Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Dall’orfanotrofio all’età adulta. “La casa dei bambini” di Michele Cocchi

Dall’orfanotrofio all’età adulta. “La casa dei bambini” di Michele CocchiLa casa dei bambini è il nuovo romanzo di Michele Cocchi e il centro della narrazione è un orfanotrofio nel quale prendono forma le vite e i destini di alcuni bambini. Sandro, Nuto, Dino, Giuliano e Viola sono alcuni dei ragazzini presenti in istituto e sono stati abbandonati. In realtà, il romanzo è caratterizzato da un senso di indeterminazione che non ci permette di comprendere in modo completo il passato di questi ospiti di diverse età. Non abbiamo certezze ma, leggendo le storie della comitiva di amici e ascoltando i loro discorsi, è possibile dedurre che qualcuno di loro non ha i genitori, mentre altri sono stati abbandonati dalle proprie famiglie che non avevano lo stretto necessario per crescerli e sostenerli.

Il libro del pistoiese Cocchi, edito da Fandango, racconta la crescita, la disillusione e la perdita di innocenza dei protagonisti in un pellegrinaggio in tre parti e ognuna di esse corrisponde a un periodo della vita. Abbiamo l’infanzia (parte prima), l’adolescenza (seconda) e l’età adulta (ultima parte). In queste tre sezioni il lettore cammina a fianco di Sandro, Nuto, Dino, Giuliano e Viola, affrontando quelli che sono i rischie le piccole gioie del quotidiano di questi orfani.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Addentrandoci nelle tre età dei protagonisti nel primo frammento narrativo troviamo scene di vita quotidiana di bambini alla prese con tentativi di fuga dall’istituto, per vedere cosa c’è oltre quelle invalicabili mura. Ci sono zuffe, litigi e vendette architettate dai diversi protagonisti per punire i compagni più cattivi e quelli sempre pronti a mettere i bastoni tra le ruote. Accanto ai piccoletti ci sono anche delle figure adulte che li sorvegliano e cercano di tenerli sulla retta via. Tra di loro il direttore dell’istituto, il custode Pasquale e le tante “mamme” (donne che lavorano in orfanotrofio) che accudiscono gli orfanelli, dando loro quell’ affetto che non hanno mai avuto.

Dall’orfanotrofio all’età adulta. “La casa dei bambini” di Michele Cocchi

Nella parte dedicata all’adolescenza, la Casa dei bambini non è più una presenza fisica, i set di ambientazione narrativa cambiano. Ci si addentra, da un lato, in una città cupa, minata dalla distruzione e, dall’altro, nella natura selvaggia dei boschi. In questi luoghi troviamo alcuni dei bambini della prima parte diventati più adulti e maturi. Tutti (qualcuno sarà soldato, qualcuno diventerà partigiano, qualcuno lascerà gli amici di sempre per iniziare una nuova vita) sono travolti dalla necessità di combattere per sopravvivere in un mondo dove l’esistenza è costantemente messa alla prova. I protagonisti vivono in condizioni precarie e questo permetterà loro di ricordare e di riflettere sul periodo passato nella Casa dei bambini e sulle persone che la animavano e che non ci sono più.

L’ultima parte è dedicata alla vita adulta della comitiva di amici. Ognuno di loro cerca di dare un senso al proprio vissuto, magari donando un pizzico di felicità e amore (quello che loro non hanno avuto da piccoli) alle persone – bambini compresi – che incontrano sul loro cammino. Due dei protagonisti, diventati grandi, torneranno nei luoghi di un tempo, proprio nell’orfanotrofio che era la loro casa, trasformatasi nel periodo post bellico in un cumulo di ricordi di un’epoca esistenziale che ormai non tornerà più.

Dall’orfanotrofio all’età adulta. “La casa dei bambini” di Michele Cocchi

La casa dei bambini di Cocchi è un romanzo storico, dalla trama ben costruita, capace di trattenere il lettore incollato alla pagina per scoprire cosa accadrà a Sandro, Nuto, Dino, Giuliano e Viola. L’atmosfera narrativa, anche se è caratterizzata da una sensazione di indefinito che investe il tempo e il luogo, non impedisce a chi legge di intuire come le avventure vissute dai personaggi si sviluppino durante il periodo della Resistenza e nell’immediato dopoguerra.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Michele Cocchi costruisce un intreccio narrativo ben compatto, nel quale le azioni e le parole dei personaggi coinvolgono il lettore, il quale diventa testimone del vissuto dei cinque protagonisti. Le creature del romanzo di Cocchi sono personaggi letterari, caratterizzati da emozioni, timori, dubbi, gioie e fragilità che li rendono profondamente umani e che faranno perdere loro la spontaneità e l’ingenuità tipica dei bambini.

Dall’infanzia all’età adulta, i protagonisti di questa storia compiono un viaggio esperienziale nel quale sperimentano azioni, anche brutali e crudeli, che li segneranno per sempre nell’animo più che nel corpo. Eventi che faranno comprendere a noi lettori e in primis ai protagonisti  di La casa dei bambini di Michele Cocchi – psicoterapeuta dell’infanzia e dell’adolescenza – come l’unica vera famiglia che loro hanno avuto è quella fatta da loro stessi.


Per la prima foto, copyright: Helena Lopes.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.