Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Della critica letteraria e della sua censura: il caso di "Nina dei lupi" di Bertante

Della critica letteraria e della sua censura

Sto scrivendo dal vortice della pubblicità: lo alimento.

Il prodotto si intitola Nina dei lupi, l’autore è Alessandro Bertante, la casa editrice si chiama Marsilio.

È smentibile Giuseppe Genna quando scrive questo articolo?

[…] Alessandro Bertante si inserisce tra narrazioni che, da Ammaniti a Moresco, stanno infittendo di cataclismi la nostra letteratura, solitamente poco incline all’apocalisse. E ne è consapevole: “La dissipazione accompagna l’uomo verso lo smarrimento”: in una frase, l’omaggio al Morselli di Dissipatio H.G., l’unico vero romanzo apocalittico italiano.

[…] Il tentativo (riuscito) di Alessandro Bertante è epica pura.

Nina dei lupi è un romanzo che corre a perdifiato verso la sua conclusione aperta, per impreviste svolte e colpi di scena potenti.

E’ smentibile? Sì e no.

Sì perché ovviamente sono libero di leggere Nina dei lupi e farmi la mia opinione. No perché io sono un informatico, non ho la cultura di Genna, io scrivo lettere commerciali in tedesco, non ho la sua capacità linguistica, io sono un contabile, lui studia Kant, io leggo l'articolo sulle nuove tecnologie per la produzione di protesi dentarie, lui legge le riviste di critica letteraria.
Io non sono credibile.

Nasce su Facebook: Giuseppe Genna e Teresa Ciabatti creano il gruppo “Nina dei lupi allo Strega”, aggiungono i loro contatti e i loro contatti aggiungono altri contatti, nel giro di pochi giorni cinquecento persone sono dentro. Cinquecento persone come me, che leggono molto secondo il molto italiano, cinquecento persone la maggior parte delle quali se non è contabile si occupa di protesi dentarie, progetta interni o vende cerotti o gestisce spa o crea pagine web o fa l'avvocato o corregge bozze o sta all'ufficio acquisti.

Gente che non legge Kant e non si intende di semiotica e non legge riviste di critica letteraria.
Poi Antonio Prudenzano scrive del gruppo nato dal basso sul sito www.affariitaliani.it.

Poi questa notizia del gruppo è ripresa da altri.

Questa cosa del gruppo che spinge Nina dei lupi allo Strega si diffonde.

Finalmente un libro di qualità, pensano i lettori forti, finalmente ci leviamo dalle balle Avallone e Giordano.

Lo dicono Genna e gli altri, Serino, tutti quelli del giro fico.

Gente che quando prende Nina dei lupi e legge dice: sono in difetto io.

Così torna sul gruppo e scrive: bello, grazie, bella lettura.

Avranno ragione loro: Giuseppe Genna è Giusepppe Genna; Teresa Ciabatti è Teresa Ciabatti, sono scrittori, intellettuali: non promoter.

Sul gruppo si leggono rimandi a recensioni positive, brillanti.

Come quella di Belpoliti, uscita sull’Espresso:

[…] Al suo secondo romanzo, lo scrittore milanese ha creato una macchina mitologica che funziona in modo inarrestabile regalandoci un libro godibile e piacevole che fa anche riflettere sul nostro destino attuale. […]

Così la gente che quando prende Nina dei lupi e legge dice: sono in difetto io torna sul gruppo e scrive: bello, anche mia mamma lo legge.

E l'autore: grazie, sono contento.

La sorella di Genna gli fa i complimenti, l’autore dice: grazie, ci tenevo.

C’è gente che è contenta quando interagisce su internet con un nome che legge appena entra in Feltrinelli alla stazione dei treni di Napoli, c'è gente che prova piacere quando riceve una notifica su Facebook perché c'è un commento a un suo commento e il commento al suo commento è di uno che ha scritto un libro che a Roma Termini è nella prima fila dei libri in vendita.

Un giorno apro internet e vi è felicità: Nina dei lupi è stato proposto allo Strega.

Complimenti.
Bravo.
Bravissimo.
Leggo: proposto da Antonio Scurati e Sergio De Santis.

Prendo Nina dei lupi e rileggo i ringraziamenti dell'autore: alle ultime righe Antonio Scurati e Giuseppe Genna.

