Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Come usare la punteggiatura secondo Cormac McCarthy

Come usare la punteggiatura secondo Cormac McCarthySaper usare bene la punteggiatura è il cruccio di chiunque si occupi di scrittura a qualsiasi livello, dal blogger allo scrittore professionista passando per il giornalista. Ma in realtà saper usare bene la punteggiatura può essere importante anche per scrivere un post su un qualsiasi social network.

Oggi vi mostriamo alcune regole molte particolari sull’uso della punteggiatura che segue Cormac McCarthy, l’autore di Il guardiano del frutteto, Non è un paese per vecchi e La strada, ha dichiarato di seguire.

Cormac McCarthy è stato, come lo definì uno dei suoi primi recensori nel 1965, Orville Prescott, sul «New York Times», uno dei discepoli di William Faulkner. In particolare, McCarthy farebbe nella sua prosa, secondo Prescott, un suo ammirevole dei tratti tipici di Faulkner, incluso lo stile della punteggiatura.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In un’intervista televisiva del 2008, rilasciata a Oprah Winfrey, McCarthy cita altri due autori di riferimento per lui: James Joyce e MacKinlay Kantor, vincitore del Premio Pulitzer nel 1955 con Adersonville. Ovviamente ad assumere un rilievo particolare è l’influenza di Joyce e, parlando della punteggiatura, McCarthy evidenzia come il suo approccio minimalista sia funzionale a ottenere un altissimo livello di chiarezza. A proposito di Joyce, dice:

«Joyce è un buon modello per la punteggiatura. La mantiene a un livello minimo. Non c’è alcun motivo di bloccare la pagina con piccoli strani segni. Intendo dire che se scrivi bene non dovresti usare la punteggiatura».

 

Ma quali “piccoli strani segni” invece McCarrhty ritiene si possano usare e quali no, e soprattutto perché? Qui di seguito una breve sintesi delle sue regole su come usare la punteggiatura:

 

LEGGI ANCHE – Il lume dell'aspirante scrittore - Punteggiatura (parte prima)

 

1. Virgolette

McCarthy non le usa. Nella sua intervista a Oprah, dichiara che il primo scrittore che ha letto che non fa uso delle virgolette è MacKinlay Kantor. McCarthy sottolinea che questo modo di scrivere i dialoghi richiede una particolare attenzione. Parlando degli scrittori che lo hanno imitato, dice: «Bisogna essere davvero consapevoli del fatto che non ci sono le virgolette e scrivere in modo da accompagnare i lettori verso chi sta parlando». Altrimenti regna la confusione.

Come usare la punteggiatura secondo Cormac McCarthy

2. Due punti e punto e virgola

Oprah, da attenta lettrice di McCarthy, gli fa presente di aver visto i due punti una volta nella prosa di McCarthy, ma di non essersi mai imbattuta in un punto e virgola. McCarthy conferma: «Non uso punti e virgola».

Dei due punti dice: «Puoi usare i due punti, se stai scrivendo una lista di cose che segue qualcosa che hai scritto prima e funge da introduzione. Ad esempio, dopo un’espressione come “queste sono le ragioni”». È una situazione specifica che non si presenta spesso. I due punti, si potrebbe dire, si piegano a un preciso sviluppo logico, l’enumerazione. McCarthy ritiene che anche la maggior parte delle altre forme di punteggiatura sia spesso usata senza che ve ne sia effettivamente necessità.

 

LEGGI ANCHE – Il lume dell'aspirante scrittore – Punteggiatura (parte seconda)

***

3. Altri segni di punteggiatura

Oltre alle restrizioni circa l’uso dei due punti, McCarthy dichiara le sue convinzioni stilistiche con semplicità: «Credo nelle lettere maiuscole, nelle virgole occasionali, e questo è tutto». È una “disciplina” appresa durante un corso di inglese al college, dove gli fu assegnato il compito di semplificare saggi del XVIII secolo per un manuale che il professore stava preparando. L’inglese moderno è notoriamente pieno zeppo di una punteggiatura che crea confusione e che non è diventata standardizzata almeno fino a epoche relativamente più recenti, afferma McCarthy.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

***

Innamorato dello stile degli scrittori neoclassici inglesi ma stanco del loro abuso del punto e virgola, ricorda di aver snellito un saggio “di Swift o qualcosa del genere” e che il suo professore gli disse: «molto bene, è esattamente quello che serve». Incoraggiato, ha continuato a semplificare, lavorando, dice a Oprah, «per renderlo ancora più semplice, perché non fosse troppo complicato» decifrare la sua prosa.

Per tutti quelli che trovano McCarthy maledettamente opaco, questa dichiarazione di intenti potrebbe non essere di grande aiuto. Ma di certo gli amanti dei suoi libri potrebbero trovare un ulteriore motivo per continuare ad apprezzare la sua sintassi snella.

E voi sapete come usare la punteggiatura? Avete delle vostre regole di stile che seguite in genere?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.