Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Cultura a #Torino 8 – Casa del Quartiere di San Salvario

Casa del quartiereSono i quartieri che fanno le città e Torino non fa certo eccezione, con i suoi spicchi di vie a pianta romana: dalla pomposa Crocetta dell'Anna Carla di Fruttero & Lucentini al densamente popolato Santa Rita, passando per il "gentrificato" Quadrilatero.

Ma oggi è il multietnico San Salvario a rubare la scena. 

Stretto fra la stazione centrale di Porta Nuova e il Po, San Salvario (di cui Amara Lakhous fa un ritratto esaustivo nel suo ultimo romanzo) è diventato il cuore della movida torinese. Con un centinaio di nazionalità presenti, il bisogno di fare rete e valorizzare i benefici di questo melting pot è forte, anche se forse il problema di convivenza, più che fra le diverse etnie, esiste fra i residenti (30% sono stranieri) e il rumoroso popolo della notte...

Nel cuore liberty di San Salvario, in via Morgari, 14, dove un tempo sorgevano i bagni pubblici citati anche da Natalia Ginzburg in Lessico famigliare, ha sede, dal 2012, la Casadel Quartiere, uno spazio per attività sociali e culturali destinate a cittadini e associazioni del territorio.

Nei suoi 600 mq la Casa del Quartiere, finanziata dalla città di Torino e da alcuni sponsor privati, ospita: una caffetteria, una ciclofficina, un ufficio co-working, una banca del tempo, un orto urbano, una ludoteca autogestita da genitori, una sala riunioni, sportelli informativi (consulenze legali, co-housing, rifugiati, ecc.) e spazi di ascolto (gravidanza, neomamme, adolescenti).

Inoltre, si possono frequentare svariati corsi di danza, discipline orientali, lingue, informatica, giardinaggio, fotografia e scacchi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

I locali del centro polifunzionale sono a disposizione di chiunque li prenoti per i suoi scopi: dalle prove del coro alle feste di compleanno, ma anche conferenze pubbliche o attività all'aperto, nel bel cortile interno.

Basta conoscere le parole d'ordine: decrescita felice, gruppi di acquisto solidali, bookcrossing, risparmio energetico e, soprattutto, integrazione.

Un’occasione per vivere questo quartiere anche di giorno.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.