Antonio Scurati?

Ma come?

Se per andare allo Strega basta la segnalazione di due persone, se Antonio Scurati ha il potere di segnalare un libro allo Strega, se Antonio Scurati è ringraziato da Alessandro Bertante, se uno più uno fa sempre due, direi che è ragionevole pensare che al momento zero in cui questo libro è uscito, per andare allo Strega il lavoro da fare fosse convincere una sola altra persona tra quelle che hanno potere di proporre libri allo Strega a proporre Nina dei lupi.

Non creare il gruppo su Facebook.

Ripreso da Prudenzano.

Ripreso da altri.

Bello, grazie, bella lettura.

Bello, anche mia mamma lo legge.

Con il nome: “Nina dei lupi allo Strega”.

Il nome corretto del gruppo: “Convinciamo una persona a proporre Nina dei lupi allo Strega”.

Il gruppo nato dal basso, secondo definizione diffusa.

Marsilio, la casa editrice, scrive:

 

Sull’onda di una inedita e spontanea spinta “dal basso”, ovvero del vivace e caloroso supporto al libro fornito, in Rete, dal gruppo su Facebook «Nina dei lupi allo Strega», creato dagli scrittori Giuseppe Genna e Teresa Ciabatti, che in pochi giorni ha superato i seicento iscritti il cui entusiasmo è risultato subito contagioso, si è concretizzata l’autorevole presentazione del romanzo di Alessandro Bertante Nina dei Lupi al più importante premio letterario italiano da parte di due scrittori entrambi in passato finalisti dello Strega, rispettivamente nel 2009 e nel 2006: Antonio Scurati e Sergio De Santis.

Prego?
Puoi avere tutta la spinta del mondo ma se nessuno ti propone stai senza. Puoi avere nessuna spinta, ma se due ti propongono sei dentro. Davvero qualcuno è così tonto da credere che qualcuno proponga un nome perché commosso dalle cinquecento persone che si iscrivono a un gruppo?

Sì, io.

Io che studio le protesi e quadro i mastrini contabili e arredo le case e faccio il sistemista e gestisco un negozio di libri usati.

Io ne ho acquistate due copie, una l’ho regalata sulla fiducia:

“Mi fido di Giuseppe Genna, leggi, è la nuova narrativa italiana, dovrebbe piacerti” il biglietto vocale alla persona cui ho fatto il regalo.

Ritorno sul gruppo: per giorni ero stato lettore silenzioso delle recensioni linkate e delle presentazioni, tutte un successo, un fiorire di complimenti.

Aggiungo al gruppo alcuni miei contatti che avevano dimostrato interesse quando avevo parlato loro delle mie perplessità.

Sul gruppo “Nina dei lupi allo Strega” pubblico una nota in cui dico quasi esattamente quello che state leggendo adesso.

Teresa Ciabatti commenta grosso modo così: non capisco questa acredine.

Alessandro Bertante spiega che occorre anche convincere la casa editrice a sostenere il romanzo, giacché devono esserne regalate quattrocento copie ai giurati.

Un contatto che avevo aggiunto al gruppo chiede: “Perché si è parlato di gruppo nato dal basso, quando Genna e Ciabatti sono invece conosciuti nell’ambiente?”. Chiede informazioni, si chiede: se il gruppo l’avessero fondato Giovanni e Clara, lui che produce protesi dentarie lei che progetta interni per abitazioni di lusso, il gruppo sarebbe stato davvero dal basso ma se ne sarebbe parlato allo stesso modo?

Espulsi.
Tutti: io, i contatti che avevo aggiunto poco prima, tutti: sia quelli che hanno commentato sia quelli che hanno soltanto letto.

Tutti espulsi dal gruppo nel giro di mezz’ora, a mezz’ora dalla pubblicazione della nota. Il post ovviamente cancellato, i commenti anche.

Sul gruppo ritorna la pace, l’armonia, i complimenti a senso unico.

Gruppo è un nome che evoca discussione, sono scrittori, fanno narrativa, la nuova narrativa italiana, sono quelli che s’indignano quando in Veneto un’assessore alla cultura propone di levare dalle biblioteche i libri di quelli che difesero Battisti, i libri di Wu Ming, di Genna, sono quelli che si indignano, sono democratici.

