Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come si diventa insegnanti?

Graduatorie insegnantiDal punto di vista filosofico, questa domanda apre una questione e una discussione di lunghissimo corso, che affonda le sue radici quanto meno nel pensiero di Socrate; ma da un punto di vista più pratico, c'è un primo passo da affrontare per diventare insegnanti: iscriversi alle graduatorie.

Parliamo delle Graduatorie di Istituto, che non si devono confondere con le Graduatorie ad Esaurimento: solo alle prime, infatti, è ancora possibile iscriversi, perché sono dedicate a chi non è ancora abilitato e quindi, nello specifico che ci interessa, a chi non ha mai insegnato e desidera farlo. Sul sito orizzontescuola.it si può trovare un'utilissima guida per chi si iscrive per la prima volta. La domanda va presentata entro il 23 giugno 2014 alla scuola capofila, vale a dire alla scuola che si mette per prima, sul modello A2, diverso da quello che deve compilare chi aggiorna la sua posizione; bisogna controllare i titoli di accesso alle rispettive classi di concorso, per avere una panoramica chiara delle possibilità che si presentano. Bisogna ricordare che gli aggiornamenti hanno valore triennale, e che quindi per i prossimi tre anni non sarà possibile accedere alle Graduatorie.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Vale la pena, insomma, di iscriversi nelle Graduatorie di Istituto? Secondo noi la risposta è , anche se in questo momento non avete preso in considerazione l'idea di insegnare. Non sapete, infatti, cosa vorrete fare nei prossimi anni, e potreste cambiare opinione. Non si tratta di considerare il lavoro dell'insegnante una sorta di ripiego, ma di comprendere il meccanismo di lungo corso che regola l'accesso alla professione

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.