Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utiliSviluppare il pensiero critico, o forse sarebbe meglio dire la capacità di pensiero critico, appare senz’altro indispensabile in un mondo in cui bisogna sempre più barcamenarsi tra realtà e finzione, discernendo con difficoltà crescente la verità dalla menzogna o, per dirla con un’espressione più moderna, dalla post-verità.

Robert H. Ennis, uno dei più importanti studiosi nel campo, definisce il pensiero critico come «un pensiero razionale e riflessivo focalizzato a decidere cosa pensare o fare». Già da questa breve frase può risultare chiaro come sia importante poter contare su una buona capacità di pensare criticamente. Ma esiste un modo per poterla rafforzare?

Secondo Daniel Dennett, docente di Filosofia e direttore del Centro per gli Studi Cognitivi della Tufts University, non solo la capacità di pensiero critico può essere sviluppata, ma addirittura esistono degli strumenti per poterlo fare in modo rigoroso.

In un’intervista al «Guardian» Dennett, già autore di opere come L’io della mente (Adelphi), La mente, le menti (BUR) e Strumenti per pensare (Raffaello Cortina), ha elencato ben sette strumenti utili per sviluppare il pensiero creativo. Eccoli:

 

1. Usa i tuoi errori

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

In prima istanza Dennett raccomanda una rigorosa onestà intellettuale, l’auto-valutazione, e il procedere per tentativi ed errori: «Quando fai un errore, dovresti imparare a fare un respiro profondo, stringere i denti e quindi esaminare i tuoi ricordi dell’errore nella maniera più spietata e fredda possibile». Questo strumento è parente stretto del metodo scientifico, nel quale ogni errore offre l’opportunità di imparare e non di deprimersi e brontolare.

***

2. Rispetta il tuo avversario

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Questo secondo punto è uno strumento logico e retorico poiché l’essenza della persuasione implica convincere le persone ad ascoltarti. E non lo faranno se sei eccessivamente pignolo, pedante, meschino, frettoloso o spiacevole: «il tuo pubblico sarà ricettivo alle tue critiche se hai mostrato di comprendere le sue posizioni e se hai dimostrato buon senso».

***

3. Usa il clacson dei “sicuramente”

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Sì, proprio uno strumento che suoni come il clacson delle auto per segnalare qualcosa di urgente. A questo punto Dennett chiede di trattare la parola “sicuramente” come un segnale retorico del fatto che è stato stabilito un “truismo” esaminato male, senza offrire sufficienti ragioni o prove, sperando che il lettore o chi ascolta concorderà presto e passerà oltre. Ma questo non sempre è il caso, scrive Dennett, in quanto tale espressione spesso segnala un punto debole in un’argomentazione, dato che parole come questa non sarebbero necessarie se l’autore e il lettore fossero davvero “sicuri”.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

***

 

4. Rispondi alle domande retoriche

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Come l’uso di “sicuramente”, una domanda retorica può essere un sostituto del pensiero. Anche se le domande retoriche si basano sul fatto che «la risposta è talmente ovvia che t’imbarazzeresti a rispondere» Dennett raccomanda di farlo comunque. Illustra quest’aspetto attraverso il fumetto dei Peanuts: «Charlie Brown ha appena chiesto retoricamente: “Chi dice cos’è giusto e sbagliato qui?” e Lucy risponde: “Lo farà io”. La risposta di Lucy ha “sicuramente” preso alla sprovvista Charlie Brown. E se fossimo impegnati in un dibattito filosofico, lo costringerebbe a riesaminare le sue premesse».

***

5. Applica il rasoio di Occam

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Occam, filosofo inglese del XIV secolo, ha legato il suo nome al famoso “rasoio”, principio che in precedenza era noto col nome di “legge della parsimonia”. Dennett lo sintetizza così: «L’idea è semplice: non inventare una teoria complicata e stravagante se già ne hai una più semplice (con un minor numero di ingredienti, un minor numero di entità) che spiega il fenomeno altrettanto bene».

 

LEGGI ANCHE – Cartesio e le 12 regole per la guida dell’intelligenza

***

6. Non perdere tempo con le sciocchezze

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Il sesto punto di Dennett espone la “legge di Sturgeon” che stabilisce che «il 90% di ogni cosa è merda». Anche se questo potrebbe essere un’esagerazione, il punto è che non si guadagna nulla perdendo tempo con argomentazioni che non sono buone anche, e soprattutto, a causa di questioni ideologiche.

***

7.  Stai attento alle “profondità”

Come sviluppare il pensiero critico – 7 strumenti utili

Dennett lascia per ultimo il suo spauracchio preferito, quelle che definisce come “deepity”, cioè «un’espressione che sembra essere importante e vera e profonda ma che raggiunge il suo effetto attraverso un certo livello di ambiguità». Qui è dove la devozione di Dennett per la chiarezza a tutti i costi tende a dividere i suoi lettori in due campi. Alcuni pensano che la sua spinta verso la precisione sia un ammirevole sforzo etico-analitico; altri pensano che egli manifesti un ingiusto pregiudizio verso il linguaggio dei metafisici, dei mistici, dei teologi e dei filosofi continentali e post-moderni, e forse anche dei poeti.

***

Insomma non ci resta che applicare questi sette strumenti con metodo e rigore verso noi stessi per verificare se davvero sono utili a sviluppare il pensiero critico.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.