Ma il punto è: il libro vale o non vale le parole che si spendono? Cioè: quel tipo di parole?

Della critica letteraria e della sua censuraLa risposta è: assolutamente no.

Sto scrivendo dal vortice della pubblicità: lo alimento.

Nina dei lupi è tutt'altro che epico, la lingua è la lingua delle favole, infantile, quasi ingenua. Buona l’idea, ma contrariamente a quanto dice Genna è un romanzo che non corre a perdifiato verso la sua conclusione, contrariamente a quanto dice Belpoliti la macchina mitologica funziona in modo tutt’altro che inarrestabile. E’ quasi caricaturale, un romanzetto che se scritto da un esordiente gli dai una pacca sulla spalla e lo incoraggi, l’idea c’è, ci sono parecchie forzature, capiamo che sei stato coraggioso, buttarsi nella psicologia di un’undicenne scampata a un’apocalisse è quasi impossibile, non ci sei riuscito ma apprezziamo lo sforzo.

Un bravo di incoraggiamento.

Invece.
Invece Genna scrive: “Il tentativo (riuscito) di Alessandro Bertante è epica pura”.
Invece Alessandro Bertante dice, della lingua di Nina dei lupi, in un’intervista: “Quella mancanza di aggettivazione, questa mancanza di ricerca dell'iperbole nella frase è una mia precisa volontà di mimesi nei confronti della natura, cioè io non posso descrivere una natura così fredda, così rocciosa, così pietrosa, così ostile facendo poi un lingua iperbolica, una lingua iperaggettivata, cioè la mia è una scelta stilistica ben precisa che lavora per sottrazione”.

E allora no, allora davvero è necessario lavorare per sottrazione e dire: questo libro è una sòla.

Sto scrivendo dal vortice della pubblicità: lo alimento.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.4 (27 voti)

Commenti

Bell'articolo, grazie. Mi riservo di leggere il libro, però come si dice? A naso, confido nell'istinto letterario di uno che si occupa di protesi dentarie

Ma... Chapeau!

Concordo con quanto scrive Marco. Da qualche tempo si assiste su facebook a una desolante corsa di mezze calzette allo Strega. E si capisce subito che i meccanismi dell'editoria sono esattamente gli stessi della politica. Gli autori fanno gruppetti tra di sé, io promuovo il tuo libro, e tanto poi lo so che riceverò un favoretto in cambio. E poi c'è questo premio Strega che tutti riconoscono falso, truccato, ma a cui tutti provano a partecipare. Evidentemente è una prova ulteriore del fatto che anche i loro intenti sono truccati, esattamente come questo premio tanto criticato. incredibile come tutti questi autori siano conformi ai meccanismi dell'industria culturale italiana. Per questo, certo, siamo italiani.
Dobbiamo pure credere che è merito dell'afflato democratico di facebook se alcuni romanzi (peraltro davvero discutibili "capolavori") come quello di Bertante sono arrivati al premio Strega? Certo, c'è chi ci crede, purtroppo.
Quello che emerge è che la patente di "critico" letterario viene attribuita troppo facilmente oggi. E che basta essere "apocalittici" per essere "originali". Un panorama desolante.

anche perché è lo stesso Bertante che inserisce le persone nel gruppo. Niente di male ma non è più tanto credibile il gruppo stesso. L'iniziativa. E tutti coloro che lo appoggiano. Poi il romanzo è banalotto e quindi ci si chiede se non ci sia altro dietro. Proprio adesso qualcuno lo sta criticando per una partecipazione a un noto talk show prevista per stasera. L'autore non intuisce l'ironia e la getta sull'astio come motore di tutto. Come dire, se qualcuno non è d'accordo è solo invidia, rancore, astio, odio. Ma non ci può essere semplicemente disaccordo? Per forza bisogna avere un presupposto d'odio? Mah

