pubblicità e advertising

servizi web

Perché i nostri lettori sono da 110 e lode

valutazione inediti

"Crash" di Jerry Spinelli

Jerry SpinelliL’anno scorso, a settembre, sono andato con una collega a un incontro di formazione sulla promoziono alla lettura e sui libri per ragazzi in una scuola dell’Infanzia di Bassano del Grappa (VI). Seduti sulle nostre seggioline colorate, location scomoda ma di una certa suggestione, abbiamo ascoltato alcuni interventi, più o meno interessanti; tra gli altri ha parlato la professoressa Lombello, dell’Università di Padova, che si è presentata, letteralmente, con una valigia di libri al seguito. Prima di iniziare a parlare, la valigia si è aperta e il suo contenuto è stato disposto su un grande tavolo, in modo da permettere alla relatrice di farci vedere quanto stava esponendo.

Chiare le idee della prof.ssa Lombello sulla qualità dei libri per i ragazzi: non è ammissibile citare schifezze o parolacce in testi destinati a un pubblico così giovane; io annuivo, pienamente d’accordo. Troppo facile fare breccia sui ragazzi attraverso un abbassamento dei contenuti e del linguaggio; troppo facile rinunciare, quasi per presa di posizione, al tentativo di combattere la volgarità dilagante. Tra gli altri, è stato citato Jerry Spinelli, che le era capitato tra le mani poco tempo prima: l’apoteosi dell’orrido. Puzzette, schifezze di vario tipo, litigi, trattamento irrispettoso degli adulti, adulti con atteggiamenti del tutto immaturi e comportamenti indecorosi: no, mi sono detto, non si può far leggere a dei ragazzini testi così poco educativi.

Finché.

Come sempre capita, in altra occasione sono stato risucchiato dentro una libreria attratto dal cartellone degli sconti; e cosa trovo, tra i libri con il -30%? Proprio il Jerry Spinelli tanto deprecato dalla prof.ssa Lombello. Non potevo non comprarlo.

La sera, prima di dormire, ho iniziato a leggerlo: il giorno dopo l’avevo già finito. Una folgorazione. Gli aspetti che erano stati criticati erano presenti in modo talmente lieve da rendermi anche difficile capire il motivo di tanto odio; ho ritrovato, invece, una straordinaria verve inventiva, con personaggi, appartenenti alla sfera emotiva dei ragazzi, appena un filo sopra la realtà. Proprio questa tecnica, quasi un accenno di caricatura, permette all’autore di descrivere situazioni e caratteri apparentemente paradossali e quindi fantastici, ma in realtà molto vicini al mondo dei bambini.

Crash”, ad esempio, racconta la storia (quasi un diario) di John, da tutti chiamato Crash per la sua innata tendenza a prendere tutto a spallate: è infatti un giocatore di football americano, un vero duro, che uno psicologo qualsiasi non esiterebbe a definire un bullo border-line. Crash è il migliore, ma il suo destino si dovrà incrociare con quello dello “sfigatissimo” Penn, portatore di valori alternativi a quelli della civiltà dominante; valori non d’effetto, apparentemente non vincenti, ma positivi, che saranno in grado di soccorrere Crash e la sua famiglia in prove importanti.

Anche in “A rapporto dal preside” ritroviamo la stessa girandola, ma questa volta più vorticosa, di personaggi esagerati e surreali, come Sunny, che per protesta con la dirigenza scolastica ha deciso di non lavarsi e non cambiarsi più i vestiti finché non sarà ascoltata. Buffo, comico: forse; ma qualcosa di più. Quando Sunny, assieme ad altri, avrà davvero la possibilità di dire la sua, di fare qualcosa per la comunità scolastica, non sarà fin da subito in grado di accettare la sfida, abbandonando gli ovvi personalismi di una ragazzina delle medie per gettarsi in un mondo più adulto. Assieme a lei, molti altri ragazzi dovranno imparare a trovare il loro posto nel mondo, facendo fruttare i loro talenti.

Infine, anche in “Guerre in famiglia” i protagonisti, fratello e sorella, dovranno imparare a convivere ed affrontare, sempre con il sorriso e la risata, grandi esperienze.

Si tratta solo di un assaggio di quello che questo grande autore per ragazzi ha avuto e ha da dire ai piccoli lettori; l’importate è permettergli di parlare e non zittirlo per via di quella caccola o di altre amene schifezze.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (15 voti)

Commenti

Ho comprato Crash più di 10 anni fa su una piccola bancarella di un piccolo paesino vicino Trapani... io avevo 12 anni. L'ho riletto una decina di volte senza sosta. Lo finivo e lo ricominciavo... stupendo nella sua perfetta semplicità.
Fate sapere alla professoressa Lombello di aver giudicato con troppa semplicità... oppure di aver, più semplicemente, sbagliato mestiere...

La Lombello è un'autorità ma questo libro per me é fantastico per ragazzi e adulti ti prende dalle prime righe è esternamente divertente e scritto in maniera scorrevole e favorisce l'immedesimazione. Imperdibile. Provate e commentate. Ciao e grazie

Io l'ho letto a scuola ed e' molto educativo e bello bravo

Io lo verrei comprare in verita lo gia ordinato ma secondo voi e un libro da consigliare?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.