In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Da bracciante a prostituta, due volte schiava

Da bracciante a prostituta, due volte schiavaQuando è arrivata a Taranto, Monica aveva tutte le paure di una diciottenne di provincia. Gonna lunga, aria impaurita, scendeva dal pullman Atlassib meno disinvolta delle sue connazionali, meno scaltra e più speranzosa. Adesso che la incontro, a quattro anni da allora, Monica ha ancora quello sguardo vergine, ma le mani incallite e la voce rotta da una commozione antica.

 

«Quanti anni hai?»

«Ventidue. Sto qua da quattro anni. Ho fatto sempre la bracciante», risponde abbassando la testa sulle ultime parole.

 

Monica non è semplicemente una bracciante, ma una delle tante rumene che vengono introdotte dal sistema dei caporali in quello più miserabile e violento della prostituzione. Come tante giovani donne dell’Europa dell’Est e del Centrafrica, anche per Monica il campo di lavoro si è trasformato in una doppia riduzione in schiavitù.

 

«Hai voglia di raccontarmi qualcosa di te?»

Annuisce e comincia a dirmi che ha un diploma alberghiero, che sognava di lavorare in un grande albergo di Bucarest e che era venuta in Italia con la promessa di lavorare per qualche settimana alla raccolta degli ortaggi.

 

«Io non sono una contadina, la mia famiglia era ricca. Poi quando hanno ucciso Ceausescu, quei bastardi!, hanno messo mio padre in galera. Lui ha cominciato a bere e ci siamo trovate senza fare niente. Io sono partita per l’Italia perché uno del mio quartiere organizza sempre questi viaggi con le donne. Siamo delle lavoratrici, ma a lui non gliene frega. Gli dai trecento euro e lui ti fa venire in Italia con un contratto per lavorare in campagna»

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

«Quante siete?»

«E chi lo sa? Cinquanta, cento… Tante. Lui si fa un sacco di soldi e se a noi ci capita qualcosa a lui non gliene importa. Lui non viene con noi. Chiama quegli amici suoi che stanno qua e quando arriviamo ci prendono loro»

«Amici rumeni?»

«Sì, sempre amici rumeni»

 

È il sistema della filiera dell’importazione di manodopera. Una specie di tratta illegale di lavoratrici regolari e comunitarie. Purtroppo gli amici del loro caporale hanno cominciato a mettere su un fiorente business del sesso a pagamento. Nelle campagne…

 

«Mi hanno dato ad altri rumeni e al padrone italiano. Poi mi hanno messo in una casa a Sava, qua vicino. E mo’ per la strada»

 

… E nelle città della provincia di Taranto. Il percorso, il passaggio da un mestiere, per così dire, a un altro è tutto dentro questa riduzione della donna a merce.

 

«Quello di Bucarest mi ha venduto a uno di qua, un rumeno. Ora però ho pagato il debito e penso di andarmene. Ma non so se torno a Romania. Sanno tutti quello che mi hanno fatto fare qua»

«E dove te ne vuoi andare?»

«Forse al nord. Ho delle amiche in Veneto, mo’ vedo un poco se mi ospitano. Poi si pensa»

 

Il debito è un altro degli aspetti della riduzione della donna a merce. Anche le braccianti possono contrarre debiti, soprattutto all’inizio della loro permanenza in Italia, quando le spese sono più alte per via dello shock nel passaggio da una vita tutto sommato libera a una vincolata, imprigionata e sottoposta al controllo da parte dei caporali e dei padroni.

 

«Ora devo salire sul pullman», mi fa stringendomi la mano.

Avevo dimenticato che sono le tre e mezzo del mattino e qui, in questa piazza di paese, le braccianti stanno per salire sui bus che le porteranno… chi in campagna, chi sulle complanari pugliesi del sesso.

 

Aspetto che sia salita sul pulmino sospinta dal caporale prima di andarmene, di voltarle la schiena e di risalire in auto. Addio Monica, e buon lavoro.


Segui il nostro speciale I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.