Concordo in pieno. In questi mesi si assiste su facebook alla desolante corsa di tanti romanzetti per lo Strega. Chi li promuove? Gli amici degli autori stessi, che si scambiano favori, e che poi fanno passare l'iniziativa come "la rivoluzione democratica di facebook". Di democratico non c'è proprio niente, ma c'è chi ci crede, purtroppo.
Vorrei sottolineare qualche questione:
1) in Italia la patente di critico letterario viene attribuita davvero con troppa facilità. Si scambia il critico con il recensore. Che magari è bravo, ma che rimane comunque un recensore. L'industria editoriale sta dando a queste figure un'importanza eccessive, facendo firmare loro prefazioni, introduzioni, commenti. Perché? Inizio a pensare che il motivo sia il fatto che queste figure sono molto più disponibili, "alla mano", piene di contatti, volti noti, più facili da trattare rispetto a un critico vero e proprio. Stiamo perdendo il senso della realtà.
2) Tutti criticano il Premio Strega e tutti vogliono parteciparvi. È sconfortante vedere che non vi sia una voce fuori dal coro e che tutti rispondono alla chiusura culturale con altrettanta chiusura.
3) Siamo stanchi di questa letteratura apocalittica, scritta da chi la fine non l'ha mai vista né riesce a immaginarla. L'originalità non sta qui.

Spulciando fra le pagine di facebook mi sono divertito ad assistere a questa inedita gara fra scrittori. Molte banalita', una certezza: Alessandro Bertante e Antonio Scurati hanno ideato e curano insieme il Festival Officina Italia a Milano. Cioe' sono amici. L'operazione Strega sembra dunque pianificata a tavolino. Un'operazione tra l'altro piuttosto deludente nei risultati se pensiamo che gli iscritti al gruppo "Nina dei lupi allo Strega" sono circa 650. Considerando il potere dell'editore e i nomi che sponsorizzano Bertante una ben misera cosa. C'e' chi sull'onda del fervore mediatico ha ripreso l'idea e pur non potendo contare su affiliazioni letterarie di rilievo ha un numero ben maggiore di iscritti. Naturalmente non e' detto che cio' li aiuti a trovare sponsor per candidare i loro libri al premio. Non tutti possono vantare amici importanti.

Anche quest'anno ho trovato il candidato Strega da denigrare e sconsigliare a tutti! (l'anno scorso era la Avallone)

Grazie mille!

Articolo esauriente, entusiasmante, meglio di molti romanzi. Anche premi Strega.

Grazie.

Non ho letto il libro, ma il meccanismo del premio è esattamente quello descritto da Marco. Avvilente. Da scriverci sopra un romanzo "apocalittico". E' proprio vero: "la dissipazione accompagna l’uomo verso lo smarrimento"...

Mi piacerebbe che Bertante rispondesse. Tacendo non ci fa una bella figura.

suvia ragazzi,si sta esagerando un po,nina dei lupi non è un capolavoro epico come dice Genna,(voglio dire"cavalli selvaggi" di cormac mc carthy è un altra cosa,x dire..)ma è meglio di quel che di solito passa il convento,l'idea forte nel libro cè,anche se perturbata da un antropologia della natura buona contro mondo urbano cattivo che è gia stata vista 56 volte,e la scrittura non è questo capolavoro(strano che belpoliti non se en accorga ),le scene d'azione son davvero scarsine come resa,per contro l'approccio favolistico un po incanta davvero e così via-non vuole essere un libro realista,e non lo è
Ma si legge,e si volta pagina!e non è un pregio da poco!l'avallone è un altra cosa,eh...

@davide, è sconcertante leggerti. Il tuo commento è una accozzaglia di errori grammaticali. Parli di antropologia? ti chiederei, su un sito come questo, di studiare la lingua italiana.

Riguardo al resto, ho già dato a suo tempo. Facevo anch'io parte dei tuoi contatti bannati. Addirittura Genna mi ha cancellato dalle sue "amicizie" solo per aver letto un mio commento in merito. Non c'è contraddittorio. Loro si difendono dicendo che non sono critiche costruttive e che in questo caso non ci può essere dialogo. Un libro non può essere giudicato in base a poche pagine, ma nel suo complesso. Diversamente si è superficiali. Questo mi è stato risposto.
Ho letto solo alcune pagine, al supermercato, di Nina dei Lupi, sono le peggiori pagine "spiluccate" che ho letto (perchè, checchè se ne dica, è un diritto del lettore "spiluccare").
Il premio Strega è da diversi anni una farsa. E ne ho avuto conferma anche da chi è stato candidato...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.