Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Cultura a #Torino 10 – Centro Studi Piero Gobetti

Centro Studi Gobetti, TorinoIn quel reticolo di vie torinesi noto come il Quadrilatero, dove si mossero De Amicis, Rousseau, Torquato Tasso e Pellico, si fece anche la storia del pensiero politico italiano.

Al civico 6 di via Fabro hanno abitato Ada e Piero Gobetti: dal 1961, nella casa che Gobetti lasciò nel 1926 per morire, pochi giorni dopo, in Francia, ha sede il Centro Studi Piero Gobetti.

L'istituto culturale mette a disposizione per la consultazione una biblioteca specializzata sulla storia e la politica del Novecento (il catalogo è consultabile online), un'emeroteca, una fototeca e una nastroteca. Nel suo archivio, composto anche da alcuni fondi dei movimenti politici e sociali del ventesimo secolo, si trovano numerosi documenti relativi all'antifascismo e al movimento operaio.

In via Fabro sono conservate anche le "tracce" del Gobetti editore, seppur molte delle opere della Piero Gobetti Edizioni, la prima a pubblicare Ossi di seppia, nel 1925, non si salvarono dalla distruzione fascista. In Mandami tanta vita, Paolo di Paolo ricostruisce (romanzandola) la fuga di Gobetti a Parigi con il desiderio di fare l'editore lontano da Mussolini. Lì morirà a soli venticinque anni per le complicanze dovute alle violenze squadriste subite.

Al Centro Studi Gobetti fu donata gran parte della biblioteca del suo primo presidente, Norberto Bobbio: circa 30mila opere. A questa miniera di cultura filosofica, giuridica e politica si aggiungono altri 20mila titoli, tra cui le riviste culturali di Gobetti e la sua corrispondenza. Sono custoditi anche i documenti di sua moglie, Ada Prospero, figura di spicco dell'antifascismo intellettuale e tra i fondatori del Partito d'Azione.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Oltre a ospitare conferenze e seminari, il Centro promuovere la ricerca nell'ambito del pensiero gobettiano e bobbiano.

La biblioteca e l’archivio sono aperti al pubblico tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19 per consultazione e dalle ore 9 alle 19 per studio. Agli archivi si accede su appuntamento.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.