Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Come sfuggire alla love addiction. Un estratto da “La principessa che aveva fame d’amore” di Maria Chiara Gritti

Come sfuggire alla love addiction. Un estratto da “La principessa che aveva fame d’amore” di Maria Chiara GrittiLa love addiction è una strana affezione dello spirito per cui ci si innamora di chiunque solo perché si ha bisogno di amare, di trovare dentro di sé quel sentimento di cui sentiamo spesso parlare ma che forse non abbiamo mai davvero provato. Perché è qualcosa di negativo? Perché spinge ad accontentarsi di chiunque pur di colmare quel vuoto che è dentro di noi. E accontentarsi, in amore come negli altri aspetti della vita, non è mai il massimo, e provoca più problemi di quelli che risolve.

Parola della psicologa e psicoterapeuta Maria Chiara Gritti, esperta nel trattamento della dipendenza affettiva, che nel romanzo La principessa che aveva fame d’amore, da poco edito da Sperling&Kupfer, racconta la storia di Arianna, giovane donna che si reca nella Città degli incontri con lo scopo di placare la sua fame d’amore conoscendo un uomo, uno qualunque purché si lasci amare da lei. Ma in questi casi si può parlare davvero di amore?

Qui di seguito in anteprima un estratto del libro, su gentile concessione dell’editore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

4

Bussola

 

Alfio e Rosa continuarono a cimentarsi nella produzione dei nuovi pani, consapevoli dell’importanza di questo nutrimento per la loro principessa, ma, con il passare dei giorni, i risultati cominciarono a venir meno e non ebbero più le forze per cercare quegli ingredienti così estranei al loro mondo e al loro cuore.

Accadde inoltre che il piccolo bambino denutrito che viveva dentro Alfio, messo a tacere per il bene di Arabella, ricominciò a protestare violentemente. Arrabbiatissimo per essere stato di nuovo trascurato, reclamò con forza il cibo che gli mancava.

Rosa si sentiva schiacciata, indaffarata com’era a nutrire due «bambini» avidi di pane: sua figlia e il piccolo Alfio, che ancora non era cresciuto a sufficienza per procacciarsi il pane da solo.

In quella pesante atmosfera, la speranza di riuscire a placare la fame della loro principessa si spense lentamente nel cuore dei due genitori, e i rumori nella pancia di Arabella ricominciarono assordanti. Nuovamente i brontolii suggerivano alla bambina di farsi sentire e, poiché la piccola aveva da poco cominciato a parlare, la esortarono a chiedere a gran voce: «Voglio ancora pane!»

Da qualche tempo, però, nessuno sembrava reagire più alle sue innumerevoli richieste. La mamma insisteva nel creare pani duri e sgradevoli al palato come il Pane dello Sforzo, della Rinuncia e della Privazione, convinta dei poteri nutritivi di questi cibi. Il papà non si era più avvicinato al forno e si limitava a sedersi a tavola accanto alla figlia in attesa di essere sfamato.

Per qualche anno le cose non cambiarono.

Come sfuggire alla love addiction. Un estratto da “La principessa che aveva fame d’amore” di Maria Chiara Gritti

LEGGI ANCHE – Come raccontare una storia d’amore – 16 indicazioni utili

 

Arabella si sentiva disorientata e, non sapendo che cosa fare, si affidava ai consigli della pancia, che le suggeriva di chiedere con fiducia pietanze più piacevoli e saporite. Ma nulla sembrava smuovere i genitori.

Un giorno, l’appetito della piccola fu così intenso da spingerla a strillare come mai aveva fatto in vita sua. La sua fragorosa protesta cadde nel vuoto degli sguardi stanchi della mamma, che la imploravano di non chiedere più nulla, e nelle grida rabbiose del papà, che le intimavano di restare in silenzio una volta per tutte.

Infastidito dalle insistenti richieste della bambina, Alfio si rivolse a lei dicendole una cosa che Arabella non avrebbe mai dimenticato: «Tu non sei una vera principessa!» esclamò guardandola con disprezzo. Poi proseguì: «Le vere principesse non piangono e non disturbano in continuazione, fanno le brave e si accontentano del loro pane… per questo non ti chiamerò mai più così».

 

LEGGI ANCHE – 7 intense storie d’amore della letteratura

 

La piccola rimase paralizzata per lo spavento delle sue stesse urla, ma soprattutto per le parole del papà che, in modo inequivocabile, le tolsero la speranza di poter ricevere da loro altro nutrimento.

Arabella si rese conto di aver assaggiato per la prima volta il Pane della Verità, un pane dal sapore acre che tuttavia le aveva permesso di capire con chiarezza ciò che non avrebbe più dimenticato: i suoi genitori non riuscivano, non volevano o forse non erano in grado di produrre altri tipi di pane e, continuando a protestare, avrebbe rischiato di perdere anche quelle poche briciole che riuscivano a donarle.

Quell’amara consapevolezza provocò in lei un’immensa disperazione e, con i morsi della fame che continuavano a tormentarla, corse nella sua cameretta alla ricerca di un luogo tranquillo in cui sfogarsi.

Si nascose dentro l’armadio, il suo nascondiglio segreto, dove nessuno avrebbe potuto vederla né sentirla, e, con la testa appoggiata ai suoi morbidi vestitini, si abbandonò al pianto.

