14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Dalla Francia all’Italia, il doppio giallo in “Senza movente” di Flaminia P. Mancinelli

Dalla Francia all’Italia, il doppio giallo in “Senza movente” di Flaminia P. MancinelliSenza movente (Newton Compton, 2018) è il nuovo libro di Flaminia P. Mancinelli, già autrice di Inquietante delitto in Vaticano (Newton Compton, 2017). Entrambe le opere hanno come protagonista Nicola Serra, capitano dell’arma dei Carabinieri grazie alla promozione ricevuta dopo aver risolto brillantemente l’indagine nelle catacombe romane. In Senza movente ci troviamo al cospetto di un doppio giallo che si svolge su binari paralleli, nell’arco di poco più di dieci giorni, tra Italia e Francia.

Il capitano Serra si concede una vacanza con la fidanzata, Marion, nella terra d’origine di quest’ultima. Andranno in Normandia a trovare le sue due vecchie zie, Emily e Annie, e con l’occasione la donna gli farà conoscere e sperimentare le bellezze di un paesaggio inatteso, sorprendente, per chi come Nicola non si è mai affacciato su quegli scenari. Ma non sempre i progetti lieti mantengono l’aspetto figurato quando li si sviluppa. Al loro arrivo infatti zia Annie è estremamente turbata per la morte del fattore Jeanud Modan, un decesso inatteso, classificato come “naturale” ma che a lei, estremamente sensibile, non sembra altro che un assassinio. Ne è certa, anche i suoi tarocchi lo hanno confermato, così decide di interrogare Henri Détroits, detto Il Monco. Questi, da tempo alle dipendenze del suo amico scomparso, potrà riferirle se c’era qualcuno che ce l’aveva con Modan, qualcuno che avrebbe potuto desiderare di toglierlo di mezzo. Zia Annie, un animo delicato, artistico, sottile come carta velina che con un colpo di vento può strapparsi, non è in grado di affrontare quell’incontro da sola, quindi la nipote e il capitano Serra decidono di scortarla.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Nel frattempo, a Roma, il tenente Sara Vittorini si reca nell’appartamento del vacanziero Nicola per innaffiare le piante, per ristorarle in un ottobre soleggiato come non mai. Accompagnata dalla sua ultima fiamma si prende cura dei vasi aridi; una volta portato a termine il compito attende che Imma esca dal bagno. Ma Immacolata Moro da quel bagno non uscirà se non in barella, con un buco letale nel braccio. Sara, preoccupata per i fraintendimenti che potrebbero scaturire dalla vicenda, una ragazza morta per overdose nel bagno di casa di un capitano dei Carabinieri è un fatto che attira di certo attenzione e maldicenze, col supporto del maresciallo Lamanica e della responsabile del RaCis Grazia Onori trasporta il corpo della vittima all’istituto di medicina legale, senza denunciare l’accaduto.

Dalla Francia all’Italia, il doppio giallo in “Senza movente” di Flaminia P. Mancinelli

Una volta informato Nicola viene divorato dal dubbio, lecito peraltro, sul ritornare o meno a Roma. Ma l’incertezza si dissolve al cospetto degli occhi preoccupati di Marion dopo la scomparsa improvvisa di zia Annie: rimarrà al fianco dell’amata per aiutarla a ritrovare la vecchina.

Analizzando l’appartamento di Serra la Onori scopre ingenti quantità di droga e inizia a disegnare insieme a Vittorini e Lamanica il quadro della situazione. Qualcuno vuole incastrare il capitano, Sara è stata il mezzo per giungere fino al suo appartamento, Imma solamente una pedina che dopo aver svolto il suo compito è stata stroncata da una dose appositamente letale. Ma i leali colleghi, preoccupati di proteggere Nicola, non possono nulla di fronte al nuovo attacco volto a infangare la sua immagine. Un nuovo cadavere viene trasportato nell’appartamento e stavolta una soffiata anonima fa in modo che a giungere sul posto per primo sia il capitano Dalleri, che ce l’ha con Serra da tempo, da quando si era visto soffiare sotto il naso il caso delle catacombe, sebbene di sua spettanza territoriale.

