In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Cristiana Morganti in "Jessica and me": danza-teatro o teatro-danza?

Cristiana Morganti, JESSICA and meLe luci si spengono nel teatro studio del Parco della Musica a Roma. È di scena Cristiana Morganti, che prende parte alla nona edizione del festival della nuova danza Equilibrio (a Roma dal 7 febbraio al 2 aprile 2015). E proprio il conto alla rovescia del “chi è di scena” scandisce lo spettacolo Jessica and me che Cristiana ha creato partendo da un’idea di Pina Bausch del 2003 (Cristiana è un membro della storica compagnia Tanztheater Wuppertal da oltre vent’anni), poi sviluppata e personalizzata per potenziare il legame che la storica coreografa riusciva a creare con il suo pubblico.

Se uno dei grandi meriti del teatro-danza di Pina Bausch fu di presentare i suoi danzatori come “persone che danzano”, dotate sì di tecnica, ma soprattutto in grado di riempire ogni loro gesto di un significato che potesse essere compreso e assorbito dal pubblico che avevano di fronte, Cristiana Morganti amplia ulteriormente il campo di azione del danzatore, che si “permette” di condividere con il pubblico il suo vissuto e ciò che accadeva dietro le quinte della più innovativa compagnia di danza del XX secolo.

In Jessica and me Cristiana usa soprattutto l’ironia, a partire dall’autoironia, chiacchierando con il pubblico come se fossero seduti davanti a una tazza di caffè, quello lungo che si beve in Germania, a un primo assaggio diverso da quello cui siamo abituati, ma in grado di scaldarci per un tempo molto più lungo del solito espresso. E Cristiana il suo pubblico lo scalda senza sforzo apparente, riuscendo ad alternare parole e movimento, come se fossero i due piatti della bilancia del ricordo che ha voluto condividere. Dai suoi prima passi nel mondo della danza a cinque anni, ai reggiseni “schiaccia seno” necessari a contenere un fisico poco adatto al balletto classico, fino all’incontro con Pina Bausch e alla sua compagnia di danzatori meravigliosamente imperfetti.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Cristiana MorgantiSi potrebbe pensare che in questo spettacolo c’è troppa parola e poca danza, così come siamo abituati a immaginarla. Eppure, mentre racconta, Cristiana non si lascia sfuggire l’occasione di dare un assaggio della sua abilità nel trasformare piccoli, insignificanti gesti in una sequenza di emozioni visuali velocissime e pulsanti che catturano gli occhi del pubblico.

Fra “Cristiane” giganti che si muovono dietro quella “vera” a velocità asincrona, vestiti che diventano schermi cinematografici in fiamme e scarpe giganti che servono a ricordarci che non sta a noi scegliere il percorso che ci aspetta e gli strumenti che avremo a disposizione, questo spettacolo ha il pregio di essere fruibile da un pubblico a digiuno di danza così come da un appassionato, ricordando a tutti che il ballo non è una forma d’arte d’élite, ma un mezzo espressivo molto potente, in cui l’immedesimazione del pubblico con le “persone che danzano” non è soltanto possibile, ma necessaria. E se per questo bisogna contaminare il ballo con il teatro, la parola e la risata, ben venga. Come ha ricordato Cristiana Morganti in un’intervista alla Biennale di Venezia del 2012: «per Pina non esisteva il teatro-danza, ma la danza-teatro», il teatro era quindi un mezzo per far avvicinare il pubblico alla danza, che restava l’unico vero fulcro dell’attività del Tanztheater Wuppertal.

Mentre gli ultimi applausi si consumano e Cristiana Morganti scompare dal palcoscenico, molti fra il pubblico aprono il programma del festival, vogliosi di provare ancora l’emozione di essere parte di uno spettacolo di danza-teatro. E questo a Pina sarebbe piaciuto.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.