In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Cosa c'entra Kafka con Stalin? Ce lo spiega Márquez

Cosa c'entra Kafka con Stalin? Ce lo spiega MárquezUn episodio poco noto della vita di Gabriel García Márquez riguarda il suo viaggio in Russia nel 1957 per partecipare, insieme a centinaia di personaggi provenienti dal mondo occidentale, al VI Festival universale della gioventù e degli studenti.

Il futuro Premio Nobel per la Letteratura, già affermato scrittore e giornalista, raccolse le sue impressioni in un articolo intitolato:

L’URSS: 22.400.000 chilometri quadrati e non una sola pubblicità della Coca Cola

 

Nell’articolo, Márquez, oltre a mettere insieme Kafka e Stalin come vedremo, riportava una serie di commenti e osservazioni sull’Unione Sovietica che sintetizziamo qui di seguito:

1. «Sembra di viaggiare verso un orizzonte irraggiungibile in un mondo molto particolare, dove tutto eccede le proporzioni umane, e tu sei costretto a cambiare del tutto la tua percezione della normalità per cercare di capire questo Paese».

2. «I sovietici, purtroppo, non bevono il caffè e chiudono il pranzo con una tazza di tè. Ne bevono a qualsiasi ora del giorno. I migliori hotel di Mosca servono tè cinese di una tale poetica qualità, di un tale sottile aroma, che vorresti versartelo sulla testa».

3. «L’alfabeto russo è tale che sembrava quasi che le lettere stessero cadendo a pezzi, e questo ha generato un’impressione di decadenza».

 

LEGGI ANCHE – “Cercasi scrittore” di Gabriel García Márquez

 

4. «Mosca è il più grande villaggio al mondo. Non corrisponde alle proporzioni umane a cui siamo abituati. Non avendo spazi verdi, ti esaurisce, ti opprime. Gli edifici di Mosca sono le stesse piccole abitazioni dell’Ucraina ma moltiplicate per dimensioni titaniche. È come se qualcuno avesse lasciato ai muratori tutto lo spazio, il denaro e il tempo di cui avevano bisogno per dare sfogo alla loro passione per le decorazioni che finì per travolgerli».

Cosa c'entra Kafka con Stalin? Ce lo spiega Márquez

5. «Ho un certo interesse professionale per le persone e penso che ovunque s’incontrerebbero persone più interessanti di quelle che ho incontrato in Unione Sovietica».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

6. «Questa è gente che vuole disperatamente avere amici».

7.  «La vecchia battuta americana secondo cui i sovietici credono di aver inventato molte semplici cose, dalla forchetta al telefono, è veramente incomprensibile. Mentre la civiltà occidentale del XX secolo è diretta verso un impressionante progresso tecnologico, i sovietici che vivono dietro la Cortina di Ferro hanno cercato di risolvere molti problemi di base. Se a un turista straniero a Mosca capita di imbattersi in un baldo giovanotto convinto di aver inventato il refrigeratore, non dovrebbe pensare che è pazzo. Potrebbe anche darsi che egli abbia inventato il refrigeratore molti anni dopo che era diventato di uso comune in Occidente».

Cosa c'entra Kafka con Stalin? Ce lo spiega Márquez

8.  «I sovietici tendono a comunicare i loro sentimenti in modo veramente esaltato. Esprimono la loro felicità in un modo così fiero come se stessero ballando una danza cosacca. Sono pronti a dare via la loro ultima camicia. E quando si separano dagli amici piangono lacrime reali. Ma diventano molto cauti e reticenti se la conversazione cade sulla politica».

 

LEGGI ANCHE – È morto Gabriel Garcìa Màrquez, alcune immagini che ricorderemo per sempre

 

9. «Mentre le donne sono impegnate ai lavori stradali, in 40 anni l’industria pesante dell’Unione Sovietica ha trasformato il Paese in una delle due superpotenze. Comunque, la produzione dei beni di consumo è rimasta indietro. Quelli che hanno visto le vetrine vuote dei negozi di Mosca troveranno difficile credere che i sovietici abbiano le armi nucleari. Ma sono le stesse vetrine a confermare la veridicità di questo fatto: le armi nucleari sovietiche, i razzi spaziali, l’agricoltura meccanica, gli impianti elettrici e gli sforzi titanici per trasformare il deserto in terreno agricolo sono un risultato del fatto che negli ultimi 40 anni i Sovietici hanno indossato scarpe brutte e abiti poveri e per quasi un secolo hanno sopportato gravi disagi».

Cosa c'entra Kafka con Stalin? Ce lo spiega Márquez

10. «Nell’Unione Sovietica non troverai i libri di Franz Kafka. Dicono che sia l’apostolo della funesta metafisica. Comunque, penso che avrebbe potuto essere il migliore biografo di Stalin».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.