Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Come vivevano i felici” di Massimiliano Governi

Massimiliano Governi, Come vivevano i feliciUn uomo è in un deposito in cui ci sono diverse auto di lusso sequestrate che stanno per essere messe all’asta e vede una Ferrari color blu puffo: di colpo si trova proiettato a quando aveva dieci anni ed era con il padre in una concessionaria, dove il ricco genitore gli aveva riempito le tasche di banconote da centomila lire chiedendogli di scegliere l’auto che preferisse e la sua scelta era caduta su quella Ferrari color blu puffo. È una delle scene più intense e toccanti del bel romanzo di Massimiliano Governi Come vivevano i felici (Giunti, 2013), riscrittura d’ambientazione italiana della vicenda di Bernard Madoff, vista con gli occhi del figlio Mark, che a un anno dall’arresto del padre si impicca con il guinzaglio del cane, dopo che lui e il fratello, psicolabile finito in una clinica psichiatrica, hanno denunciato il padre, condannato a 150 anni per la truffa, e che la moglie ha cambiato il cognome ai figli stanca delle continue minacce.

La storia di una truffa finanziaria, il celebre “schema Ponzi” secondo cui con i soldi degli investitori si pagano ingenti interessi in una catena di sant’Antonio destinata a saltare, e dei meccanismi di una società d’investimenti ai tempi della globalizzazione, la Rambo investimenti, ma anche e soprattutto la storia di una famiglia e dei complessi meccanismi che coinvolgono padre, moglie e figli. Padri e figli, soprattutto: il romanzo si apre con il suicidio del protagonista davanti al figlio e si chiude con il padre che apprende della sua morte, dopo aver ritratto diverse scene del loro rapporto. Uno dei figli scrive su un quadernetto scolastico un tema sui fenici titolandolo “Come vivevano i felici”, un errore, una piccola sbavatura, che nasconde tutto il senso di una vita, di una famiglia apparentemente felice, molto felice, in cui però l’infelicità, la precarietà dagli esiti drammatici, si annida implacabile e scava dal di dentro come un tarlo fino al crollo finale.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

 Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Massimiliano GoverniUn efficace montaggio alternato di brevi istantanee che coprono un arco temporale che va dal 1983 al 2012, dallo stile asciutto, essenziale, che racconta la tragedia finale cercandone a ritroso le avvisaglie dietro la vita dorata fatta di limousine e champagne, American Express platino e ville al mare dove un fratello portava le ragazze spiato dall’altro attraverso telecamere, in un’atmosfera da American Psycho, scavando nei giorni felici che felici non erano. Governi padroneggia con maestria, senza moralismi né patetismi, ma con chirurgica precisione, un materiale che ci racconta dell’Occidente dei nostri giorni, come poche volte gli scrittori italiani si azzardano a fare, ripiegati su soliloqui intimisti dal discutibile lirismo, narrando una storia privata che si fa emblema universale dell’avidità, del desiderio, della sfrenata ricerca del lusso, dell’accumulazione della ricchezza senza lavoro, produzione di denaro a mezzo di denaro, una truffa, non troppo lontana dall’economia finanziarizzata del nostro tempo, cresciuta in quella bolla destinata ad esplodere con la grande crisi in cui siamo ancora immersi, la finzione in cui un uomo ha fatto vivere i suoi figli fino a dovergli confessare che «ogni uomo ha un segreto, lo alimenta dentro di sé come fosse una bestia feroce che lo sta divorando, un cancro». Soldi, transazioni, cifre, dietro cui si nascondono vite, famiglie, bambini cresciuti appagati sul versante materiale ma affettivamente deprivati, la fragilità dell’esistenza umana che nessuna Ferrari blu potrà mai colmare.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.