Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Dannazione” di Chuck Palahniuk

“Dannazione” di Chuck PalahniukL’inferno è sulla terra, ci dice Palahniuk, e non sarebbe chissà quale trovata se non fosse proprio lui a dircelo, se soprattutto non ce lo dicesse alla Palahniuk.

Le ambientazioni:  i monti fumanti di cacca di cane, la distesa di funghi dei piedi che crescono incontrollati, la palude dei feti abortiti, il mare d’insetti, il lago di bile tiepida,  il grande oceano di sperma sprecato. E’ lì che viaggia Madison, una tredicenne morta per overdose di marijuana, che quando si ritrova in una gabbia circondata da altre gabbie che ospitano improbabili compagni di sventura, decide di socializzare.

Perché lei espansiva lo è, pure testarda: deve trovare Satana in persona.

Se chiedi come mai la gente sia finita all’inferno, ti diranno che non hanno fatto attenzione ad attraversare la strada, o che hanno detto troppo volte la parola cazzo, o hanno fumato troppa marijuana. Nessuno è colpevole, almeno a una prima informazione. Nemmeno i vivi, quelli ancora sulla terra, si aspettano di fare quella fine, anzi non si aspettano proprio di morire.

La morte è un Errore Enorme che nessuno di noi progetta mai di fare. Ecco perché il pane di crusca e le colonscopie. Ecco perché si prendono le vitamine e si fanno i pap test. No, voi no, voi non morirete mai, per questo adesso vi sentite tanto superiori a me. Be’, prego, fate pure. Continuate a spalmarvi creme solari e a palparvi in cerca di noduli. Non sarò certo io a rovinarvi la sorpresa”, dice Madison, che poi ai vivi ci parla pure. Perché quello che non sappiamo è che, ad esempio, i call center sono fisicamente all’inferno e quelli che ci propongono una nuova tariffa telefonica o l’olio extravergine o la polizza online sono in realtà morti. Come non sappiamo che i morti hanno un giorno di libera uscita la notte di Halloween: sono morti quelli che indossano le maschere horror.

Lingua, immagini, significati: il solito bravissimo Palahniuk, anche se il grottesco lascia spazio questa volta all’allegorico (inevitabile visto argomento e luogo).

Alcune annotazioni per definire qualche paletto:

a) dico “solito bravissimo” senza aver letto Pigmeo e Senza veli, che sono gli ultimi due prima di Dannazione, che hanno goduto di critica non buona; specificatamente, vengono ritenuti romanzi che segnano la parabola discendente della qualità dell’opera di Palahniuk. A proposito di Dannazione, è stato detto che l’autore “ritorna al livello delle prime opere”. Per questo dico “solito bravissimo”: perché chi ha amato Invisible Monsters, Fight Club, Diary, Survivor, Soffocare (Ninna Nanna lo metto un gradino sotto) - senz’altro apprezzerà Dannazione.

b) combatto da tempo contro la definizione cinico attribuita all’autore. Dal Devoto-Oli: cinismo, s.m., atteggiamento di ostentata indifferenza e disprezzo nei confronti di valori morali e sociali, da cuicinico èchi ostenta disprezzo o indifferenza nei confronti dei valori umano com. accettati dalla società in cui vive.

Non sono d’accordo: l’ostentazione del disprezzo - di sicuro non vi è mai tra le sue pagine indifferenza - esiste ma è secondaria a un processo primario cui forse per semplicità non si fa mai cenno:  una specie di disincrostazione del pensiero comunemente accettato in funzione di un pensiero puro, logico, che narrativamente sfocia in un circostanziato iperrealismo (o brutalità, diciamo pure anche crudezza), che soltanto un riflesso emotivo e superficiale porta a definire semplicisticamente: cinismo.

Insisto per un motivo: cinico ha connotazione spregiativa ed è chiaramente inserito nella lista dei difetti; disincantato, invece, significa pienamente consapevole, attento a percepire l’intima essenza delle cose, sempre Devoto-Oli, la consapevolezza essendo invece da augurare e augurarci.

Questo per chi di questo autore non ha mai letto nulla: potrebbe essere interessante incominciare da quest’ultimo romanzo, che termina con “continua”, e che costituisce, a quel che si sa, la prima di una trilogia che farebbe ripercorrere all’americano le impronte di Dante Alighieri.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (6 voti)
Tag:

Commenti

Sono d'accordo: piu' che cinico, sarcastico. Senza veli faceva pena, spero che Dannazione mi consoli, vista la mia fedeltà a Palahniuk negli anni...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.