Tre tipi di lettori secondo Hermann Hesse

Bob Dylan è un poeta? La risposta di Kurt Vonnegut

I paesi in cui si legge di più

5 cose sul nuovo romanzo di Stephen King

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmi

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmiNella puntata precedente di Come scrivere una sceneggiatura, abbiamo visto come dividere un racconto filmico in tre atti, quindi adesso abbiamo un'idea più precisa di come impostare la storia, di quale conflitto crearee di come proseguire per raggiungere la risoluzione al conflitto.

La divisione in tre atti di origine aristotelica è quasi totalmente adottata dai saggisti che si occupano di scrittura filmica.

Il primo ad usarla con successo è stato Syd Field nel suo The Foundations of Screenwriting dove viene studiata la struttura con il relativo paradigma. Se la struttura è lo scheletro di una storia, il paradigma è il suo modello, uno strumento che permette di lavorare e di verificare.

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmi

Se guardiamo con attenzione i primi trenta minuti di un film ci accorgiamo che avviene sempre qualcosa d'importate dopo una dozzina di minuti dall'inizio e non si tratta di una pinza, cioè di un piccolo evento legato al primo colpo di scena, è invece un evento autonomo e importante che inciderà nella vita del protagonista anche dopo il primo colpo di scena.

In alcuni saggi questo momento viene confuso o chiamato erroneamente incidente scatenante, invece David Trottier nel suo Screenwriter's Bible lo chiama più propriamente Evento Catalizzatore.

David Trottier mantiene la divisione in tre atti e inserisce sette grandi eventi nel suo paradigma. Sostiene che una storia, comunque venga divisa, resterà sempre formata da tre momenti, un inizio, un centro e una fine.

All'interno di quei tre momenti si nascondono dei Punti di svolta (Turning points), tutti quegli eventi importanti che complicano o addirittura capovolgono l'azione del protagonista e che possono essere dati da momenti di suspense, rivelazioni e crisi.

Nel concreto, una storia può avere dozzine di punti di svolta ma solo due sono quelli che permettono il passaggio da un atto all'altro.

Il primo di questi due grandi punti di svolta, che Field chiamava Primo Colpo di Scena, chiude il primo atto e trasporta il lettore nel secondo atto. Trottier li chiama Grandi Eventi perché è solo un grande evento che drammaticamente colpisce la vita del personaggio principale.

Il secondo grande punto di svolta porta il lettore all'interno del terzo atto e quindi al regolamento dei conti passando per una Crisi che spinge con forza il protagonista verso l'azione finale o una serie di azioni risolutive.

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmi

Riassumo in una lista la teoria degli Eventi di David Trottier:

  1. un antefatto che tormenta il protagonista.
  2. un catalizzatore che troviamo tra pagina 10 e pagina 15. Per fare un esempio pratico, l'evento catalizzatore del primo film di Guerre Stellari si ha quando Luke, armeggiando con R2-D2, fa partire un'immagine olografica della Principessa Leila che dice: «Aiutami Obi-Wan, sei la mia unica speranza». Da quel momento in poi Luke avrà il desiderio di aiutare la bella principessa.
  3. un Grande Evento che cambia la vita del personaggio. Sempre citando il primo Guerre Stellari, il Grande Evento si verifica quando Luke, tornando a casa, scopre che gli zii sono stati trucidati. In quel momento il protagonista si unisce a Obi-Wan per combattere l'impero.
  4. il Punto Medio, che è all'incirca a pagina 60, è un punto di non ritorno e anche un momento di profonda motivazione. Dal Punto medio in poi, il protagonista porta avanti con maggiore forza le azioni, il conflitto s'intensifica e il ritmo narrativo si accelera fino a quando non viene raggiunta la Crisi.
  5. la Crisi è il punto più basso, un evento che impone una decisione chiave che porta alla conclusione della storia. La crisi, il momento in cui tutto sembra perduto, è il punto in cui il protagonista si trova di fronte a una decisione cruciale.
  6. il Climax è la prova di forza, è il faccia a faccia finale tra protagonista e antagonista.
  7. la Realizzazione si verifica quando il lettore o il pubblico vede che il protagonista è cambiato o ha realizzato qualcosa.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

A differenza di Field e di Trottier, Cristopher Vogler, nel suo Il viaggio dell'eroe, permette un vero approfondimento del personaggio.

La teoria di Vogler proviene da lontano, da studi psicologici e antropologici come quelli di Carl G. Jung, Mircea Eliade, Theodore Gaster, Heinrich Zimmer e Joseph Campbell.

Ne Il viaggio dell'eroe, Cristopher Vogler definisce la funzione psicologica e drammatica dell'eroe e spiega la diversa tipologia di ogni archetipo.

Il viaggio dell'eroe è la metafora di un viaggio interiore di profonda trasformazione che eroi in ogni tempo e luogo hanno avuto in comune. Le tappe che l'eroe segue durante il suo percorso sono dodici:

  1. il mondo ordinario;
  2. il richiamo verso l'avventura;
  3. il rifiuto dell'avventura;
  4. l'incontro con il mentore;
  5. l'attraversamento della prima soglia;
  6. le prove, gli alleati e i nemici;
  7. l'avvicinamento alla grotta più recondita;
  8. la prova suprema;
  9. la ricompensa o l'impadronirsi della spada;
  10. la strada del ritorno;
  11. la rinascita;
  12. il ritorno con l'elisir.

Il percorso disegnato da Vogler è ciclico

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmi

ma può essere disposto sull'asse del tempo dei tre atti:

Come scrivere una sceneggiatura – Strutture e paradigmi

Chiudo questa puntata di Come scrivere una sceneggiatura con la frase scherzosa di William Somerset Maugham: «Vi sono tre regole fondamentali per scrivere un romanzo. Per sfortuna nessuno sa quali siano».

Con questa battuta di certo non voglio sottovalutare gli studi da me citati sopra, ma piuttosto desidero osservare che talvolta un metodo che funziona per uno scrittore può non funzionare per un altro, quindi ciascuno di noi deve imparare a riconoscere qual è il metodo più congeniale a sé stesso.

Nella prossima puntata di Come scrivere una sceneggiatura applicherò queste regole e sceneggerò, facendo degli esempi, la novella di Émile Zola, Angeline o la casa infestata.


Segui tutte le lezioni di Come scrivere una sceneggiatura.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (8 voti)

Commenti

Quando si tratta di argomenti complessi in modo generale si omettono informazioni che spesso portano il lettore a dei fraintendimenti.
Non è questo il caso. Pur abbracciando un argomento vasto in poche righe riesce a dare una perfetta visione di insieme.

Come viene detto nel primo articolo sono solo appunti, ma rivelano la sostanziosa preparazione sull'argomento.
Complimenti e grazie di condividere queste conoscenze.

Grazie. Sono contenta di esservi utile con questi appunti.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.