vita familiare sgangherata, inesorabilmente refrattario allo studio ma molto affezionato al professore, di cui commenta le parole in puro dialetto romanesco, in un tono sempre ironico e disincantato, che alleggerisce sia i drammi dei migranti, sia i ricordi di guerra delle generazioni precedenti, ma anche le profonde riflessioni personali dell’io narrante.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Sullo sfondo c’è Roma, descritta soprattutto dal punto di vista dei più poveri, dei borgatari come Ottavio che ne disegnano una topografia diversa da quella conosciuta dai turisti, ma anche degli extracomunitari che, pur tra le difficoltà di una quotidiana lotta per la sopravvivenza, non rinunciano a frequentare la scuola per imparare l’italiano. L’istruzione e la conoscenza come possibilità di riscatto, tema caro ad Affinati e già trattato in diversi suoi libri precedenti, ritorna anche lungo le pagine di Tutti i nomi del mondo, un ritratto appassionato e quantomai attuale in un momento di crisi generale dei valori su cui dovrebbe fondarsi la nostra società.


Per la prima foto, copyright: rawpixel.com.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.