Ma non era sola: qualcuno stava ascoltando le sue lacrime cadere dalle guance. Improvvisamente, tra un singhiozzo e l’altro, la bambina sentì provenire dal profondo della pancia una voce rassicurante che le diceva: «Arabella, sono qui con te».

Uscì con un balzo dall’armadio con il cuore che palpitava per il terrore e si mise a correre verso il giardino, fermandosi tra le radici della quercia.

Qui, mentre il visino si copriva di calde lacrime, inaspettatamente sentì la stessa voce: «Ovunque andrai io sarò sempre con te».

La piccola non riusciva a comprendere che cosa le stesse accadendo. Pensò di fuggire da casa verso il bosco, convinta che nessuno l’avrebbe potuta seguire, ma, mentre si arrampicava sui rami di un possente pino, udì pronunciare queste parole: «Non scappare, Arabella, io sono venuta per aiutarti».

Arabella comprese che era inutile nascondersi, perché la voce l’avrebbe comunque raggiunta e, sapendo di non avere scampo, mangiò tutto il Pane del Coraggio che aveva con sé e domandò: «Ma chi sei? E perché continui a perseguitarmi?»

Come sfuggire alla love addiction. Un estratto da “La principessa che aveva fame d’amore” di Maria Chiara Gritti

La voce allora rispose: «Cara Arabella, io sono sempre stata con te fin da quando sei nata. Ero io che brontolavo dentro la tua pancia e ti incoraggiavo a esprimere alla mamma e al papà il tuo bisogno di pane… io mormoravo esortandoti a chiedere con fiducia il nutrimento necessario per te».

Con gli occhi spalancati, Arabella gridò: «Ma allora eri tu che di notte continuavi a borbottare nella mia pancia senza lasciarmi dormire?»

La voce disse: «Sì, Arabella, ero io».

 

LEGGI ANCHE – Come far durare l’amore. I segreti di Kahlil Gibran

 

Arabella incalzò: «E sei stata tu, oggi, a spingermi a gridare con violenza la mia fame?»

E la voce di nuovo rispose: «Sì, sono stata io».

Fuori di sé, Arabella domandò: «Ma perché mi tormenti e mi spingi a piangere e gridare in continuazione? Perché mi obblighi a chiedere pane ai miei genitori facendoli arrabbiare?»

Con tono pacato, la voce replicò: «Non voglio farti del male, Arabella. Io ti sono stata donata per dare voce ai tuoi bisogni e aiutarti a chiedere quello che ti serve per diventare una donna forte e felice. Per questo motivo, quando la mamma e il papà non riescono a nutrirti a sufficienza, io ti spingo a esprimere il tuo enorme bisogno di pane».

Arabella rimase in silenzio ad ascoltare.

«Vedi, Arabella», continuò la voce, «le persone poco nutrite possono correre grandi pericoli. Capita spesso che senza il cibo giusto si indeboliscano e non abbiano forza a sufficienza per inseguire il Pane della Vita. Ci vuole forza per trovare il pane adatto. Chi rimane per troppo tempo a digiuno corre il rischio di accontentarsi e di nutrirsi di pani sbagliati pur di placare l’appetito.»

Le parole della voce erano molto difficili da comprendere per Arabella, ma con il cuore la piccola sentiva che erano cose sagge.

La voce proseguì: «Se mi ascolterai, io ti aiuterò a inseguire il Pane dei tuoi Desideri. Se ti rivolgerai a me, soprattutto nei momenti bui e difficili, io ti indicherò sempre la direzione per trovare il Buon Pane».

Mentre ascoltava la voce, Arabella ripensò a una favola che spesso la mamma le raccontava prima di addormentarsi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Era la storia di un marinaio che aveva affrontato moltissimi viaggi pericolosi alla ricerca di pane per sfamarsi. Capitava che le tempeste lo trascinassero lontano dalle rive e spesso rischiava di perdere la rotta, ma ogni volta riusciva a salvarsi grazie a un oggetto misterioso, una bussola, che aveva il potere magico di indicargli sempre la giusta via per ritornare nelle isole dove si trovava il Buon Pane.

Arabella pensò che la voce fosse molto simile a quell’oggetto prodigioso e che, proprio come accadeva al marinaio, anche lei avrebbe potuto utilizzarla per trovare la via del Pane Giusto.

«Senti, voce», disse timidamente Arabella, «mi piacerebbe poterti dare un nome per chiamarti ogni volta che sentirò il bisogno di interpellarti.»

Incuriosita, la voce chiese: «Hai già deciso come vorresti chiamarmi?»

«Pensavo che ti starebbe molto bene il nome Bussola», esclamò Arabella.

«Mi piace moltissimo», replicò la voce, «sarò la tua Bussola interiore e, ogni volta che avrai bisogno di rivolgerti a me, risponderò a questo nome!»

Arabella era felice. Il dialogo con Bussola aveva cancellato ogni dolore dal cuore, poiché le aveva fatto capire di non essere più sola. Aveva trovato un’amica, una guida, qualcuno che si sarebbe occupato di lei e l’avrebbe aiutata a placare la fame.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.