Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Dal romanzo alla sceneggiatura: lezioni di Céline H.

Natura morta di Paul CezanneCome abbiamo stabilito telefonicamente entro nel museo d'Orsay a Parigi, raggiungo la volta luminosa e mi fermo sulla scalinata principale. Dopo un poco vengo raggiunta dalla sceneggiatrice Céline H. e da un gruppetto di suoi allievi. Ci salutiamo e Céline dà inizio alla sua originale lezione di sceneggiatura.

Ci soffermiamo davanti ad alcune pitture: una natura morta di Paul Cézanne, “La regate à Argenteuil” di Claude Monet, il ritratto di Émile Zola di Edouard Manet e un altro Cézanne “La maison du pendu”.

Céline H. insiste sul metodo di composizione, specialmente dell'ultima, di cui sottolinea lo studio delle linee, i colori freddi, la natura immobile, priva di persone, il forte sentimento di solitudine che ne nasce. Fa notare quanto quest'opera sia vicina ad “Angeline ou la Maison Hantée” di Émile Zola, il racconto che i suoi allievi dovranno sceneggiare.

Continua spiegando che per Cézanne la pittura era il luogo in cui sperimentare i metodi della conoscenza, come per Émile Zola la scrittura era il laboratorio in cui sviluppare un personaggio, un temperamento, in un determinato ambiente.

A questo punto un allievo commenta: “È difficile trasformare il racconto di Zola in una sceneggiatura: non c'è azione, la storia è portata avanti dalla vita interiore del protagonista e dai suoi pensieri. Le uniche azioni si trovano nei racconti della barista, ma in questo caso il film sarebbe un continuo flashback.”

Céline H. replica: “Affidare tutta l'azione ai flashback sarebbe un grave difetto. Nella sceneggiatura bisogna trasformare i sentimenti o le emozioni sempre in immagini e talvolta in dialoghi. Il racconto di Zola ha un approccio psicologico legato alla condizione del luogo: la desolazione di una vecchia casa solitaria. 'Angeline o la casa infestata' è la storia di un uomo che facendo un giro in bicicletta su una strada deserta, si imbatte in una casa abbandonata che ispira tristezza e angoscia. Nell'uomo nasce il desiderio di comprendere il motivo di quei sentimenti. E il semplice desiderio di sapere diviene ossessione di conoscenza, quando gli viene raccontata la tragica morte di Angeline e la  leggenda del suo fantasma, che ogni notte appare richiamato da una voce.”

Dopo una piccola pausa Céline illustra il primo esercizio per sceneggiare il racconto di Zola. Mantenendo l'ambiente originale, la vecchia casa solitaria appesantita dal suo vissuto, cambiamo protagonista. Creiamo un personaggio, una donna in carriera, un bambino che esce da scuola oppure un muratore e facciamolo interagire con quell'ambiente e le sue leggende.

Poi Céline spiega che una sceneggiatura non ha gli stessi ritmi di un romanzo. E per essere più chiara espone le tappe dell'eroe secondo Cristopher Vogler:

[1]il mondo ordinario;

[2] il richiamo verso l'avventura;

[3] il rifiuto dell'avventura;

[4] l'incontro con il mentore;

[5] l'attraversamento della prima soglia;

[6] le prove, gli alleati e i nemici;

[7] l'avvicinamento alla grotta più recondita;

[8] la prova suprema;

[9] la ricompensa o l'impadronirsi della spada;

[10] la strada del ritorno;

[11] la rinascita;

[12] il ritorno con l'elisir.

Céline dice di cercare e sottolineare nel racconto di Zola queste 12 tappe. Riportandole poi su un grafico come questo:

Equilibrio apparente                                                               Complicazione                     Climax

        [1]   [2]     [3]    [4]           [5]       [6]               [7]             [8]        [9]    [10]    [11]         [12]    


               Asse del tempo    


Annotiamo con cura le reazioni del protagonista, quello che è stato scelto da Zola, senza badare se si tratta di cambiamenti di carattere emotivo, di pensiero o d'azione.

Diversamente da un racconto letterario, in una sceneggiatura i punti 5, 7, 10 e 11 hanno una posizione fissa e sono distanti l'uno dall'altro di un arco di tempo pressappoco costante.

Quindi tenendo presente il grafico appena compilato, sostituiamo il protagonista di Zola con il nostro e facciamolo entrare nella storia.

Si addentrerà nella casa infestata; fuori incontrerà la barista e gli altri personaggi.

Riportiamo tutto su un nuovo grafico. Annotiamo le sue reazioni in base al suo temperamento e alle sue conoscenze e credenze.

Che cosa accadrà nei punti nevralgici della nostra sceneggiatura?

Céline H. ci invita a eseguire questi esercizi con cura e di rincontrarci nella piazza davanti al museo d'Orsay tra due settimane per rileggerli insieme.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (37 voti)

Commenti

Qualcuno desidererebbe che io continuassi a illustrare le lezioni di Céline H.? Possono essere utili? paola paoletti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.