In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come vincere la paura di volare – I consigli giusti

Come vincere la paura di volare – I consigli giustiVolete vincere la paura di volare? Non preoccupatevi, oggi vi forniremo i consigli giusti per superare l'ansia da volo. Non proprio noi, in realtà, bensì Alberto Pellai e Giuseppe Lapenta in 100 cose da sapere per volare sereni. Come affrontare il volo senza paura, libro edito da De Agostini, il quale, oltre a fornire alcuni utili consigli, è arricchito da una serie di testimonianze, test e strumenti di rilassamento per staccare i piedi da terra in tutta tranquillità (e, poi, volare è ancora il modo più sicuro per viaggiare, lo assicurano i due autori al punto 14 del loro vademecum).

 

  • Per prima cosa, la paura di volare è un'emozione, che va tenuta sotto controllo. È necessario determinare se si tratta di semplice ansia, di paura o di una vera e propria fobia che, spesso, sfocia in attacchi di panico. Le strade da seguire sono diverse, a seconda della gravità del disturbo (ovviamente, per le fobie è consigliato anche un aiuto psicologico), ma tutte hanno in comune una necessità, quella di distrarsi. «Voi siete i primi nemici di voi stessi» suggeriscono gli autori: per evitare di intrappolarvi in un circolo vizioso di pensieri negativi, spazio a tutto ciò che può svagarvi, dai giochi enigmistici, alle riviste, ai quotidiani o anche a un buon libro. È possibile prepararsi al volo in anticipo, tramite degli esercizi di visualizzazione, che «abituano la mente a vedere la realtà dei fatti e al tempo stesso la desensibilizzerete da attivazioni emotive che la tengono in scacco».

Come vincere la paura di volare – I consigli giusti

***

  • Che fare se l'ansia aumenta? Ripetete a voi stessi come un mantra queste due frasi: «Volare è il sistema più sicuro per spostarsi» e «L’aereo è il mezzo di trasporto più sicuro»: Pellai e Lapenta assicurano che ripetere queste parole non farà altro che placare un po' la vostra emotività.

 

LEGGI ANCHE – Come vincere la timidezza con i libri giusti

***

  • Perché avete paura di volare? C'è chi soffre di claustrofobia, chi ha paura di perdere il controllo (se siete per aria è chiaro che non potete scendere quando volete), chi pensa che sicuramente qualcosa andrà storto. Ma, al di là delle singole paure, avete mai considerato gli aspetti positivi del volo? Probabilmente no, ma, al posto vostro, ci hanno pensato alcuni grandi scrittori. Nel libro vengono selezionati dieci titoli che vi faranno scoprire il lato affascinante del volo: da Volo di notte di Antoine de Saint-Exupéry a Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepúlveda. Vedrete che poi considererete tutto da una prospettiva diversa!

Come vincere la paura di volare – I consigli giusti

  • Per combattere il nemico è necessario conoscerlo a fondo. Ecco, allora, che Pellai e Lapenta vi raccontano nello specifico tutte le componenti dell'aereo. Ma non solo: illustrano le fasi di addestramento dell'equipaggio, i controlli periodici a cui è sottoposto, i vari check-up medici annuali per accertare la sua idoneità fisica e mentale. Insomma, anche queste informazioni possono risultare utili per tranquillizzarci.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

 

  • Siamo pronti a partire: sentite fastidio o perfino dolore alle orecchie man mano che l’aereo sale? Tranquilli, nel libro vengono forniti dei suggerimenti utili per combattere questo inconveniente. Viene anche detto cosa non fare e a chi chiedere aiuto in caso il dolore diventasse davvero insostenibile.

Come vincere la paura di volare – I consigli giusti

  • L'aereo è decollato! In questa fase (e in quella di atterraggio) è meglio evitare di leggere o tenere la testa abbassata o inclinata, per non avvertire una sensazione di disorientamento. Naturalmente le cinture devono essere allacciate: nel corso del viaggio sarà possibile slacciarle. Infine, rilassatevi, «cancellate la tensione e inducete di nuovo uno stato di rilassamento muscolare tenendo gli occhi chiusi, respirando a fondo e visualizzando le zone del corpo contratte, affinché progressivamente tornino normali, sfruttando la forza che deriva dalla vostra capacità di autocontrollo e dalla respirazione lenta e regolare».

***

  • Problemi a bordo, come le turbolenze: tranquilli, possono risultare molto fastidiose, ma non sono pericolose, perché gli aerei sono stati costruiti per resistervi. Limitatevi a restare seduti con le cinture allacciate e non vi succederà nulla.Potete anche scegliere di rilassarvi con degli esercizi di controllo del respiro o ascoltando della musica.

 

LEGGI ANCHE – “Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno” di Ella Berthoud e Susan Elderkin

 

  • E se a bordo vi sentite male? Consultate immediatamente il personale di bordo. L'assistente di cabina cercherà di creare un dialogo col passeggero, in modo da capire la gravità del disturbo. Tutti gli assistenti sono addestrati e hanno nozioni di pronto soccorso: sull'aereo c'è un kit di medicinali, per un primo intervento; il passo successivo sarà quello di verificare se tra i viaggiatori c'è un medico che possa fare una diagnosi più precisa. Comunque, se si verificasse un caso di “emergenza medica” è previsto anche un cambio di rotta e l'atterraggio presso l'aeroporto più vicino.

Come vincere la paura di volare – I consigli giusti

  • Ulteriori consigli generici: il giorno del viaggio, optate per un abbigliamento comodo e, se il vostro volo è previsto per il pomeriggio o in serata, scaricate la tensione con un po' di esercizio fisico all'aria aperta. Nei giorni precedenti al viaggio, evitate di verificare ogni cinque minuti le previsioni meteorologiche, un'ossessione destinata a generare ancora più nervosismo (tanto il tempo non può essere controllato!).

***

Siete già più tranquilli? Come tutte le paure è possibile far qualcosa e, soprattutto, è necessario essere consapevoli che non si è soli: l'ansia legata al volo è molto diffusa e praticamente tutti abbiamo delle fobie che ci perseguitano. Alberto Pellai e Giuseppe Lapenta sono bravissimi nel fornire i consigli giusti per vincere la paura di volare: dopo aver letto il loro libro, prendere un aereo sarà una passeggiata!

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.