Anche a Kerarmar le cose si complicano inaspettatamente. Il Monco viene trovato brutalmente ucciso, mentre lo si cerca sperando possa fornire informazioni riguardo zia Annie. Annie con la sua leggerezza, con l’astrattezza della pittrice, non tornerà ad allietare le giornate della pratica e razionale sorella Emily, non più. Nicola decide di rimanere al fianco di Marion per contribuire alle indagini, sebbene un suo ritorno a Roma sarebbe auspicabile.

In un accavallarsi di colpi di scena, in un intreccio che si disegna come mosaico interculturale e internazionale, il lettore viene sbalzato da una Roma dove droga, interessi, gelosie vedono susseguirsi attori sempre nuovi a colorare una scena del crimine che fino all’ultimo si connota per l’assenza di un movente, a una Francia più riservata, asettica, morigerata nel vivere i sentimenti, gli stessi che esplodendo hanno corroso intimamente un essere fragile per condurlo a una serie di omicidi efferati.

Cosa può generare dei mostri? Cosa spinge ad allontanarsi irrimediabilmente dall’umanità?

Dalla Francia all’Italia, il doppio giallo in “Senza movente” di Flaminia P. Mancinelli

La risposta si evince dalle pagine ben scritte e curate nei dettagli dall’autrice: essere privati di ogni forma di amore. L’anima non può a quel punto che inaridirsi e per sopravvivere non la si può ascoltare ulteriormente nella sua richiesta disperata. Una volta zittita si darà sfogo al risentimento, al bisogno cieco di infliggere ad altri lo stesso supplizio, ingannandosi che questo risollevi dal baratro, o piuttosto sentendo la vendetta come necessaria e naturale. Naturale come può esserlo un padre che rifiuta la propria figlia. Naturale come chi ti convince di essere sbagliato e ti spinge a trasformare il tuo corpo non per reale bisogno, ma solo per allinearti a quella bieca e tagliente idea che risponde alla parola “normalità”. Naturale come un adulto che abusa di un bambino.

Un’opera questa che scorre, fluisce, trasporta il lettore tra i cunicoli della mente umana alla ricerca di chiarimenti e spiegazioni, che spesso non possono giungere se ci affidiamo al solo raziocinio.

Un giallo che tiene avvinti fino all’ultima pagina ma che si colora nel suo epilogo di rosso, come lo sono due cuori straziati che sanguinano per gli abusi e le mancanze che li hanno marchiati. Non un’assoluzione, non una giustificazione, il male non può cambiar volto a seconda di chi lo compie, ma di certo un senso di profonda tristezza che porta a interrogarsi sul vuoto emozionale che frequenta abitualmente le esistenze di troppi individui.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Nel testo sfilano temi importanti, alcuni si palesano, altri solamente sfiorano, e l’opera nella sua globalità ci spinge a uscire dalla gabbia dorata dove spesso ci rinchiudiamo in modo rassicurante, convincendoci che sia sufficiente, confidando in questa azione ipocritamente salvifica che non fa altro che trasformarci in isole. E cosa può fare un’isola se non chiudersi nella propria solitudine? Non si lascerà conoscere, almeno finché il capitano Serra non arriverà a far luce con l’onestà, la caparbietà, l’acume, che lo contraddistinguono. Solo a quel punto ci interrogheremo sul valore dei legami familiari, tradizionali e non, sulle difficoltà di chi si trova a scoprire pulsioni che la società condanna, di chi ha ricevuto violenza anziché l’agognato abbraccio. Ma soprattutto ci chiederemo dove sia finito il mostro, colei che da abile manipolatrice ha diffuso sofferenza.


Per la prima foto, copyright: Sofia Sforza.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.