Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

David Lynch e il suo spazio dei sogni

David Lynch e il suo spazio dei sogniPuntata n. 44 della rubrica La bellezza nascosta

 

«Tutta la macchina di Twin Peaks si muoveva velocissima. Era come cavalcare un toro nell’occhio del ciclone, e per chiunque fosse coinvolto fu davvero destabilizzante. È grottesco sentirsi oggetto di un’attenzione così smisurata, e non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. Il secondo anno diventò un vero e proprio delirio: nel momento stesso in cui cercavamo di andare avanti con le puntate la serie iniziava ad avere una vita propria come fenomeno culturale. E queste forze risultavano spesso in contrasto tra loro.»

 

Alcuni uomini riescono, grazie alla loro arte, a coinvolgere e a meravigliare; questi individui sono spesso conturbanti, e senza ombra di dubbio dei geni. Parlare di David Lynch può essere semplice, ma anche rischioso; un uomo che ha fatto della sua immaginazione e delle sue paure il fulcro della sua opera artistica, un uomo che ha destabilizzato platee, che le ha commosse o confuse. Alcune pellicole di Lynch sono veri e propri enigmi e per giungere alla soluzione c’è bisogno di guardarle e riguardarle, e molto spesso solo per arrivare a un’interpretazione personale di ciò che si è visto.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

David Lynch e il suo spazio dei sogni

Regista, sceneggiatore, fotografo, pittore e all’occorrenza musicista, l’uomo David Lynch sembra venuto fuori da un romanzo, da un racconto fantastico; ha da sempre scavato nell’anima dell’essere umano con pellicole come Eraserhead (1977), The Elephant Man (1980) o Una storia vera (1999), ci ha regalato una serie tv come Twin Peaks che per regia e sceneggiatura resta una delle vette più alte per quanto concerne i telefilm; ci ha regalato rompicapi come Mulholland Drive (2001), Inland Empire – L'impero della mente (2006) e scosse, con pellicole come Cuore Selvaggio (1990) e Strade perdute (1997) e Velluto blu (1986). Ma prima di ogni cosa, le sue opere, che siano state filmiche o fotografiche o pittoriche, ci hanno deliziato con un lato estetico indiscutibile; si può affermare che ogni opera su cui abbia messo le mani sia diventa “arte” nel senso assoluto del termine.

David Lynch è nato nel 1946 (Missoula), con l’aiuto della giornalista americana Kristine McKenna ha scritto la sua biografia Lo spazio dei sogni pubblicata in Italia da Mondadori, traduzione a cura di Luca Fusari e Sara Prencipe.

David Lynch e il suo spazio dei sogni

Un testo che rappresenta un vero tesoro per potersi addentrare nell’universo Lynch e per cercare di comprendere da dove siano nate le sue nevrosi, le sue paure e la sua propensione per quella parte della vita che pare trovarsi sempre al di là della normalità. Ci troviamo quindi a fare un viaggio al fianco del regista, partendo dalla sua infanzia fino a giungere alle prime pellicole, alla musica, ai primi successi e ai momenti di difficoltà. Un viaggio che è anche visivo perché all’interno della biografia ci sono molte foto di David Lynch che lo ritraggono in svariati momenti della sua esistenza.

«Verso la fine del nostro lavoro, entrambi abbiamo avuto la stessa sensazione: ci sembrava che il libro fosse un po’ breve e scalfisse appena la superficie della storia. La coscienza umana è troppo vasta per essere racchiusa in un libro, e ogni singola esperienza ha mille sfaccettature. Noi volevamo che fosse la parola definitiva, ma non è che una rapida occhiata.»

 

LEGGI ANCHE – Tutte le puntate di La bellezza nascosta

 

Le parole di Lynch sono precise e asciutte, ci racconta tutto quello che è stato della sua vita senza nasconderci niente, un racconto a cuore aperto sul percorso di un artista, sulle passioni di un uomo geniale, e sulle sue debolezze. Come lo stesso regista spiega all’interno del libro, lui e la giornalista McKenna hanno preferito lavorare individualmente su ogni singolo capitolo, salvo poi passarseli e confrontarli per farne venir fuori un risultato soddisfacente per entrambi e quanto più vicino alla veridicità dei fatti.

“Fin da piccolo Lynch aveva un talento naturale per il disegno. Per non limitarne l’immaginazione, la madre non gli diede mai album da colorare; il padre portava a casa dal lavoro pacchi di carta millimetrata, così, quando gli andava di disegnare, David aveva a disposizione tutto il necessario e veniva incoraggiato a seguire la sua fantasia. «Era appena finita la guerra, in giro c’erano un sacco di residuati bellici, disegnavo pistole e coltelli» ricorda. «Ero appassionato di aerei, bombardieri e caccia, Flying Tigers e mitragliatrici automatiche Browning raffreddate ad acqua.»”

David Lynch e il suo spazio dei sogni

Lo spazio dei sogni è uno di quei libri che vanno custoditi gelosamente perché, quando un meraviglioso artista come Lynch decide di aprire le porte del suo mondo e di farci entrare, non ci resta altro da fare che metterci comodi e leggere e guardare le foto e provare a comprendere cosa ci sia, della sua vita privata, nei suoi film.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Se c’è una cosa sicura è che le pellicole di David Lynch sono oggetti senza confini, la sua visione della realtà, che viene fuori in maniera magistrale anche dalle sue opere fotografiche, è unica e inavvicinabile; non resta che andare a ripercorrere tutte le sue opere, per chi non l’avesse ancora fatto, e di andare a scoprire il Lynch pittore o il Lynch musicista, perché anche lì vedrete venire a galla quel senso di onirico ed irreale che ha pervaso, da sempre, la sua filmografia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.