Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Cultura a #Milano 7 – La Fabbrica del Vapore

Fabbrica del vapore, MilanoIl viaggio tra i luoghi della cultura a Milano prosegue, facendo tappa a La Fabbrica del Vapore, che deve il suo curioso nome all'uso cui erano originariamente destinati gli edifici dove oggi ha sede questo centro culturale giovanile.

Dal 1899 al 1935, infatti, l'area si copre di capannoni per la riparazione di mezzi su rotaie (soprattutto tram) e successivamente alla loro produzione. Buona parte degli edifici è stata rasa al suolo, facendo spazio a un largo spiazzo per le manovre dei mezzi su binari che tuttora viene utilizzata, mentre quelli restanti hanno ospitato diverse aziende e sono stati adibiti ai più svariati utilizzi.

È il 2000 quando il comune di Milano decide di creare La Fabbrica del Vapore, indicendo una serie di bandi per popolare questi spazi vuoti di giovani e cultura.

Da allora le proposte sono state innumerevoli: con workshop, mostre, perfomance artistiche, festival e tanto altro, questo spazio risulta essere uno dei più floridi della città nel suo genere.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Tre eventi, dei tantissimi, mi sento di segnalarvi per dare un'idea dell'utilizzo dello spazio: per essere precisi, il primo è una raccolta di manifestazioni nel periodo estivo, che con lo slogan “(R)Estate in Fabbrica” quest'anno ha accolto un incredibile ventaglio di eventi che continueranno fino al 31 luglio; la seconda segnalazione riguarda il ruolo sempre più grande che La Fabbrica svolge duranteil Fuorisalone, evento collaterale del prestigioso “Salone del Mobile” che chiama a sé unincredibile folla di designer, artisti e appassionati del settore; ultimo evento culturale, ma non per importanza, è il festival IT, una rassegna teatrale nata nel 2013 che offre al pubblico alcune fra le più interessanti anteprime teatrali (o piccoli spettacoli) e, alle compagnie meno conosciute, uno spazio dove potersi esibire.  La produzione annuale è ricchissima e aggiornata di continuo.

Ad oggi,un altro luogo di cultura a #Milano come La Fabbrica del Vapore è introvabile. Dovete solo scegliere quale sarà la scusa per andare a visitarla.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.