Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Cronaca di un altro abbandono: “Apostille au Crépuscule” di Michel Onfray

Cronaca di un altro abbandono: “Apostille au Crépuscule” di Michel OnfrayNella prima metà del 2010 la Francia è stata teatro di una (poco) appassionante e (molto) mediatica lotta a colpi di insulti e improperi all’interno del mondo letterario e psicoanalitico, che ha fatto impennare le vendite di “Crépuscule d’une idole. L’affabulation freudienne” uscito quest’anno anche in Italia per Ponte alle Grazie. Questo saggio ad opera di Michel Onfray denunciava la psicoanalisi freudiana come una truffa ai danni di pazienti babbei da parte di un drogato (Freud) che stabilì tutte le sue teorie su uno schema proprio, ossia il trauma o il desiderio sessuale, per la madre, il padre, il fratello o chicchessia.

Un’alzata di scudi da parte degli psicoanalisti, in particolare quelli che beneficiano di una larga piattaforma mediatica, hanno creato, più delle ospitate dell’autore nei vari programmi radiotelevisivi o le recensioni sulla stampa, l’interesse, a mio parere esagerato, verso questo volume. Onfray è stato tacciato di antisemitismo, razzismo, clericalismo, incompetenza, oscurantismo… e chi più ne ha più ne metta.

In molti si sono quindi scomodati per commentare questo Crépuscule, compreso il collega di Onfray, Bernard-Henri Lévy.
Forte di tutto ciò, Onfray ha creduto bene di scrivere una postilla per controbattere alle critiche e agli insulti: “Apostille au Crépuscule”, appunto.

Nelle varie trasmissioni che lo hanno ospitato l’autore ha spiegato che la postilla bastava a sé stessa, che non era necessario leggere il Crepuscolo una volta avuto questa tra le mani (probabilmente il primo aveva già raggiunto il suo picco di vendite), e per capire di cosa si stesse parlando è appunto solo la postilla che mi sono procurata.

Posto che non sono particolarmente un’estimatrice di Freud ma più volta alla psicanalisi (*) junghiana, e quindi almeno in teoria favorevole ai suoi oppositori, mi sono approcciata all’Apostille in modo neutro e senza preconcetti. A questo punto, con il libro in mano, direi che non  entrerò mai nel merito della discussione. Emulando infatti il mio collega Alessandro Puglisi che recentemente ammise di aver abbandonato la lettura di un libro a pagina trentasei, io ho abbandonato la lettura della postilla di Onfray non molto più avanti, giudicandola illeggibile senza essere presa da conati di vomito letterario. Michel Onfray è un filosofo, autore di una cinquantina di libri (secondo la quarta di copertina tradotti in 25 lingue, ma avrei i miei dubbi), ma di certo non è quello che si può definire un bravo scrittore, è anzi il tipico – a mio modesto parere – scrittore che si crede tale non essendolo, solo perché cerca di copiare uno stile datato, peraltro non riuscendovi, pomposo e pesante. Ma il peggio sta forse in altro. Oltre ad una penosa rabbia soggiacente mal nascosta dietro ad un “avrei potuto dire questo e quello in risposta alle critiche ma non l’ho detto perché sono superiore” che dimostra ben altro che superiorità, creano ansia nel lettore i numerosi punti esclamativi, le altrettanto numerose frasi o parole in corsivo a sottolinearne la presunta importanza, e le infinite parentesi dell’autore per spiegare sé stesso. Ha ragione o ha torto Onfray in quello che dice di Freud? Non ne ho idea. Persino in quelle scarse cento pagine che ho letto non mi sono fatta un’idea, troppo distratta che ero dalla penosa scrittura. L’unica cosa che capisco è che non capisco perché si sia fatto tanto rumore (per nulla) intorno a quest’opera minore mal scritta, e perché gli addetti ai lavori della psicoanalisi non abbiano passato sotto silenzio quello che sembra solo la rivalsa di un deluso della terapia.
Persino Bernard-Henry Lévy, che pur gli è amico, ha giudicato il Crépuscule banal, réducteur, puéril, pédant […].  

Per una volta sono d’accordo con BHL.

 

(*) I termini psicoanalisi e psicanalisi vengono usati in genere, in ambito psic(o)analitico, il primo per parlare di quella di Freud, il secondo per quella non freudiana.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Cara angelica Gherardi, che cazzo ne sai tu degli psicanalisti o psicoanalisti come cazzo li vuoi chiamare se ci sei dentro fino al collo.
Ti dico io come sono fatti questi personaggi:
sono degli schizzofrenici, ex malati, anzi ancora malati, stronzi, profittatori, delinquenti, con famiglie alle spalle ( mogli/mariti e figli/e ) che non hanno neanche una minima idea di quanto siano stronzi i loro coniugi/padri/madri che, sotto la falsa faccia che fanno in casa e sotto il niente che manifestano in analisi utilizzano tutte le opportunità che gli si presentano durante le analisi per le proprie misere necessità ( sesso con pazienti mogli, mariti, madri di figli in terapia, favori derivanti dalla conoscenza/"amicizia" del paziente talvolta potente(importante/benestante..... ecc ).
Bisognerebbe che qualcuno controllasse questa categoria silenziosa e subdola di EVASORI ma, purtroppo ormai, chiunque sia stato in analisi non ha la capacità di denunciare queste merde di psicoanalisti, merde che hanno convinto i loro pazienti che la loro vita sia fatta di merda ma che in fondo ( così come facevano i preti una volta - teste di cazzo anche loro ) la vita vale la pena di essere vissuta perchè lo psicoterapeuta ti assolve e comunque ti convince che tu non sei diverso dagli altri perchè tulle le vite sono di merda.( E SPILLANO SOLDI A PALATE E NE DENUNCIANO POCHI E COMPRANO CASE E FANNO STUDIARE I FIGLI ALL'ESTERO E FANNO VIAGGI DI PIACERE CHE molti poveri disperati non possono fare perchè i soldi li danno a questi CANI).
Altro che oscurantismo, non volete contraddittorio tra i piedi e chi vi contraddice è oscurantista. Ma finirà la vostra cuccagna, finirà perchè il vostro giochino prima o poi si rompe e farete la fine dei maghi.
FOTTETEVI !!!!!!!!!!!!!!!!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.