Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Cultura a Verona 4 #Palazzo Bevilacqua

Palazzo Bevilacqua, VeronaPalazzo Bevilacqua fu costruito nel XVI secolo, su progetto dell'architetto Michele Sanmicheli. Oggi sede di un istituto commerciale, il palazzo ospitò per anni la collezione antiquaria di Mario Bevilacqua. Nel 1803, Ernesto Bevilacqua offrì, per trentamila lire venete, parte dei beni al Comune di Verona, ma il consiglio comunale non aderì alla proposta d'acquisto: così, le sculture vennero comprate da alcuni privati e vendute, nel 1811, a Ludwig I di Baviera (infatti, questi tesori sono conservati nella gliptoteca di Monaco). Un pezzo illustre della raccolta era l'Efebo orante in bronzo, originario da Rodi, acquistato da Mario a Venezia e oggi esposto a Berlino.

Del palazzo parlò nella sua celebre opera Giorgio Vasari, e la collezione in esso custodita fu menzionata da Scipione Maffei, nel suo Verona illustrata, e da Goethe, durante il suo viaggio in Italia, nel 1788. Non è tutto: Mario Bevilacqua possedeva anche una fornita biblioteca e una collezione di dipinti. Circa cinquanta codici sono attualmente conservati nella Capitolare di Verona e tra di essi figurano tre codici miniati di Tito Livio; dei dipinti ricordiamo il Paradiso di Tintoretto e il ritratto di Donna con bambino di Paolo Veronese, oggi entrambi al Louvre.

Per quanto riguarda la struttura dell'edificio, palazzo Bevilacqua è una delle costruzioni più  eleganti di Verona, sita in corso Cavour, la lunga via ricca di palazzi in stile rinascimentale, che dalla Porta Borsari giunge sino all'Arco dei Gavi. In centro città sono presenti più palazzi Bevilacqua, anche se quello in corso Cavour è di certo il più importante: da menzionare è anche quello posizionato in corso Sant'Anastasia, dove visse, nel 1335, Pietro Alighieri, figlio del celebre Dante, che nella città scaligera svolgeva la professione di giudice, così come, successivamente, a Vicenza, per poi morire ed essere sepolto a Treviso.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.