In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

“Cuore cavo” di Viola Di Grado

Cuore cavoDorotea Giglio è una ragazza che si uccide. La sua morte si espande e fa finire il mondo. O meglio, fa finire un mondo, per Dorotea che, letteralmente, nasce alla morte nel tentativo, vano, di sfuggire alla vita.

Cuore cavo (e/o, 2013) parla di una «vice-vita», dunque, o di una vice-morte. E di tutto quello che ci sta in mezzo. Viola Di Grado mette a fuoco la protagonista come una giovane fortunata nella sua tremenda predestinazione, cresciuta nel nero e al nero assuntasi, colpita come un pugno dalla mirabile grazia di farsi morire presto.

 

La devastazione è fuori e dentro già dai primi anni di vita: l’ambiente circostante declina e decade, i farmaci diventano tappe che scandiscono il tempo e le giornate si allungano a compenetrare il sonno e riconfigurare la veglia. Tra gente con «sorrisi aperti come sessi» e un «perfetto sistema idraulico del trauma» in cui Dorotea (non) agisce, una morte, la morte, dovrebbe bastare, e invece, purtroppo, non è così. «Sono nata di parto naturale in una vasca da bagno e sono morta di morte innaturale nello stesso posto», ci dice questa inedita survivor dell’esistenza, questo instancabile “essere umano”, in direzione ostinata e contraria, è proprio il caso di dirlo.

La morte diventa perciò, fosse anche solamente per questo, una (proficua?) occasione di riflessione, per tirare le somme. Del resto, quando si scopre che non esiste «muro, linea divisoria, bordo, fine», è un po’ come scoprire che la Terra non è un cubo o un parallelepipedo. La decomposizione è solo la conseguenza più logica. Dorotea si vede sfiorire, anzi rifiorire di necrosi, si osserva mangiata progressivamente, consumata, più che nuda, esposta, disarticolata, portata a inutile carcassa.

 

Cuore cavo è un romanzo che mette sul tavolo tanto, senza metterci nulla, e per questo è straordinario. Vive, o se volete “sottovive”, come dice la protagonista di se stessa, grazie a improvvisi strappi, squarci di luce corrotta. Le frasi e i periodi, altalenanti in modulazione di intensità, si accatastano, come i dettagli, le azioni postume sono presenti e vive, e quelle eseguite in vita fanno parte della morte, ormai.

In questa commedia nera, o tragedia luminosissima, ci si muove nel dominio di un’estetica, e anche di un’etica, che assorbono tanto da Buried quanto da Paranormal Activity, così da Houellebecq come da Murakami. Si potrebbe pensare di essere in uno stencil di Banksy, o in un quadro di Ryan Heshka. Viola Di Grado ha la capacità istintiva, quasi animale, e poco comune tra i giovani autori italiani, dobbiamo dirlo in tutta sincerità, di creare contro-mondi, di far esperire incontri e scontri, avvicinamenti e iati, con tenerezza e ferocia allo stesso tempo.

 

All’interno di Cuore cavo ci sono, dunque, la contaminazione pop ripulita dal ridicolo, i sentimenti nettati dal patetismo che sembra farla da padrone altrove, il gusto di raccontare una storia, di inquietare e spaventare, commuovere e invitare al pensiero critico. In buona sostanza, anche se non succedesse nulla per tutto il romanzo, Dorotea Giglio meriterebbe le nostre lacrime e i nostri sorrisi, e ugualmente saremmo condotti a pensare a quanto di inneffabile c’è nel dire e scrivere del non poter dire e leggere. Per questo motivo, se Dorotea è confinata nella sua “vita nova” che è la “nostra” morte, chi vive ancora della vita vecchia, è prigioniero del fatto, apparentemente inoppugnabile, di essere?

 

Cuore cavo è un romanzo della miglior specie. Un romanzo vero, si potrebbe tranquillamente dire, riandando all’etimologia. Se non un capolavoro, qualcosa che ci va molto vicino.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.